Bridgerton 2, Regè-Jean Page tornerà nei panni del duca?

Regè-Jean Page stuzzica i fan con l’ipotesi di un cameo nella seconda stagione della serie Netflix

Bridgerton è la produzione di Netflix più vista di sempre con 82 milioni di visualizzazioni nei primi mesi dal rilascio della prima stagione avvenuto a Natale dello scorso anno. I fan di tutto il mondo sono in fibrillazione in attesa della seconda stagione le cui riprese hanno dovuto fare i conti con il Covid (subendo anche diverse settimane di stop) e soprattutto con l’annuncio dell’addio di Regè-Jean Page, amato Duca di Hastings.

Ma come spesso capita nella vita “mai dire mai” e all’improvviso in un placido giorno di settembre, all’interno di un’intervista con GQ inglese, Regè-Jean Page ha aperto alla possibilità di un suo ritorno, di un cameo, di una fugace apparizione. O semplicemente non ha voluto dare una chiusura netta al suo rapporto con la serie. Vediamo le sue dichiarazioni.

Bridgerton 2 ci sarà un cameo del Duca di Hastings?

Regè-Jean Page grazie al ruolo del Duca di Hastings in Bridgerton è diventato una star globale grazie anche al successo della serie tv su Netflix. Se il progetto della serie prodotta da Shonda Rhimes con la sua Shondaland è già ordinato fino alla quarta stagione con uno spinoff sulla Regina Charlotte in lavorazione, il Duca di Hastings non sarà della partita.

Naturalmente in ogni intervista cui l’attore si sottopone, il ruolo che l’ha reso famoso è parte delle domande che gli vengono rivolte. Così parlando con la versione inglese di GQ rispondendo alla domanda se tornerà nella serie Page ha dichiarato “sai bene che non potrei dirtelo!” per poi aggiungere con fare palesemente ammiccante “non è straordinario essere sorpresi da qualcosa che non ti aspetteresti?“.

Apriti cielo. Questa risposta ha scatenato la curiosità dei fan, leggendo tra le righe di quella frase l’anticipazione di un suo cameo all’interno della seconda stagione della serie Netflix. Probabilmente se anche questo cameo per accontentare i fan dovesse accadere, sarà uno dei segreti custoditi meglio della tv contemporanea e lo scopriremo solo con la distribuzione dei nuovi episodi.

Bridgerton 2 perchè non ci sarà il Duca di Hastings?

Al di là della passione dei fan, l’assenza del Duca di Hastings non è del tutto sorprendente. Bridgerton è infatti l’adattamento della saga letteraria di Julia Quinn composta da 8 romanzi ciascuno incentrato su un diverso figlio o figlia della famiglia Bridgerton raccontandone la ricerca dell’amore.

La seconda stagione sarà così basata sul romanzo Il Visconte che mi amava e dedicata al personaggio di Lord Anthony (Jonathan Bailey) con protagonista femminile Simone Ashley (vista in Sex Education) nei panni di Kate Sharma. Anthony si innamorerà di questa ragazza appena arrivata a Londra, intelligente e tenace che non sopporta gli sciocchi e presuntuosi, incluso lo stesso Lord Bridgerton.

Seguendo quindi i romanzi non c’era spazio per il Duca nella seconda stagione della serie creata da Chris Van Dusen. Eppure la notizia della sua assenza, comunicata da Lady Whistledown, ha scatenato così tante reazioni dei fan che Shonda Rhimes è arrivata a paragonarle a quello che succede “quando uccido un personaggio di Grey’s Anatomy ma il Duca è ancora vivo!“. Così è partita la caccia o meglio, la rincorsa al cameo, con l’uscita anche di indiscrezioni secondo cui Page avrebbe chiesto anche 50 mila dollari per una singola scena e secondo altri avrebbe declinato ogni coinvolgimento perchè non era più il protagonista. Voci che sembrano più volte a destabilizzare l’immagine dell’attore e giustificarne l’assenza.

Bridgerton 2 e oltre

Oltre i singoli nomi, Bridgerton è vivo e vegeto e in attesa di vedere la seconda stagione è già stato rinnovato almeno fino alla quarta stagione con in vista l’obiettivo di arrivare all’ottava per coprire così tutti i libri di Julia Quinn.

Se nella terza e quarta stagione si seguirà la scansione dei romanzi, la terza sarà basata su La Proposta di un Gentiluomo e dedicata a Benedict (Luke Thompson) la quarta su Un Uomo da Conquistare e dedicata a Colin (Luke Newton).

Visto il successo della serie, Netflix e Shondaland hanno anche partorito l’idea di una miniserie spinoff prequel, quindi staccata dai romanzi, dedicata alla figura della Regina Charlotte e che sarà scritta direttamente da Shonda Rhimes.

Ancora senza un titolo ufficiale, la miniserie racconterà così l’ascesa, gli amori della giovane Regina Charlotte, un personaggio che non è presente nei romanzi di Julia Quinn e per questo sarà più facile per gli autori costruirci delle storie autonome. Al tempo stesso la serie potrà raccontare anche le vicende delle giovani Violet Bridgerton e Lady Danbury oltre di altre figure che nella serie principale sono adulte.

Bridgerton 2 quando su Netflix?

Obiettivamente al momento è difficile dire quando arriverà Bridgerton 2 su Netflix. Se probabilmente il piano iniziale immaginava un rilascio annuale della serie, sempre intorno al periodo natalizio, è possibile che i ritardi legati al Covid-19 possano portare a uno slittamento della serie con un rilascio magari nella prima metà del 2022.