Netflix e le sue serie tv di successo: Bridgerton la più popolare, Sex/Life la sorpresa

Bridgerton la serie tv più popolare, sorpresa Sex/Life, il pubblico non si stacca da Stranger Things e La Casa di Carta

Bridgerton la serie più popolare, Sex/Life la provocante sorpresa, non a caso appena rinnovata per una seconda stagione. Questi gli elementi più rilevanti dei numeri appena diffusi da Ted Sarandos, co-CEO e Chief Content Officer di Netflix che ha promesso sempre più trasparenza dei dati anche nei confronti di chi le serie tv le produce.

Sarandos ha sottolineato l’importanza dell’engagment, della capacità di mantenere il pubblico ancorato a Netflix. Per questo è importante che nessun prodotto acquistato e realizzato per altre piattaforme o network, sia all’interno della Top Ten appena mostrata da Netflix con non solo i dati sul maggior numero di visualizzazioni ma anche di ore trascorse con quella serie.

Netflix serie tv di successo: Top Ten popolarità

La prima classifica pubblicata da Netflix riguarda le serie tv ordinate per numeri di account che hanno visualizzato almeno 2 minuti nei primi 28 giorni. Non è una classifica annuale o trimestrale ma sono dati globali relativi al complesso della piattaforma. Ecco la Top Ten delle serie tv più visualizzate:

  1. Bridgerton s.1 82 milioni
  2. Lupin prima parte 76 milioni
  3. The Witcher s.1 76 milioni
  4. Sex/Life s.1 67 milioni
  5. Stranger Things s.3 67 milioni
  6. La Casa di Carta parte 4 65 milioni
  7. Tiger King s.1 64 milioni
  8. La Regina degli Scacchi (miniserie) 62 milioni
  9. Sweet Tooth s.1 60 milioni
  10. Emily in Paris s.1 58 milioni

Guardando questa classifica potremmo dire come l’ingaggio di Shonda Rhimes sia stato più rilevante per Netflix rispetto a quello di Ryan Murphy visto che nessuna delle sue serie tv ha raggiunto la top ten. Dall’altro lato sorprende la presenza di Sex/Life, sexy e provocante soap che ha fatto più parlare per le misure di un membro del cast che per la trama.

Netflix serie tv di successo: Top Ten ore

Interessante anche la seconda classifica pubblicata da Netflix con le ore trascorse nei primi 28 giorni davanti ad alcuni di questi titoli.

  1. Bridgerton s.1 625 milioni di ore
  2. La Casa di carta parte 4 619 milioni di ore
  3. Stranger Things s.3 582 milioni di ore
  4. The Witcher s.1 541 milioni di ore
  5. Tredici s.2 496 milioni di ore
  6. Tredici s.1 476 milioni di ore
  7. You s.2 457 milioni di ore
  8. Stranger Things s.2 427 milioni di ore
  9. La Casa di Carta parte 3 426 milioni di ore
  10. Ginny & Georgia s.1 381 milioni di ore

Interessante notare come Bridgerton confermi tutta la sua forza, mentre al contrario nel monte ore scompare Sex/Life come se il pubblico dopo i primi minuti mollasse la serie. Tra i titoli Stranger Things e La Casa di Carta confermano tutta la passione degli abbonati Netflix.

Netflix serie tv di successo la sorpresa Squid Game

Durante l’intervista alla Code Conference al Beverly Hilton, Ted Sarandos ha citato tra le sorprese delle ultime settimane la serie tv coreana Squid Game che sta scalando le Top Ten di tutto il mondo (Italia compresa). Scritta da Hwang Dong-hyuk, Squid Game (letteralmente “Il Gioco del Calamaro) è incentrata su un gruppo di persone che partecipano a un gioco di sopravvivenza con in palio un ricco premio in denaro.

456 persone in difficoltà economiche vengono invitate a partecipare a un gioco in cui sono in palio 45.600.000.000 won (circa 33 milioni di euro), dovranno sfidarsi con una serie di giochi per bambini ma con colpi di scena mortali. Quindi potrebbero uscire dal gioco ricchi o non uscire affatto.

Netflix serie tv di successo e la competizione interna

Netflix ha ormai raggiunto 209 milioni di abbonati paganti in tutto il mondo, come è emerso dai dati del secondo trimestre del 2021. La preoccupazione di Sarandos non è quindi rivolta al confronto con le altre piattaforme emergenti quanto con la possibilità che Netflix possa continuare a crescere e non abbia raggiunto il punto di saturazione.

Per questo la necessità è continuare a investire nelle hit, nei programmi di successo magari trasformandoli in franchise come nel caso di On My Block di cui è stato ordinato uno spinoff, o anche delle idee di dar vita a spinoff di Stranger Things per continuare a mantenerne in vita il successo. Al tempo stesso ha ribadito come la piattaforma non ha alcun interesse a investire nello sport mentre Sarandos ha confermato come ci saranno novità sul fronte dello sviluppo di giochi per il mondo degli smartphone.

Proprio per continuare a tenere il pubblico sulla piattaforma e per sfidare la concorrenza esterna, sono stati necessari gli accordi esclusivi con personalità come Shonda Rhimes, gli Obama, Ryan Murphy che devono essere compensati a sufficienza per la loro fiducia rispetto la piattaforma.

Fonte: Variety/deadline