Prima Scala 2021, gli ascolti di Macbeth di Verdi su Rai 1

Tutto quel che c’è da sapere sulla Prima Scala 2021, con Macbeth di Verdi in scena a Sant’Ambrogio in diretta su Rai 1 e in streaming su RaiPlay.

La Prima della Scala 2021 va in scena, come tradizione vuole, il 7 dicembre, giorno di Sant’Ambrogio, patrono di Milano. Dopo un anno di pausa, la Prima della Scala torna ad essere un evento pienamente teatrale e mondano: lo scorso anno, con il secondo lockdown, l’inaugurazione della stagione teatrale della Scala fu sostituita da un evento televisivo (“A riveder le stelle”, televisivamente riuscito, narrativamente discutibile). Questa volta, grazie ai vaccini, si torna in teatro, con mascherina e green pass.

Prima Scala 2021, quando va in onda

Diretta esclusiva dalle 17.45 di martedì 7 dicembre 2021 su Rai 1, Rai 1 HD (501), Rai Radio 3 e su RaiPlay, dove sarà disponibile per 15 giorni dopo la prima.

Grazie all’iniziativa sociale del Comune di Milano ‘Prima Diffusa’, si potrà seguire l’Opera in 40 sedi sul territorio milanese e sul maxischermo nella Galleria Vittorio Emanuele II. Rai Com distribuisce l’opera live in oltre 30 cinema italiani e anche in diverse sale di Spagna, Norvegia, Finlandia, Svizzera, Polonia, Olanda e Gran Bretagna. L’opera verrà replicata in differita nelle sale di Australia, sud America, Russia, Belgio, Francia.

Prima Scala 2021, ascolti tv

Il Macbeth di Verdi per la Prima della Scala 2021 ha registrato su Rai 1 in diretta ha registrato nella presentazione 1.976.000, 15,40% e nell’opera un netto di 2.064.000 telespettatori, per il 10,50% di share.

Non siamo al record, anzi siamo al di sotto dell’evento speciale del 2020 e anche della Tosca (sempre firmata da Chailly e Livermore) che ottenne nel 2019 oltre 2,6 milioni di telespettatori. C’è da dire che l’appeal del Macbeth sul grande pubblico è di certo inferiore ad altre opere del repertorio lirico, ben più note e supportate da arie e cori famosi.

Ripercorriamo, dunque, gli ascolti delle Prime scaligere in tv.

Nel 2020 l’evento speciale A riveder le stelle ha registrato dalle 16.56 alle 19.51 2.608.000 telespettatori, 14,65%.

Nel 2019 la Tosca ottenne  2.856.000 telespettatori per uno share del 15%.

Nel 2018 Attila di Verdi, diretto da Riccardo Chailly con la regia, per la prima volta, di Davide Livermore (e con una messa in scena livida che ricorda questo Macbeth), in diretta su Rai 1 dalle 17.45 alle 21.00, registrò 1.938.000 telespettatori, 10,78%.

Nel 2017 l‘Andrea Chénier ottenne 2.077.000 telespettatori per uno share dell’11,10% tra le 17.59 e le 20.57.

Nel 2016 Madama Butterfly, prima opera in diretta su Rai 1 dopo gli anni live su Rai 5, ottenne una media di 2.644.000 telespettatori, per il 13,48% di share tra le 17.45 e le 21.00.

Fino al 2015, invece, la Prima della Scala è stata trasmessa in diretta su Rai 5 con ascolti ovviamente imparagonabili ma ricchi di significato. Volendoli ripercorrere troviamo nel 2015 la Giovanna d’Arco di Verdi, diretta sempre da Chailly, a 316.000 telespettatori e uno share medio dell’1,6%; numeri in linea con quelli quelli registrati nel 2014, sempre live su Rai 5, dal Fidelio di Beethoven, diretto dal M° Daniel Barenboim (314.000 telespettatori, 1,54%), anche se il miglior risultato resta quello de La Traviata nel 2013 (651.000 telespettatori, 3,2%), mentre le 5 ore del  Lohengrin nel 2012 ottennero una media inferiore ai 200.000 telespettatori, meno del Don Giovanni, che nel 2011 conquistò 500.000 telespettatori moltiplicando gli ascolti de La Valchiria che nel 2010 ottenne 170.000 telespettatori medi.

Prima Scala 2021, l’opera

In scena il Macbeth di Giuseppe Verdi, dramma lirico in quattro atti composto nel 1847 su libretto di Francesco Maria Piave ed eseguito per la prima volta al Teatro della Pergola a Firenze nello stesso anno.

Con questa nuova produzione del teatro alla Scala il Direttore Musicale Riccardo Chailly chiude il ciclo dedicato alla trilogia giovanile di Giuseppe Verdi dopo Giovanna d’Arco (messa in scena alla Prima del 2015) e Attila (Prima 2018).

Per la prima volta si esegue alla Scala l’opera secondo l’edizione critica curata da David Lawton per Ricordi: l’edizione scelta è quella del 1865, ma nel IV atto è inserita la morte di Macbeth (“Mal per me che m’affidai”) dalla versione del 1847.

E per avere una prima spiegazione della storia e dell’opera, ci aiuta Elio.

L'Opera Italiana – il Macbeth raccontato da Elio

Aspettando la #PrimaScala, Elio racconta il #Macbeth di Giuseppe Verdi.Il 7 dicembre alle 17.45 appuntamento in diretta dal Teatro alla Scala di Milano in esclusiva su Rai1, Radio3 Rai e RaiPlay.L’opera inaugurale della Stagione 2021/2022 è "Macbeth". Dirige il M° Riccardo Chailly, per la regia di Davide Livermore.Con Luca Salsi, Anna Netrebko, Ildar Abdrazakov, Francesco Meli.Una produzione #RaiCultura.

Posted by Rai5 on Monday, November 29, 2021

Prima Scala 2021: direttore, regia e cast

L’orchestra del Teatro alla Scala è diretta da Riccardo Chailly, alla sua ottava inaugurazione, la regia teatrale è di Davide Livermore, al suo quarto spettacolo inaugurale (dopo Attila nel 2018, la Tosca nel 2019 e la ‘pandemic edition’ A riveder le stelle), la scenografia è di Giò Forma, le luci di Antonio Castro, i video curati da D-Wok, le coreografie sono di Daniel Ezralow, i costumi di Gianluca Falaschi. La regia televisiva è di Arnalda Canali.

Il cast della Prima è il seguente:
Macbeth Luca Salsi
Banco Ildar Abdrazakov
Lady Macbeth Anna Netrebko

Dama di Lady Macbeth Chiara Isotton
Macduff Francesco Meli
Malcolm Iván Ayón Rivas
Medico Andrea Pellegrini
Domestico Leonardo Galeazzi
1° apparizione Costantino Finucci

Per Luca Salsi, baritono parmigiano, è la quarta inaugurazione della Scala con Riccardo Chailly dopo Andrea ChénierTosca e A riveder le stelle; quinta, invece, per la soprano Anna Netrebko il cui debutto alla Prima è del 2011 come Donna Anna in Don Giovanni diretto da Daniel Barenboim, seguito nel 2015 da Giovanna d’Arco diretta da Riccardo Chailly, che la dirige anche il 7 dicembre 2018 come Maddalena di Coigny in Andrea Chénier e come Tosca nel 2019. Quinta inaugurazione anche per Francesco Meli e Ildar Abdrazakov.

Prima Scala 2021, libretto e trama

Più di tre ore di trasmissione per portare in scena i quattro atti dell’opera, tratta dal capolavoro di Shakespeare (qui il libretto nella versione originale di Francesco Maria Piave).

La scena si svolge per lo più nel castello di Macbeth in Scozia e nel quarto atto al confine tra Scozia e Inghilterra.

ATTO I
Scena prima
Nel “Preludio”, alcune streghe festeggiano le proprie malvagità in una foresta e qui incontrano due generali dell’esercito scozzese, Macbeth e Banco, al servizio del re Duncan. Le streghe salutano in Macbeth il futuro re di Scozia e ovviamente il giovane soldato ne resta turbato: poco dopo dei messaggeri annunciano proprio a Macbeth che il re Duncan lo ha nominato signore di Cawdor.

Scena seconda
La scena si svolge nel castello di Macbeth, dove Lady Macbeth legge una lettera del marito che le parla del suo incontro con le streghe e delle loro profezie. Lei cerca di spingerlo a uccidere il Re, che quella notte dormirà proprio nel loro castello. Re Duncan, scortato da Banco, Malcolm e Macduff, arriva al castello, viene accolto e portato nelle sue stanze. Convinto dalla moglie, Macbeth entra nella stanza in cui dorme il sovrano e lo uccide. In preda al panico, esce dalla stanza e descrive alla moglie la scena, che appare lucida e determinata tanto da consigliare al marito a riportare il pugnale dal re per accusare del delitto gli stallieri. Macbeth è nel panico e allora ci pensa lei a riportare il pugnale nella stanza del sovrano: mentre i due si allontanano, Banco e Macduff entrano in stanza per svegliare il re e lo scoprono morto.

ATTO II
Scena prima
In una camera del castello Lady Macbeth rimprovera il marito, ormai re, di evitarla. Nonostante questo lei resta determinante tanto da incoraggiare il marito a uccidere Banco e suo figlio Fleance, potenziali rivali per il futuro.

Scena seconda
Nel parco del castello i sicari ingaggiati da Macbeth attendono di Banco e suo figlio, che si stanno recando al Castello per un banchetto: Banco viene ucciso, il figlio si salva.

Scena terza
La sala dei banchetti del castello. Mentre Lady Macbeth propone un brindisi, uno dei sicari che riferisce a Macbeth della morte di Banco e della fuga di Fleance. Quando sta per mettersi a sedere, Macbeth vede la sua poltrona occupata dal fantasma di Banco. Una volta ripresosi dal terrore, decide di consultare le streghe per sapere cosa lo aspetta.

ATTO III
Grotta delle streghe. Macbeth entra e interroga le streghe: la prima profezia lo avverte di fare attenzione a Macduff, quindi un giovane gli profetizza che sarà invincibile fino a quando la foresta di Birnam non si muoverà contro di lui. Macbeth sviene e le streghe convocano gli spiriti dell’aria per farlo riprendere.

ATTO IV
Scena prima
Al confine tra Scozia e Inghilterra. Un gruppo di profughi scozzesi piange per la patria oppressa e spera in una morte cruenta per Macbeth. Del gruppo fa parte anche Macduff, la cui famiglia è stata massacrata. Arriva l’esercito inglese di Malcolm: l’erede al trono di Scozia esorta gli esuli a unirsi a lui e ordina loro di tagliare un ramo dalla foresta di Birnam per cogliere il nemico di sorpresa.

Scena seconda
In una sala del castello di Macbeth un medico e una dama del seguito di Lady Macbeth attendono la regina, affetta da sonnambulismo: ossessionata dall’assassinio di Duncan, cerca invano di pulirsi le mani dal sangue immaginario che le macchia.

Scena terza
In una stanza del castello Macbeth riflette e si prepara alla battaglia contro Malcolm, Macduff ed i loro alleati. Il soliloquio è interrotto dall’annuncio della morte di Lady Macbeth, ma la sua attenzione è rivolta più ai messi che gli annunciano che la foresta di Birnam si sta muovendo. Come avevano predetto le streghe. La battaglia finale si avvicina.

Scena quarta
In una pianura circondata da foreste e colline avanzano le truppe di Malcolm. Macbeth viene ucciso in duello da Macduff. Malcolm dichiara la sua vittoria.

Prima Scala 2021, regia e messa in scena

«Macbeth descrive il rapporto tra il potere esercitato solo per puro ego e il danno che questo produce sul popolo. Un tema che ricorre anche nella storia contemporanea»: così Davide Livermore ha presentato la sua idea di Macbeth in una intervista a Repubblica. Ed è proprio la contemporaneità la chiave della messa in scena.

Le scene di Giò Forma mostrano uno skyline proprio delle grandi città americane; metropolitani anche gli interni, con molti riferimenti ai classici dell’architettura novecentesca. Non mancano gli omaggi alla città di Milano con riferimenti a Piero Portaluppi, che ha segnato il panorama urbano milanese con edifici come il Palazzo della società Buonarroti-Carpaccio-Giotto in Porta Venezia e Villa Necchi Campiglio. Nel 1926 Portaluppi disegnò “Tre case nuove strambe”, progetto mai realizzato per l’edifico S.T.T.S. in corso Sempione: nel secondo disegno la facciata è occupata da un colossale labirinto che diventa il leitmotiv dell’allestimento. Nelle sfarzose sale del palazzo di Macbeth e Lady si accumulano i simboli del potere, con ricche collezioni d’arte che citano e alludono ad artisti reali: una pantera riflette la natura ferina di Lady.

Milano è citata e omaggiata anche nei costumi di Gianluca Falaschi, che evita citazioni dirette ma ripercorre le tendenze degli ultimi decenni nella moda milanese.

In Macbeth non mancano i riferimenti cinematografici, ibridati con l’estetica e i linguaggi del gaming: proprio con un software di gaming Paolo Gep Cucco di D-Wok ha realizzato le scenografie digitali delle prime scene.

Prima Scala 2021 in tv

A introdurre la Prima e a commentarla nei suoi intervalli ci sono su Rai 1 Milly Carlucci e Bruno Vespa, con collegamenti di Stefania Battistini dal foyer. Per Radio3 seguono la diretta Gaia Varon e Nicola Pedone.

L’opera sarà sottotitolata ed è prevista anche l’audiodescrizione in diretta, realizzata da Rai Pubblica Utilità – Accessibilità, attivabile dal televisore sul canale audio dedicato e fruibile anche in streaming su RaiPlay.

Prima Scala 2021, produzione tv

Le riprese audio e video dello spettacolo sono curate, come sempre, dal Centro di Produzione Tv Rai di Milano: in campo 13 telecamere in alta definizione, 45 microfoni nella buca d’orchestra e in palcoscenico, 11 radiomicrofoni dedicati ai solisti che serviranno per la trasmissione stereofonica e per la radiocronaca in diretta in onda su Radio3, con audio surround per le sale cinematografiche e per la Tv. Uno staff di 50 persone tra cameraman, microfonisti, tecnici audio e video sarà impegnato per le oltre tre ore di trasmissione.

Come seguire la Prima della Scala 2021 all’estero

La prima della Scala può essere seguita anche sui canali televisivi Arte (Francia), ZDF (Germania), RPT (Portogallo), RSI (Svizzera), CESKA TELEVIZE (Repubblica Ceca), ACTION 24 (Grecia) e MTVA (Ungheria). Sarà inoltre trasmessa in differita in Giappone dalla tv pubblica NHK, in Corea da IL MEDIA e in Russia da TV Kultura.

Prima Scala 2021, recensione

Dopo un lungo applauso a Sergio Mattarella, alla sua ultima presenza alla Prima della Scala in veste di Presidente della Repubblica, l’opera può avere inizio.

 

Prima Scala 2021, streaming

La Prima della Scala 2021 è visibile in live streaming su RaiPlay, dove poi l’opera sarà disponibile on demand per 15 giorni.

L’hashtag ufficiale è #primascala.