Festival di Sanremo 2022: anticipazioni, cantanti, cover, ospiti

Festival di Sanremo 2022, anticipazioni su cantanti, conduttori, ospiti e date. Quando inizia? Chi c’è in gara? Tutte le informazioni.

Il Festival di Sanremo 2022, settantaduesima edizione del Festival della canzone italiana, è l’evento televisivo, musicale e di costume più importante dell’anno che appassiona il pubblico già mesi prima con il toto cantanti e il toto conduttori. Cerchiamo di fare il punto della situazione e di rispondere alle domande più frequenti, tipo: quando va in onda? Chi lo conduce? Quali cantanti partecipano? Come posso acquistare il biglietto? Che novità sono previste? Andiamo con ordine.

 

Sanremo 2022: quando inizia? Le date

Le date del Festival 2022 sono state comunicate il 22 giugno durante la presentazione dei palinsesti RAI. La settantaduesima edizione si terrà nel comune ligure da martedì 1 a sabato 5 febbraio 2022. La cornice sarà nuovamente quella del Teatro Ariston.

Sanremo 2022: artisti in gara

Dopo l’edizione monstre del 2021 con 26 Big e 8 Nuove Proposte in gara – per un totale di 34 canzoni – il direttore artistico Amadeus è intenzionato a ridurrne il numero. Una prima ipotesi ha indicato un numero di artisti in gara complessivo di 20 cantanti, per cui la domanda nascerebbe spontanea: con solo 20 cantanti e senza DopoFestival, come si riempie la durata monstre di 5 ore a serata tanto cara ad Amadeus?

Ospite di Porta a Porta, Amadeus parla di un massimo di 24 cantanti in gara, inclusi i due Giovani promossi a Campioni. La conferma arriva con il Regolamento di Sanremo 2022, pubblicato a fine ottobre: girone unico, 22 cantanti scelti dalla Direzione Artistica e 2 provenienti da Sanremo Giovani 2021.

La situazione cambierà poco dopo: Amadeus annuncia che a Sanremo andrà tutto il podio di Sanremo Giovani con la variazione al regolamento del 14 dicembre 2021.

Sanremo 2022: cantanti in gara

Restano, invece, 22 gli artisti selezionati dalla Commissione Artistica. Vista la fuga di notizie da Chi, Amadeus li ha annunciati  durante il Tg1 ore 20 del 4 dicembre 2021 in due collegamenti con Francesco Giorgino. A questi 22 si sono aggiunti i primi tre classificati di Sanremo Giovani: in tutto, quindi, i cantanti di Sanremo 2022 sono 25.

Questi i nomi che saliranno sul palco dell’Ariston:

  1. Achille Lauro con l’Harlem Gospel Choir – Domenica
  2. Michele Bravi Inverno dei fiori
  3. Iva Zanicchi – Voglio amarti
  4. Rkomi Insuperabile
  5. Fabrizio Moro Sei tu
  6. Irama Ovunque sarai
  7. Mahmood e Blanco Brividi
  8. Giusy Ferreri – Miele 
  9. Giovanni Truppi Tuo padre, mia madre, Lucia
  10. Emma Ogni volta è così
  11. Aka 7even Perfetta così
  12. Dargen d’Amico Dove si balla
  13. Gianni Morandi Apri tutte le porte
  14. Ditonellapiaga e Rettore Chimica
  15. Elisa O forse sei tu
  16. Noemi – Ti amo non lo so dire
  17. Highsnob e Hu Abbi cura di te
  18. Le Vibrazioni Tantissimo
  19. Sangiovanni Farfalle
  20. Massimo RanieriLettera al di là del mare
  21. La Rappresentante di Lista Ciao ciao
  22. Ana Mena – Duecentomila ore
  23. YumanOra e qui (Sanremo Giovani – Primo classificato)
  24.  TananaiSesso occasionale (Sanremo Giovani – Secondo classificato)
  25.  Matteo RomanoVirale (Sanremo Giovani – Terzo classificato)

Achille Lauro

Achille Lauro

All’anagrafe è Lauro de Marinis, 31 enne. I suoi primi passi nella musica avvengono nel 2012 con un mixtape intitolato Barabba Mixtape.

Dal 2014 ad oggi ha pubblicato 6 album in studio, dalla quale ha estratto singoli di successo. Due album di cover ed ha sfruttato la sua passione per il cinema partecipando come attore a diversi lungo/cortometraggi. Sarebbe teoricamente la sua quarta partecipazione consecutiva al Festival di Sanremo. Le prime due come cantante in gara nel 2019 con il brano Rolls Royce e nel 2020 con Me ne frego, mentre nel 2021 è tornato in qualità di interprete di ‘quadri’ musicali.

Michele Bravi

Michele Bravi

Classe 1994, Michele ha vinto la settima edizione di X Factor nel 2013. Nello stesso anno pubblica il suo primo singolo La vita e la felicità, stesso titolo del suo primo EP. Nel 2014 pubblica l’album d’esordio A passi piccoli. Ne segue un secondo nel 2017 ed un terzo nel 2021.

E’ stato tutor ad Amici nella stagione 2017/2018 ed ha partecipato come concorrente ad Amici Speciali nel 2020. E’ la sua seconda partecipazione in gara a Sanremo, la prima nel 2017 con Il diario degli errori. Le altre esperienze sul palco dell’Ariston: nel 2018 ospite duettante con Annalisa e nel 2021 per la stessa ospitata, ma con Arisa.

Iva Zanicchi

Iva Zanicchi

Da poco ha festeggiato i primi 60 anni di carriera con uno special in onda su Canale 5 intitolato D’Iva. Alle sue spalle “l’aquila di Ligonchio” (così come viene soprannominata) ha una lunga lista di album, premi, conduzioni di trasmissioni tv, riconoscenze e anche partecipazioni al Festival.

Per lei questa sarà la decima volta sul palco dell’Ariston, di queste 10 partecipazioni, tre sono state vittoriose (nel 1967, ’69 e ’74). Nel 1977 e 1979 ci è tornata da ospite. Nel 2001 è entrata far parte della giuria di qualità, mentre nel 2005 è stata opinionista.

Rkomi

Rkomi

Tra i più giovani del cast (nonché esordiente) al Festival di quest’anno, Mirko Manuele Martorana è nato nel 1994 e da pochi anni è entrato a far parte del ventaglio degli artisti di successo. Comincia la sua carriera ad appena 17 anni con i primi mixtape autoprodotti.

Nel 2017 ha pubblicato il suo primo album Io in terra, ne seguiranno altri due: nel 2019 (“Dove gli occhi non arrivano”) e nel 2021 (“Taxi Driver”), anno che ha siglato la candidatura come miglior artista italiano agli MTV Europe Music Awards.

Fabrizio Moro

Fabrizio Moro

Romano, classe 1975. E’ in attività dal 1996, ma per approdare a Sanremo si deve attendere il 2000 quando partecipò nelle nuove proposte nel secondo Festival condotto da Fabio Fazio. Passano altri 7 anni prima di rivederlo all’Ariston, nel 2007 vince la categoria Giovani (e il premio della critica Mia Martini) con Pensa.

Tornò l’anno successivo, nel 2010, 2017 e 2018 per un totale di 6 partecipazioni sino ad oggi. L’ultima volta ha vinto il Festival insieme ad Ermal Meta con Non mi avete fatto niente, brano portato anche all’Eurovision Song Contest poco tempo dopo la vittoria.

Irama

Irama

Per Filippo Maria Fanti (suo vero nome) sarà la quarta volta in gara. Il suo esordio avviene proprio al Festival di Sanremo nel 2016 nelle nuove proposte, altre partecipazioni nel 2019 (categoria Big) e nel 2021.

Proprio la scorsa edizione, Irama fu protagonista (suo malgrado) di una disavventura. Uno dei suoi collaboratori risultò positivo al Covid. L’artista non risultò positivo, ma per precauzione ha dovuto rispettare un periodo di quarantena rischiando il ritiro. Amadeus in poco tempo modificò il regolamento e decise di far gareggiare Irama con la registrazione del suo brano cantato durante le prove ufficiali.

Mahmood e Blanco

mahmood blanco sanremo 2022

Alessandro Mahmoud, classe 1992 ha partecipato nel 2012 alla sesta edizione di X Factor nel 2012. Nel 2015 partecipa ad Area Sanremo vincendo il concorso e qualificandosi di diritto a gareggiare nelle nuove proposte dell’edizione 2016 dove arriva quarto con Dimentica. Si ripresenta a Sanremo Giovani 2018 con Gioventù Bruciata, lo vince ed entra di diritto tra i Big del Festival 2019 con Soldi, brano vincitore di quell’edizione. Per lui sarà la terza partecipazione.

Blanco (Riccardo Fabbriconi), classe 2003 è uno degli artisti emergenti del panorama musicale italiano. E’ alla sua prima volta in gara al Festival. Dopo diversi singoli di successo, lo scorso settembre 2021 ha pubblicato il suo primo album.

Giusy Ferreri

Giusy Ferreri

Conosciuta per aver partecipato alla prima edizione di X Factor nel 2008, Giusy ha costruito la sua carriera negli anni con sei album in studio (l’ultimo risale al 2017 ed è intitolato Girotondo), una serie di riconoscimenti, premi e collaborazioni che negli ultimi anni hanno fruttato anche dei tormentoni estivi.

In passato ha partecipato per tre volte in gara al Festival di Sanremo: 2011, 2014 e 2017. Nel 2018 fu ospite nella serata dei duetti con Roby Facchinetti e Riccardo Fogli.

Giovanni Truppi

Giovanni Truppi

Nato a Napoli nel 1981, è in attività dal 2009. Ha cinque album all’attivo, il primo pubblicato nel 2009, l’ultimo a dieci anni di distanza, nel 2019. Ha collaborato con Calcutta, La Rappresentante di Lista, Niccolò Fabi e Brunori Sas E’ alla sua prima volta sul palco dell’Ariston .

Emma

Emma

Esordisce nel 2003 partecipando al talent show Superstar tour, programma di Italia 1 che forma il gruppo delle Lucky Star, poi sciolto qualche anno dopo. Partecipò e vinse la nona edizione di Amici di Maria de Filippi nel 2010, programma in cui tornò per coprire il ruolo di coach e direttore artistico. Dal 2020 è uno dei giudici di X Factor, su Sky.

Due partecipazioni in gara al Festival: nel 2011 e nel 2012 quando lo vinse con Non è l’inferno. Una co-conduzione nel 2015 al fianco di Carlo Conti ed altrettante ospitate nel 2013 e 2020.

Aka 7even

Aka 7even

Luca Marzano (suo vero nome) ha 21 anni. Ha partecipato ad X Factor nel 2017 arrivando alla fase dei bootcamp, ma è nel 2020 che arriva alla notorietà grazie ad Amici di Maria de Filippi dove si classifica terzo nella ventesima edizione. Il suo primo album è pubblico dallo scorso maggio e si intitola proprio come il suo nome d’arte. Prima volta al Festival di Sanremo in gara.

Dargen d’Amico

Dargen D'amico

Il suo vero nome è Jacopo d’Amico, è nato nel 1980 ed è in attività nel panorama musicale italiano da più di 20 anni. Nel suo albo una serie di collaborazioni con artisti della scena pop, hip hop e rap. Si ispira alla musica di Franco Battiato, Jannacci e Lucio Dalla. Dopo una parentesi con il gruppo Sacre Scuole messo in piedi insieme a Guè Pequeno e Jake la Furia, ha pubblicato diversi album in studio da solista tra il 2006 e il 2020.

Gianni Morandi

Gianni Morandi

Cantante, attore, conduttore. Morandi torna a Sanremo nel 60° anno di carriera dopo esser stato partecipante in gara per 5 volte (una di queste vinta con Enrico Ruggeri e Umberto Tozzi per Si può dare di più) e a distanza di 50 anni dalla prima volta.

Nel 2011 e 2012 Sanremo lo ha anche condotto. L’edizione numero 61 l’ha condotta con Belén Rodríguez, Elisabetta Canalis e Luca e Paolo. La numero 62 invece con Rocco Papaleo e Ivana Mrázová.

Ditonellapiaga e Rettore

ditonellapiaga rettore

Donatella Rettore (più semplicemente Rettore) dal 1973 (anno in cui ha iniziato a muovere i primi passi in musica) fino ad oggi ha messo in cassaforte quasi 20 album, un numero consistente di partecipazioni a manifestazioni musicali, premi e, in più, anche esperienze cinematografiche. Nel 2004 è stata concorrente nel reality show La fattoria, nel 2017 per tre puntate ha preso parte a Tale e Quale show e nel 2019 è stata Coach e giudice di Ora o mai più 2.

Ha collezionato quattro Festival di Sanremo come artista in gara: nel 1974, 1977, 1986 e 1994. L’anno scorso ha partecipato alla serata cover insieme ai La rappresentante di lista.

Ditonellapiaga (Margherita Carducci) classe 1997 è di origini romane. Debutta al Festival ed è tra i nomi emergenti dell’indie pop italiano. Nel settembre 2019 ha pubblicato il suo primo singolo Parli, nel 2020 ha continuato a lavorare in vista del suo primo EP uscito lo scorso aprile.

Elisa

Elisa

Cantatutrice, musicista e produttrice, Elisa (nata nel 1977) è in attività da oltre 20 anni. Nel suo palmares professionale c’è anche il ruolo di direttore artistico e coach ad Amici di Maria de Filippi tra il 2015 ed il 2018 insieme ad Emma.

Nel 2001 (con la sua prima e unica volta a Sanremo come artista in gara) segna la vittoria con il brano Luce (tramonti a Nord-Est). Da allora non è mai tornata come artista in gara bensì per 4 volte come ospite: nel 2007, 2010, 2016 e 2019.

Noemi

Noemi

Ritorna all’Ariston per la settima volta in gara dopo esserci stata anche un anno fa con il brano Glicine. Precedentemente ha partecipato al Festival nel 2010, poi 2012, 2014, 2016 e 2018.

La conoscenza al grande pubblico avviene grazie ad X Factor, nel 2009 è una delle concorrenti della seconda edizione. Più avanti è stata giudice per The Voice of Italy dal 2013 al 2015, Sanremo Young 2019, per il Festival di Castrocaro 2021 e recentemente è stata concorrente a Soliti Ignoti, programma condotto proprio da Amadeus.

Highsnob e Hu

highsnob hu sanremo 2022

Si chiama Highsnob, ma all’anagrafe è Michele Matera. Esordio Sanremese per il rapper proveniente da Avellino ma cresciuto a La Spezia. Tutto inizia da un progetto collettivo con i Bushwaka, ma è nel 2016 che prende vita la sua carriera solista. Nel 2017 pubblica il suo primo EP dal quale spiccano collaborazioni con artisti del panorama rap italiano. Due anni dopo, nel 2019, arriva il primo album: Yang.

Hu è il nome d’arte di Federica Ferracuti (classe 1994). Ha partecipato nel 2020 al format AmaSanremo da dove ha avuto accesso alla fase finale nel dicembre dello stesso anno, senza però riuscire a proseguire l’avventura. Questa volta il suo approdo all’Ariston avviene direttamente tra i big, sarà un esordio nella gara ufficiale.

Le vibrazioni

Le vibrazioni

Quarta partecipazione per il gruppo fondato nel 1999 capitanato da Francesco Sarcina. La prima nel 2005, nel Festival di Paolo Bonolis. La seconda ben 13 anni dopo in quello di Claudio Baglioni e la terza nel primo targato Amadeus.

Curiosamente per il frontman si aggiunge una partecipazione da solista nel 2014, nel quarto e finora ultimo Sanremo di Fazio. Sarcina nel 2014/15 è stato insegnante di canto nella scuola di Amici, mentre nel 2016 è stato concorrente della quinta edizione di Pechino Express.

Sangiovanni

Sangiovanni Sanremo 2022

Vincitore della sezione canto di Amici 2020/21, Sangiovanni (classe 2003, nato a Vicenza) è alla sua prima volta all’Ariston di Sanremo in gara. Arriva da una stagione colma di singoli pubblicati e riconoscimenti per alcuni dei brani estratti dal suo album omonimo d’esordio uscito nel maggio 2021.

Massimo Ranieri

Massimo Ranieri

Nasce nel 1951 a Napoli, l’esordio nel mondo della musica avviene fin da giovane, nel 1964. Nel suo albo d’oro oltre 30 album venduti in tutto il mondo. La scalata al successo passa per esperienze cinematografiche e televisive. Dagli anni ’70 in poi Ranieri ha avuto modo di trasformarsi anche in conduttore. Si segnalano negli ultimi anni trasmissioni da lui condotte come Tutte donne tranne me su Rai 1 nel 2007, Sogno e son desto dal 2014 al 2016, Qui e adesso su Rai 3 nel 2020.

E’ stato giudice per Sarà Sanremo (Sanremo Giovani) nel 2016. Le partecipazioni a Sanremo sono fino ad ora sei (escluse le ospitate), l’ultima nel 1997.

La rappresentante di lista

La rappresentante di lista Sanremo 2022

Il ritorno ad un anno dalla prima partecipazione in gara per il duo formato nel 2011. Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina pubblicano il loro primo album nel 2014, a seguire un secondo nel 2015 e ancora nel 2018. Il quarto lavoro discografico comprende anche Amare, il brano presentato a Sanremo 2021.

Nel 2020 sono stati ospitati nella serata delle cover con Dardust per cantare insieme a Rancore (rapper in gara quell’anno).

Ana Mena

Ana mena

È l’unica cantante straniera e per di più al debutto in gara. Nata in Andalusia (Spagna) nel 1997, Ana Mena non solo è cantante ma anche attrice. Ha preso parte a miniserie e serie tv spagnole tra il 2009 e il 2014 e varietà come Tu cara me suena (versione spagnola di Tale e quale show). Da qualche anno è conosciuta anche in Italia per alcuni brani portati al successo con Fred de Palma e Rocco Hunt.

Nel 2020 è stata ospitata al Festival di Sanremo per la serata delle cover duettando con Riki (Riccardo Marcuzzo).

Festival di Sanremo 2022 cantanti: anticipazioni e totonomi

Ora che i nomi ufficiali sono noti, possiamo ripercorrere il toto nomi del Festival che ha iniziato a circolare alla fine dell’estate 2021.

Tra i primissimi nomi fatti al momento della conferma del conduttore/direttore artistico quelli di Lorenzo Fragola, che si è autocandidato, e il vincitore della Sezione Nuove Proposte 2021 Gaudiano (anche se lo scorso anno avrebbe dovuto esserci Leo Gassmann e invece Amadeus scelse Fasma).

Sanremo 2022, Big: totonomi ottobre

Stando a Il Messaggero, rilanciato da Dagospia, Elisa ha presentato un brano in coppia con il rapper Rkomi; altri nomi papabili nella rosa stilata dal quotidiano Loredana Bertè (al lavoro su un disco con Gaetano Curreri e Ligabue), Tommaso Paradiso, Blanco, Ariete, Anna, Alfa e Il Tre, Aka7even, Gianluca Grignani. Giusy Ferreri, Dolcenera e Simona Molinari, Zen Circus, Marlene Kuntz, Zero Assoluto, Kolors, Boomdabash, Federico Rossi, Caccamo, Mannarino e l’Orchestraccia. E ancora Gli Eugenio in via di Gioia con Elio, Paolo Jannacci con Stefano Massini.

Sempre stando a Il Messaggero, sarebbero pronti a riprovarci Francesco Renga (nonostante abbia già partecipato l’anno scorso), Marco Masini (nonostante sia reduce da un concerto all stars all’Arena di Verona per festeggiare i suoi primi 30 anni di carriera e che era tornato in gara con l’amico Conti), Carmen Consoli (nonostante sia fresca di disco già uscito e idolatrato, ma in una intervista ha detto di essere “pronta per Sanremo“): diciamo che potremmo essere in area superospiti.

Sanremo 2022, Big: totonomi dicembre

Chi anticipa il 1° dicembre 16 dei 22 artisti in gara. Stando alle anticipazioni del settiminale di Signorini saranno in gara

  1. Aka 7Even
  2. Ariete
  3. Boomdabash
  4. Giovanni Caccamo
  5. Donatella Rettore con Ditonellapiaga
  6. Elisa
  7. Emma
  8. Eugenio in Via di Gioia con Elio e le Storie Tese
  9. Giusy Ferreri
  10. Gianni Morandi
  11. Fabrizio Moro
  12. Orchestraccia
  13. Rkomi
  14. Tecla con Alfa
  15. Il Tre
  16. Le Vibrazioni

Sanremo Giovani 2021, cancellata la sezione Nuove Proposte

La pubblicazione del regolamento di Sanremo Giovani 2021 conferma le anticipazioni di All Music Italia uscite ai primi di settembre 2021 secondo le quali Amadeus avrebbe pensato di cancellare la Sezione Nuove Proposte per adottare il meccanismo scelto da Claudio Baglioni per Sanremo Giovani 2018. In pratica non verrebbe costituita la Sezione Nuove Proposte da far esibire all’Ariston – composta da 8 talenti di cui 6 scelti tramite le serate dedicate di Sanremo Giovani e i due provenienti da Area Sanremo -, ma si provvederebbe a selezionare due (o più) Giovani che entrerebbero di diritto nel gruppo dei BIG. Fu così che tra i Big di Sanremo 2019 parteciparono Einar e Mahmood, che poi vinse quell’edizione con Soldi: in quel caso la selezione avvenne con due serate televisive in cui si esibirono 24 artisti, divisi in due gruppi da 12; i vincitori di ciascuna serata entrarono nella Sezione Big.

E infatti così è: la sezione Nuove Proposte scompare da Sanremo 2022. I due vincitori di Sanremo Giovani 2021 entrano in gara direttamente nella sezione Campioni. La finale di Sanremo Giovani è prevista per il 15 dicembre 2021 in diretta su Rai 1: può essere l’occasione per annunciare i BIG di Sanremo 2022.

Sanremo 2022, annuncio Big quando?

Due le possibilità: la lista dei Big di Sanremo 2022 può essere presentata al pubblico il 15 dicembre, in occasione della finalissima di Sanremo Giovani, o il 6 gennaio, in occasione dello Speciale Soliti Ignoti – Lotteria Italia. In realtà, le anticipazioni di Chi, cui abbiamo fatto cenno in precedenza e che hanno visto il settimanale spoilerare a fine novembre 16 dei 22 Big in gara, hanno spinto Amadeus a modificare il regolamento e ad annunciare i Big durante l’edizione del Tg1 delle 20 di sabato 4 dicembre 2021.

Sanremo 2022, cantanti squalificati: l’errore di Morandi

Il Festival di Sanremo entra nel vivo quando un artista pubblica per errore qualche estratto del brano in gara. L’anno scorso capitò a Fedez, mentre Rettore si è presentata nella serata di Sanremo Giovani di dicembre 2021 canticchiando il refrain del suo brano (prontamente interrotta da Amadeus).

A scivolare sui social è stato poi Gianni Morandi che ha pubblicato il 3 gennaio 2022, per errore, un estratto del suo brano. Valutato l’incidente, la Commissione Artistica ha deciso di non squalificare l’artista, argomentando la decisione in una nota ufficiale.

“In merito alla diffusione involontaria del brano di Gianni Morandi, in gara al 72mo Festival della Canzone di Sanremo, la Direzione artistica in accordo con Rai1 non ritiene di dover escludere la suddetta canzone perché si è trattato di un puro inconveniente tecnico, dovuto alla necessità di Morandi di portare un tutore alla mano destra che ha subito diversi interventi a seguito dell’incidente occorsogli alcuni mesi fa. L’impedimento al movimento della mano ha determinato l’errore per cui Morandi ha messo in rete il back stage che stava vedendo privatamente. Morandi non è mai ricorso a social media manager per la gestione del suo profilo Facebook e ha quindi commesso l’errore tecnico sopra menzionato.  Restano quindi in gara la canzone e l’artista Morandi”.

In seguito anche Morandi ha chiesto scusa con un post sui suoi social.

Chi conduce il Festival di Sanremo 2022? Amadeus

Festival di Sanremo conduttore Amadeus - Fiorello
Festival di Sanremo i conduttori Amadeus – Fiorello © Getty Images © Getty Images © Getty Images © Getty Images © Getty Images © Instagram © Getty Images © Getty images © Instagram © Instagram © Instagram © Instagram © Instagram © instagram © Getty Images © Getty Images © Getty Images © Instagram

Complice il rinnovo della dirigenza della RAI, al momento il conduttore non è stato ancora scelto. Il nome più gettonato è quello di Amadeus per almeno tre motivi: i primi due Festival che ha presentato hanno ringiovanito la kermesse musicale, portando sul palco tante artisti provenienti dal panorama indie italiano; le ultime due edizioni hanno visto trionfare la buona musica con Diodato e i Maneskin a dimostrazione che il suo lavoro come direttore artistico è stato valido tanto quanto quello di conduttore; Sanremo 2021 doveva essere il Festival della rinascita e della ripartenza post Covid e non ha potuto esserlo e l’azienda ha un debito morale nei confronti di Amadeus che si è sobbarcato il peso di guidarlo in piena emergenza, con grandi restrizioni e senza pubblico in sala.

C’è da dire che Amadeus, da marzo a luglio 2021, dopo aver chiuso ad ogni possibilità di ripetere l’esperienza per la terza volta, ha lentamente aperto all’ipotesi di un Ama Ter:

Per me, la priorità è poterlo fare solo se ci saranno le reali possibilità di fare un Sanremo importante, il Sanremo della rinascita..

Dal canto suo, il direttore di Rai1 Stefano Coletta ha ammesso di essersi più volte confrontato con il conduttore:

Riguardo Sanremo, con Amadeus, stiamo parlando da un po’ di tempo. Amadeus ci sta riflettendo, dobbiamo capire il potenziale espressivo di un Sanremo che tornerà, speriamo, nella potenzialità piena degli strumenti. Al di là dello show, penso sia innegabile il grande lavoro che Amadeus ha fatto come direttore artistico. Tornare indietro da quel tipo di lavoro sarebbe una regressione dello show e della cultura musicale. Quel lavoro dovrebbe continuare.

Giovedì 5 agosto durante il Tg1 delle 20.00 è arrivata la conferma che il conduttore sarà nuovamente Amadeus. Il presentatore ha detto:

Ma chi l’avrebbe mai detto! Io, per primo, non avrei mai detto che avrei condotto tre Festival di Sanremo di seguito! È una grandissima gioia e per questo ringrazio l’amministratore delegato Carlo Fuortes e il direttore di Rai 1 Stefano Coletta che mi hanno voluto al timone della 72esima edizione del Festival di Sanremo, a febbraio 2022. Non vedo l’ora di iniziare a lavorare, di cominciare ad ascoltare le canzoni, di condividerle con voi, ci saranno bellissime canzoni in gara, poi ci sarà lo spettacolo, il divertimento, le emozioni e tante sorprese.

Sanremo 2022 conduttori: quali erano le alternative ad Amadeus?

Il conduttore del Festival di Sanremo 2022 sarà Amadeus. Le alternative, infatti, sono state sempre le stesse e non hanno mai preso quota realmente. Tra questi: Claudio Baglioni, già presentatore delle edizioni 2018 e 2019; Carlo Conti, tre volte alla guida del Festival dal 2015 al 2017; il cantante Massimo Ranieri, più volte accostato alla manifestazione canora e mai scelto; il conduttore Alessandro Cattelan, di recente passato in RAI, che deve ancora confermare il suo valore su una rete generalista, dopo gli ottimi risultati su Sky; le suggestioni Paolo Bonolis e Fabio Fazio, già presentatori di Festival del passato; una conduttrice donna (Milly Carlucci, Simona Ventura, Maria De Filippi, Mara Venier); tre conduttrici accompagnate da un conduttore maschio differente ogni sera (per replicare in maniera speculare al femminile la composizione della squadra degli ultimi due Festival).

Festival di Sanremo 2022, chi affiancherà Amadeus?

Se si riformasse la coppia delle prime due edizioni, rimarrebbero uno o due spazi scoperti. Uno potrebbe essere occupato da un cantante, come è stato Tiziano Ferro nel 2020 e come è stato Achille Lauro nel 2021, magari il tanto nominato Lorenzo Jovanotti. L’altro posto potrebbe essere assegnato o ad uno sportivo come è stato lo scorso anno Zlatan Ibrahimovic, o ad un altro conduttore e in tal caso prenderebbe corpo l’ipotesi Gerry Scotti, che due anni fa dovette declinare l’invito perché impegnato a registrare Chi vuol essere milionario. Per il ruolo bisogna segnalare anche l’autocandidatura di Fabio Rovazzi, che nel 2018 ha affiancato Pippo Baudo a Sanremo Giovani.

Capitolo presentatrici donne. Tra il plotone di conduttrici di serata il nome più ricorrente è quello di Alessia Marcuzzi, che ha appena divorziato da Mediaset. Un altro nome che esce spesso è quello di Simona Ventura, se non altro perché lo scorso anno ha dovuto dare forfait all’ultimo motivo causa Covid.

A ottobre, Il Messaggero lancia l’ipotesi di Anna Tatangelo co-conduttrice per una sera per festeggiare i venti anni dalla vittoria di Sanremo Giovani con Doppiamente Fragili. Si rafforza anche l’ipotesi di Jovanotti, ma non come presenza fissa in stile Tiziano Ferro, ma come co-conduttore/superospite per una sera.

A dicembre circola con insistenza l’ipotesi di Marco Mengoni ospite di tutte le serate come fu per Tiziano Ferro a Sanremo 2020.

Festival di Sanremo 2022, Fiorello ci sarà

Strettamente collegato alla possibile riconferma di Amadeus, c’è il tema di chi lo affiancherà. Fiorello ha chiuso ancor prima del suo amico fraterno all’ipotesi di partecipare per la terza volta consecutiva al Festival. Proprio il loro legame d’amicizia potrebbe essere la chiave giusta per convincere a tornare a calcare il palco dell’Ariston anche nel 2022.

Ospite di Porta a Porta, Amadeus ha confermato la presenza di Fiorello. Sembra però che lo showman siciliano sia ancora in dubbio sul suo possibile ritorno dopo le critiche per gli ascolti della scorsa edizione (e dopo aver augurato ai successori teatro pieno ma ascolti pessimi…).

Nella giornata di venerdì 17 dicembre il sito Dagospia ha ipotizzato che lo showman potrebbe essere presente non per tutte e cinque le sere, bensì per solo una. Intanto Fiorello è in tour.

Dopo settimane di pantomime la conferma arriva alla vigilia della prima conferenza stampa del Festival tramite (neanche a dirlo) un video trasmesso al Tg1 che riprende il ‘primo incontro social’ tra Fiorello e Amadeus.

Sanremo 2022, le co-conduttrici

Al fianco di Amadeus ci sarà una conduttrice diversa per ogni sera. Come annunciato dal direttore artistico al Tg1, le cinque donne che lo affiancheranno sono Ornella Muti (martedì 1 febbraio), Lorena Cesarini (mercoledì 2 febbraio), Drusilla Foer (giovedì 3 febbraio); Maria Chiara Giannetta (venerdì 4 febbraio); Sabrina Ferilli (sabato 5 febbraio).

Sanremo 2022

Il logo della 72° edizione del Festival di Sanremo è comparso nelle pagine social dal 16 dicembre 2021. La scritta “Sanremo” si trova all’interno di quello che all’apparenza sembrerebbe un grande fiore dai petali sfumati in verde acqua, azzurro e viola. Inglobato all’interno della “O” di Sanremo è scritto l’anno “2022”.

Sanremo 2022, scenografia

La scenografia di Sanremo 2022 è firmata per la ventesima volta – dal 1987 – da Gaetano Castelli e, da qualche anno, dalla figlia Maria Chiara. Si presenta come un omaggio (diciamo aggiornamento) di quella dello scorso anno.

Festival di Sanremo 2022: giurie

Cambiano le giurie e anche la loro distribuzione nelle diverse Serate del Festival.

  1. Scompare la giuria degli orchestrali che votava le sole Cover;
  2. la Demoscopica sale a 1000 componenti e non vota più in esclusiva nelle prime due Serate, ma entra in gioco nella Terza Serata insieme al Televoto (pesando per il 50%), per poi votare anche nella Serata delle Cover (la Quarta) e nella Serata Finale nella votazione che riparte da zero per la definizione dei tre gradini del podio (ultima votazione per i primi tre classificati);
  3. la Giuria della Sala Stampa viene divisa nelle sue tre diverse componenti (Carta Stampata, Radio-tv, Web, con la sezione Radio-Tv che vale il 34%) e vota da sola nelle prime due Serate; torna a votare unita nella Quarta Serata (quella delle Cover) e nella Serata Finale nella votazione che riparte da zero per la definizione dei tre gradini del podio (ultima votazione per i primi tre classificati);
  4. Il Televoto entra il scena nella Terza Serata insieme alla Demoscopica (pesando per il 50%), quindi vota nella Quarta Serata (le Cover) con un peso del 34%; nella Serata Finale vota da sola per tutta la prima parte (come l’anno scorso) e pesa per il 34% nella votazione che riparte da zero per la definizione dei tre gradini del podio (ultima votazione per i primi tre classificati).

Il 17 dicembre 2021, Amadeus, a RTL 102.5, ha parlato delle giurie: “Sarà una giuria demoscopica più ampia, saranno in mille. Ci sono più modalità di voto, saranno presenti anche le radio e anche loro voteranno. La radio deve avere il diritto di dire la sua all’interno del Festival. Ci sarà il pubblico a casa, fondamentale, ricordiamo che l’anno scorso il televoto ha dato la vittoria ai Måneskin e questo è importante”.

Festival di Sanremo 2022: ospiti

Il capitolo super-ospiti è sempre uno dei più combattuti per il Festival. Spesso i nomi fatti per la rosa di Big in gara si interseca con quella degli ospiti, così come quella dei co-conduttori: è il caso di Jovanotti, nominato come co-conduttore fisso/per una sera/superospite o di nomi come Carmen Consoli, che potrebbe tornare all’Ariston per festeggiare la sua carriera. In questo senso si guarda anche a un possibile ritorno di Vasco Rossi per i 40 anni di Vado al Massimo: la sua ultima apparizione sanremese, come ospite, fu nel 2005.

L’11 dicembre 2021, stando ad un articolo pubblicato su Il Giornale, i Måneskin, vincitori della scorsa edizione, potrebbero tornare come super-ospiti. Tra gli ospiti musicali, potrebbero esserci anche i Meduza, gruppo house italiano famoso nel mondo. Per quanto riguarda gli ospiti extra-musicali, invece, sarebbe praticamente certa la presenza di Roberto Benigni in più serate. Il Giornale non ha escluso anche la presenza di Jovanotti Alessandra Amoroso.

Nella giornata di venerdì 17 dicembre, Dagospia ha lanciato nuove indiscrezioni: si fanno i nomi dell’attore Can Yaman, del campione olimpico Marcell Jacobs, del cantante Tommaso Paradiso, del direttore d’orchestra Beatrice Venezi, della cantante e giudice di The Voice Senior Loredana Bertè, dei pluripremiati Maneskin vincitori della scorsa edizione e rivela la possibile presenza di un intervento dell’attore e regista Roberto Benigni.

Festival di Sanremo 2022: ospiti confermati

L’8 gennaio 2022 viene annunciata al Tg1 dallo stesso Amadeus la presenza di Checco Zalone ospite di una delle 5 serate.

Il 10 gennaio 2022 Repubblica anticipa la presenza dell’attrice Maria Chiara Giannetta, già protagonista della serie Blanca, ospite di una delle serate per lanciare Don Matteo 13. La sua presenza è confermata con l’annuncio delle cinque co-conduttrici femminili dato da Amadeus al Tg1.

Il 12 gennaio 2022, al Tg1, Amadeus conferma la presenza come super-ospite di Cesare Cremonini.

Il 16 gennaio 2022 al Tg1 Amadeus conferma la presenza dei Maneskin, superospiti della prima serata.

Il 18 gennaio 2022 al Tg1 Amedeus annuncia la presenza di Laura Pausini, superospite della seconda serata.

Altri ospiti annunciati il 21 gennaio 2022 sono legati alla promozione di fiction e programmi Rai: previsti il nuovo Don Matteo Raoul Bova (nella prima serata), il “Doc” Luca Argentero (probabilmente nella seconda serata), Lino Guanciale prossimamente nella serie Noi (remake di This is us, ospite probabilmente venerdì), quindi Anna Valle, protagonista della fiction Lea e i bambini degli altri, e le protagoniste de L’Amica Geniale Gaia Girace e Margherita Mazzucco, dal 6 febbraio su Rai 1 con il terzo capitolo della saga, Storia di chi fugge e di chi resta.

Il 31 gennaio 2022, è stata confermata la presenza del tennista Matteo Berrettini e del duo Colapesce/Dimartino, partecipanti in gara all’edizione dello scorso anno con il brano “Musica Leggerissima”.

Sanremo 2022, serata cover anni ’60 ’70 ’80 ’90

La serata cover, quest’anno collocata al venerdì e non al giovedì come solitamente accaduto, sarà un omaggio alle hit degli anni ’60, ’70 e ’80. Con una variazione al regolamento del 29 dicembre, sono ammesse anche le canzoni degli anni ’90. In pratica uno spin-off di Arena Suzuki andata in onda con successo alla fine di settembre 2021 e di cui è stata già annunciata una seconda edizione per settembre 2022. Gli Artisti in gara possono scegliere di esibirsi da soli o con ospiti e possono scegliere un brano italiano o internazionale pubblicato tra il 1° gennaio 1960 e il 31 dicembre 1999. La scelta dei brani sarà comunque concordata con la Direzione Artistica, come si spiega nel Regolamento.

Nel nostro articolo dedicato, tutte le canzoni e gli ospiti scelti dai big di Sanremo 2022.

Sanremo 2022: scaletta sera per sera

Lo spostamento della serata Cover dal giovedì al venerdì è la principale differenza nella composizione della cinque giorni sanremese. Da regolamento di ottobre, le Serate sono così organizzate.

  1. Prima Serata: esibizione delle prime 12 o 13 canzoni/Artisti (vota solo la Sala Stampa);
  2. Seconda Serata: esibizione delle altre 12 o 13 canzoni/Artisti (vota solo la Sala Stampa);
  3. Terza Serata: esibizione di tutte e 25 le canzoni in gara (votano solo Demoscopica 1000 e Televoto, che pesano ciascuna per il 50%);
  4. Serata Cover: i 25 artisti si esibiscono da soli o con altri su brani italiani o stranieri degli anni ’60 ’70, ’80, ’90 (votano tutte le giurie: il Televoto pesa per il 34%)
  5. Serata Finale: esibizione di tutte e 25 le canzoni in gara (vota solo il Televoto); le tre più votate vengono rivotate (da zero) da tutte e tre le giurie: il televoto pesa per il 34%.

Per i dettagli vi rimandiamo al nostro articolo dedicato.

Festival di Sanremo 2022 col pubblico al teatro Ariston?

Dopo le tante polemiche di Sanremo 2021, col braccio di ferro tra Rai/Direzione Artistica e Governo per avere un pubblico di figuranti nel Teatro Ariston (negato), il Festival di Sanremo 2022 potrebbe avere il pubblico in sala, per di più pagante e non di figuranti, al 100%. Il Governo Draghi ha infatti autorizzato il riempimento di cinema e teatri al 100% a partire dall’11 ottobre 2021. Al netto di gravi recrudescenze della pandemia, Sanremo 2022 dovrebbe svolgersi col pubblico in sala, rispettando le norme anti-Covid previste (Green Pass e mascherine).

Il Regolamento di Sanremo 2022, infatti, prevede che possa accedere al Teatro Ariston chi ha il Green Pass (e ha ovviamente comprato il biglietto): si parla, quindi, di pubblico pagante e non più di ‘figuranti’. Tutto dipenderà, comunque, dall’andamento della Pandemia a gennaio/febbraio 2022: là dove ci fossero peggioramenti o miglioramenti, le regole potrebbero cambiare.

Agli inizi di gennaio 2022 emergono i primi dettagli: previsto per tutti coloro che hanno a che fare con l’evento l’obbligo di Super Green Pass (rilasciato previa vaccinazione), mascherina FFp2 per entrare negli spazi e tamponi.Al momento si prevede una capienza del 100% del Teatro Ariston: se sarà confermata nei giorni del Festival dipenderà anche dall’andamento dei contagi nelle prossime settimane e dal colore della regione Liguria o della città di Sanremo agli inizi di febbraio.

Festival di Sanremo 2022: regole COVID

Al momento della pubblicazione della prima versione del Regolamento (ottobre 2021), si prevede non solo che il pubblico in Teatro abbia il Green Pass, ma è prevista anche una quantità limitata di accompagnatori per gli artisti in gara. Non si specifica se gli artisti debbano essere possessori di green pass, ma visto che non sarebbe possibile accedere alle aree comuni – teatri inclusi – senza diremmo che è implicito. Facile inoltre immaginare che siano previsti tamponi periodici per tutti gravitino intorno al Festival. Il protocollo sanitario e di sicurezza per lo svolgimento del 72° Festival di Sanremo non è stato ancora diffuso.

Su una cosa, però, Rai e Direzione Artistica sono da subito molto chiare: là dove per un peggioramento della situazione pandemica e per decisione delle autorità nazionali e/o locali il Festival dovesse essere ridotto, cancellato o costretto a svolgersi in forma diversa da quanto annunciato nessuno potrà rifarsi su Azienda e Organizzatori.

A ottobre 2021, invece, risulta da regolamento che l’artista positivo o in quarantena fiduciaria debba ritirarsi, come fu deciso lo scorso anno prima del recupero in extremis di Irama, risultato positivo alla vigilia della prima serata e al quale invece fu poi ‘concesso’ di restare in gara con il video registrato nelle prove generali (e si classificò quinto).

Nella conferenza stampa di presentazione di Sanremo Giovani, alla metà di dicembre dunque, Amadeus esclude la possibilità di squalifica per l’artista in quarantena. Prevista, dunque, la registrazione delle prove per eventuale uso in gara. Non c’è però traccia della variazione nel regolamento.

A tra il 5 e il 6 gennaio 2022, si annunciano le prime misure: mascherina FFp2 sempre indosso a parte durante la diretta da parte di chi è sul palco, Super Green Pass e tamponi frequenti per tutti gli addetti ai lavori, accessi e percorsi diversificati per cast, artisti, orchestrali, tetti di affollamento regolati per ogni area, anche durante le prove. Sono, però, ancora in via di definizione gli aggiornamenti al Protocollo Sanitario Rai da presentare al CTS. Intanto viene cancellato il palco esterno a Piazza Colombo, sponsorizzato Nutella, che doveva tornare a essere il cuore degli eventi collaterali di Sanremo 2022.

Festival di Sanremo in tv e in streaming anche dall’estero

Le cinque serate saranno trasmesse da Rai 1, probabilmente dalle 21.00 alle 2.00 di notte (con il possibile sforo anche di mezzora come accaduto nelle ultime edizioni) e, in streaming, da Raiplay. Tutti i programmi di Rai1, da Storie Italiane a Vita in diretta, dovrebbero dedicare ampio spazio al racconto dell’evento. E’ probabile, infine, che domenica 6 febbraio la puntata settimanale di Domenica In si faccia in diretta dal Teatro Ariston.

Il Festival di Sanremo 2022 sarà visibile su RaiPlay senza limiti geografici: si potrà seguire il Festival in streaming dall’estero senza dover ricorrere a sotterfugi, ma semplicemente collegandosi alla piattaforma Rai.
.

Festival di Sanremo 2022: biglietti

Se, come tutti si augurano, il Teatro Ariston tornerà ad essere aperto al pubblico durante il Festival, saranno resi disponibili online i biglietti di Sanremo 2022. Le opzioni sono due: gli abbonamenti a tutte le serate e i biglietti per le singole serate. In entrambi i casi i ticket sono nominali, dunque non è possibile rivenderli o prestarli ad un amico. Nel 2020 gli abbonamenti costavano 1290 € in platea e 672 € in galleria, mentre il singolo biglietto andava dai 100 € in galleria ai 180 € in platea, ad eccezione per la finale che aveva un costo di 320 € (galleria) o 660 € (platea).

Il 14 gennaio 2022 si sono aperte le prevendite per i biglietti di Sanremo 2022: dalle 9 alle 14 di venerdì 14 gennaio 2022 si possono avanzare le richieste di prenotazione degli abbonamenti di platea e galleria per le 5 serate del Festival della Canzone Italiana, con la possibilità per ciascun richiedente di acquistare al massimo n. 2 (due) abbonamenti. La richiesta di prenotazione degli abbonamenti per le 5 serate sarà possibile esclusivamente attraverso la scheda compilabile on-line al sito sanremo2022.aristonsanremo.com. Le persone con disabilità motoria troveranno sempre sul sito sanremo2022.aristonsanremo.com/amoilfestival/ tutte le informazione per la prenotazione dei tagliandi delle serate del Festival. I termini e le condizioni per la vendita e l’utilizzo degli abbonamenti e dei biglietti relativi al 72° Festival della Canzone Italiana sono pubblicati sempre sul sito sanremo2022.aristonsanremo.com.

Al 14 gennaio si prevede ancora la capienza dell’Ariston al 100%: là dove la capienza fosse ridotta per ragioni di sicurezza sanitaria, “ovvero fosse stabilita la cancellazione dell’intero evento o di singole serate, l’Organizzatore si riserva il diritto di annullare i relativi titoli di accesso, con conseguente rimborso integrale del prezzo pagato, ma senza possibilità per gli utenti di reclamare risarcimenti ulteriori“.

Festival di Sanremo 2022: il Dopofestival ci sarà?

Il 4 settembre 2021 Amadeus ha affermato che, esattamente com’è accaduto per l’edizione 2021, anche nella 72° del Festival di Sanremo il Dopofestival non ci sarà.

Festival di Sanremo 2022, autori

Gli autori di Sanremo 2022 sono Amadeus, Paolo Biamonte, Barbara Cappi, Martino Clericetti, Ludovico Gullifa, Massimo Martelli e Sergio Rubino.

PrimaFestival 2022: conduttori e date

Arriva dalla programmazione Rai l’annuncio dei conduttori del PrimaFestival, in onda su Rai 1 dal 29 gennaio al 5 febbraio 2022 dalle 20.35 alle 20.45: alla guida Roberta Capua, Ciro Priello e Paola Di Benedetto.

Ultime notizie su Festival di Sanremo

Tutto su Festival di Sanremo →