Netflix annuncia nuove serie tv italiane ma la seconda stagione di Zero non si farà

Non solo La Vita Bugiarda degli adulti, Briganti, Nemesis e Lidia Poet sono tra i titoli in arrivo su Netflix

Dopo 25 anni trascorsi in Rai Tinny Andreatta nel giugno 2020 è passata a Netflix diventando Vice Presidente delle Serie tv originali italiane della piattaforma, praticamente occupandosi di ampliare e rinnovare le produzioni seriali nazionali della piattaforma di streaming. A poco più di un anno di distanza ecco arrivare i primi “frutti” del nuovo corso italiano della piattaforma di streaming con l’annuncio di diversi titoli in arrivo nei prossimi mesi. Tra i più attesi sicuramente La vita Bugiarda degli Adulti dal romanzo di Elena Ferrante che vedrà Valeria Golino protagonista ma anche Tutto chiede Salvezza con Federico Cesari. Vediamo le novità in arrivo e una cancellazione a sorpresa.

Netflix cancellata Zero

Prima di passare alle novità, una nota negativa. Durante un’intervista con La Repubblica Tinny Andreatta ha annunciato che la seconda stagione di Zero non si farà. La serie, pur avendo avuto un impatto importante sul pubblico, non ha raggiunto le visualizzazioni sperate ha spiegato Andreatta nell’intervista.

Netflix e il racconto dell’Italia

“Poter raccontare al mondo l’Italia com’è veramente, nella sua autenticità, nella sua cultura, nella bellezza e nelle contraddizioni, nelle sue radici e infinite riserve del nostro immaginario, attraverso la voce dei migliori autori e registi, e portarlo in 190 Paesi è la nostra grande sfida” queste le parole con cui Tinny Andreatta ha introdotto le nuove serie tv italiane di Netflix.

L’obiettivo è quindi portare l’Italia autentica in giro per il mondo con storie locali ma capaci di conquistare anche il pubblico sparso per i vari 190 paesi in cui la piattaforma è presente. Sperando di trovare tra questi un titolo capace di replicare il successo che la produzione tedesca ha avuto con Dark.

Netflix

Per tentare l’assalto al mondo Netflix punta su le brigantesse di Briganti, sul light crime procedurale dedicato alla prima donna avvocato d’Italia, sui personaggi ambigui di Nemesis, sulle emozioni di La Vita bugiarda degli Adulti trascinata dal nome di Elena Ferrante e sui più giovani di Tutto Chiede Salvezza. 

Netflix i titoli già pronti (o quasi)

Non solo novità. Netflix ha infatti diversi titoli italiani già pronti al rilascio come Luna Park che arriva il 30 settembre, ambientato a Roma negli anni ’60 con al centro lo scontro tra due famiglie opposte. Tra i tioli vicini al rilascio anche Guida Astrologica per Cuori Infranti, basata sull’omonimo libro di Silvia Zucca; l’attesa Strappare lungo i bordi, la prima serie di animazione scritta e diretta da Zerocalcare; Incastrati di e con Ficarra e Picone; e Fedeltà, ispirata al libro di Marco Missiroli, finalista al 73° Premio Strega e vincitore del Premio Strega Giovani.

Netflix le nuove serie tv italiane

Ecco quali sono le nuove serie tv annunciate da Netflix, tra novità assolute e la conferma di La Vita Bugiarda degli adulti, prodotta da Fandango dal romanzo di Elena Ferrante, diretta da Edoardo De Angelis, che vedrà Valeria Golino nel ruolo di Vittoria zia della protagonista Giovanna. Al centro la storia di questa ragazza e della sua crescita da adolescente negli anni ’90 a Napoli divisa tra la maschera fine della città e quella più triviale.

Tutto chiede Salvezza, produzione Picomedia, scritta e diretta da Francesco Bruni è liberamente tratta dal romanzo di Daniele Mencarelli e vedrà Federico Cesari nei panni del protagonista Daniele. Un dramedy he recupera la radice della nostra migliore commedia amara, con al centro un ventenne troppo sensibile che dopo una crisi psicotica si risveglia in una camera d’ospedale avendo subito un Tso obbligatorio. Ma sette giorni sono lunghi e quella che all’inizio gli sembrava una condanna pian piano si trasforma in una delle esperienze più intense e formative della sua vita.

Nemesi, prodotta da Indigo, creata da Alessandro Fabbri, parte dall’idea di cosa forma l’uomo: la genetica o il modo in cui cresce? Diana avvocata partita dal nulla e arrivata in un prestigioso studio di Milano, deve difendere il ricco Tommaso accusato dell’omicidio della moglie, un uomo che appare sia vittima che carnefice.

Lidia Poet è il titolo provvisorio di una serie prodotta da Groenlandia, scritta da Guido Iculano, diretta da Matteo Rovere e Letizia Lamartire. Lidia Poet, interpretata da Matilda De Angeleis, è la prima donna avvocato in Italia, a Torino nel 1884 ma per esercitare la professione dovrà ribaltare le conclusioni della Corte che glielo impedisce. La vita vera di questa donna si trasforma in un light procedural a sfondo legale e ambientato nel passato.

Un period drama è anche Briganti, scritto dal collettivo GRAMS di Baby, prodotto da Fabula Pictures e con al centro Filomena, Micheilina e Ciccilla donne briganti decise a ridare al sud l’oro di Garibaldi.