MasterChef Italia 11: finalisti, vincitore e tutto quello che è successo nell’edizione 2021-2022

Tutto quello che è successo a MasterChef Italia 2021: puntate, durata, prove, concorrenti, giudici, come vederlo in streaming e on demand.

MasterChef Italia 2021 è l’undicesima stagione del cooking talent di Sky Uno, versione italiana del format internazionale di gran successo nato in GB nel 1990, ma diventato un fenomeno planetario dal restyling del 2005. Arrivato in Italia nel 2011, Masterchef è diventato un punto di riferimento per il genere, riuscendo negli anni a tenere alta l’attenzione e a ‘rigenerarsi’ dopo un periodo di stanca. Al main format si sono affiancati negli anni diversi spin-off, dalla versione Junior per i più piccoli a quella Celebrities per i vip con la passione per la cucina. Tra il 2018 e il 2019 è andata in onda anche una versione All Stars che ha rimesso in sfida i concorrenti più talentuosi delle precedenti edizioni.

Indice
  1. MasterChef Italia 2021 quando va in onda
  2. MasterChef Italia 2021 meccanismo
  3. MasterChef Italia 2021, quante puntate sono?
  4. MasterChef Italia 2021, puntate
  5. MasterChef Italia 2021 giudici
  6. MasterChef Italia 2021, promo
  7. MasterChef Italia 2021 concorrenti
  8. MasterChef Italia 2021, vincitore
  9. MasterChef Italia 2021 ospiti
  10. MasterChef Italia, il format
  11. MasterChef Italia 12 casting
  12. MasterChef Italia streaming

MasterChef Italia 2021 quando va in onda

L’inizio di MasterChef Italia 11 è previsto a dicembre 2021, come da tradizione del format che tende a inaugurare la sua stagione nelle immediate vicinanze del Natale. Il giorno di trasmissione tradizionale è il giovedì, per cui è facile che si inizi il 16 dicembre 2021. La finale 12 settimane dopo, presumibilmente il 3 marzo 2022.

La comunicazione ufficiale dell’avvio dell’undecisma stagione arriva il 13 novembre: MasterChef Italia 11 inizia giovedì 16 dicembre in prima serata su su Sky e in streaming su NOW.

MasterChef Italia 2021 meccanismo

MasterChef Italia 2021 selezioni

Le prime puntate sono dedicate, come sempre alle selezioni: come lo scorso anno, i concorrenti non possono portare cibi e preparazioni da casa, ma devono servirsi degli ingredienti a disposizione nella dispensa e hanno 45′ per realizzare il piatto da completare al cospetto dei tre giudici. Chi riceve almeno due sì ottiene un grembiule provvisorio per accedere alle Prove di Abilità: qui gli aspiranti concorrenti vengono divisi in 3 gruppi e ciascun gruppo dovrà affrontare una prova tecnica scelta personalmente da ciascun giudice. In caso di dubbi, i giudici possono ricorrere a una Sfida Finale per definire la Masterclass.

Anche quest’anno i giudici hanno la possibilità di scommettere su un concorrente, firmando il suo grembiule.

Dopo le selezioni si entra nel vivo della gara, con le Mystery Box, gli Invention Test, le Prove in Esterna, i Pressure Test, gli Skill Test ed eventuali Duelli che determinano gli eliminati di puntata.

MasterChef Italia 2021, quante puntate sono?

Il format ha finora previsto 24 puntate raccolte in 12 prime serate: due puntate a sera per un totale di tre ore circa di show ad appuntamento. Tolte le selezioni, la struttura della serata prevede due puntate in cui si suddividono le quattro prove canoniche del cooking show. Si parte con la Mystery Box  e con l’Invention Test nella prima ‘parte’ e si prosegue in genere con la prova in Esterna e col Pressure Test nella seconda, con qualche variazione a seconda dell’estro degli autori.

MasterChef Italia 2021, puntate

Prima Puntata 16 dicembre 2021

Come visto, MCI inizia sempre con le selezioni: si parte con il Live Cooking, in cui gli aspiranti concorrenti preparano un piatto da completare al cospetto dei giudici per l’assaggio. La puntata inizia con Gabriele, detto Polone: la sua storia, tra bullismo e rivincita, dà subito la misura del racconto. Come sempre si alternano storie e personaggi interessanti a qualche ‘caso umano’ che strappa sorrisi, ma che non piega i giudici.

Seconda Puntata 23 dicembre 2021

Dopo i Live Cooking, prende il via la seconda fase delle selezioni, con le Prove di Abilità. I concorrenti in gara dovranno affrontare una prova ideata personalmente da uno dei giudici: Chef Locatelli vorrà far emergere l’originalità, Chef Barbieri creerà un esame più tecnico, Chef Cannavacciuolo si focalizzerà sul senso estetico e sulla sua importanza nell’impiattamento. In più, due giudici su tre – Barbieri e Cannavacciuolo – avranno ancora la possibilità di apporre la propria firma su un grembiule, come già fatto la scorsa settimana da Locatelli, dimostrando di volerci mettere la faccia rispetto ai no dati dai loro colleghi e salvare l’aspirante chef. Il consenso unanime dei giudici consentirà di ricevere l’agognato grembiule; chi, invece, non li metterà d’accordo dovrà affrontare la Sfida Finale, una prova da “dentro o fuori”. Alla fine delle due puntate si formerà la Masterclass, composta da venti aspiranti Masterchef, le cui schede sono in basso.

Terza puntata, 30 dicembre 2021

Formata la MasterClass, la gara entra nel vivo con le prime prove ‘canoniche’ del format.

La Mystery Box ha la forma di case delle favole, ricoperte di marshmallow e di biscotti colorati: all’interno cibi che ricordano fiabe e grandi classici, come le briciole di Pollicino, i funghi di Alice nel paese delle meraviglie, i fagioli di Jack e il fagiolo magico, le triglie che il Gatto e la Volpe mangiano a spese di Pinocchio, la zucca di Cenerentola, i raperonzoli, il fegato di cinghiale da Biancaneve, oltre a piselli, selvaggina e dei maccheroncini. I concorrenti devono creare un piatto da favola, che faccia da ‘prologo’ alla favola che vogliono vivere a MasterChef in 45’. Ma le sorprese non sono solo dentro la box: un ‘imprevisto’ li costringe a ridurre il tempo a disposizione e chiudere il piatto in solo mezz’ora. All’assaggio vanno Carmine, Federico ed Elena, che risulta la migliore della prova.

Invention Test con la prima ospite della stagione, ovvero Marie Robert, chef del Café Suisse di Bex (Svizzera) che ha conquistato la sua prima stella Michelin a 30 anni: porta due sue creazioni basate sulla sorpresa, sul gioco e sul trompe-l’œil. Elena deve scegliere tra due gruppi di ingredienti con cui sono stati realizzati i piatti dell’ospite: da una parte c’è una terrina di lepre, dall’altra un bonsai di fragole. Elena sceglie, per tutti, la terrina di lepre, per la gioia generale: i dolci sono la bestia nera dei concorrenti. Ma c’è un’altra sorpresa: si gareggia in coppia e a staffetta ed è Elena a formare le coppie. Per sé sceglie Dalia, quindi unisce Rita e Pietro, Christian e Giulia, Bruno e Mime, Nicholas e Tina, Nicky e Mery, Andrealetizia e Lia, Andrea e Carmine, Federico e Polone, Tracy e Anna. Hanno 45’. Migliori Elena e Dalia. Tra i peggiori Polone e Federico, Andrealetizia e Lia, Mery e Nicky. Le peggiori sono Andrealetizia e Lia che non andranno in Esterna ma andranno direttamente al Pressure Test.

La seconda parte della serata vede la prima Esterna, ospitata nel cortile della Reggia di Monza, alla Villa Reale, per un servizio tutto dedicato alla pasticceria: ed è la prima volta che MasterChef  mette alla prova su un servizio solo di pastry e bakery, con dolci al forno e dolci al cucchiaio. A giudicare le due brigate 31 tra Mastri Pasticceri Italiani e i Maestri Fornai dell’associazione Fornai di Milano. In quanto vincitrici dell’Invention Test Elena e Dalia sono le capitane della Brigata. Una può scegliere la squadra e una il menu, tra dolci al forno e al cucchiaio. Messesi d’accordo, Elena sceglie Rita, Carmine, Pietro, Andrea, Polone, Nicky, Anna e Nicholas; Dalia (che in squadra Mery, Tracy, Andrea, Mime, Christian, Tina, Giulia, Federico) sceglie per sé il menu di dolci al cucchiaio (Blu), quindi la brigata di Elena è Rossa. Hanno 90’ minuti per realizzare e servire le portate dei propri menu.Vincono i Rossi, 26 a 5 soprattutto grazie alla Sacher. E la Brigata di Dalia va al Pressure Test, insieme a Lia e Andrealetizia.

Per il Pressure Test i concorrenti devono realizzare un panino senza pane: l’involucro deve essere realizzato con uno degli ingredienti messi a disposizione dagli chef, scelto a catena. Si inizia da Dalia. Hanno mezz’ora. Alla fine del Pressure la prima eliminata è Giulia, per la quale aveva ‘garantito’ Cannavacciuolo; salva per un soffio Andrealetizia.

Quarta puntata, 6 gennaio 2022

Debutto per la Golden Mystery Box, novità dell’11esima edizione di MasterChef Italia 2021: all’interno 10 salse provenienti da tutto il mondo, dal Chimichurri argentino alla Jäger Sauce svizzera, dal Sandefjord o burro norvegese alla salsa Rouille o maionese provenzale, passando per la Mojo delle Canarie e la Mole messicana, l’aspra salsa georgiana Tkemali, il Ponzu giapponese con aceto di riso, la Nuoc Mam a base di pesci fermentati e l’Irish Champ. I 19 dovranno sceglierne una ciascuno per preparare un piatto che la esalti e i migliori vanno direttamente in balconata. All’assaggio vanno Rita, Elena, Dalia, Mime, Tracy, Lia e Carmine, ma solo gli ultimi quattro vanno in balconata.

Per l’Invention Test due ospiti di ruguardo, ovvero due rappresentanti della trattoria moderna d’eccellenza: Sarah Cicolini, due Gamberi sulla guida del Gambero Rosso e proprietaria del locale Santo Palato a Roma, e Diego Rossi del ristorante milanese Trippa, eletto Chef dell’anno 2020 da Identità Golose. Presentano due piatti della tradizione innovati al loro modo: da una parte un vitello tonnato e dall’altra un rigatone alla pajata, ovviamente alla loro maniera. Ai concorrenti viene chiesto di scegliere una preparazione da reinterpretare: una volta fatta la scelta, i giudici dicolo loro di fare quella che invece avevano scartato. Solo Bruno aveva capito il possibile trabocchetto e ottiene quello che voleva. Alla fine della prova, la migliore è Mery: nonostante avesse scelto la pajata, il suo vitello tonnato conquista i giudici (e dire che la mamma lo faceva sempre e lei non ha mai imparato la ricetta). I peggiori sono Andrealetizia, il fidanzato Nicky e Federico: la prima eliminata è Andrealetizia. La scommessa di Locatelli non è stata vincente.

Primo Skill Test della stagione nella seconda puntata della serata: una prova a base di miele, per niente facile e molto tecnica. La migliore dell’Invention, Mery, può scegliere quante possibilità hanno i peggiori di superare lo skill: Mery toglie quindi una chance a Nicky e due a Federico, che potrà partecipare solo al terzo e ultimo livello. Prima prova, usare il miele come mantecatura: superano il turno Pietro, Anna, Mime, Bruno, Tracy, Tina e Mery. Seconda prova, usare il miele per laccatura e anti-imbrunimento: passano in balconata Nicky, Carmine, Polone, Andrea, Lia. Terza e ultima prova per Federico, Dalia, Christian, Rita, Elena e Nicholas a base di pasticceria: devono usare idromiele, polline e favo crudo per una preparazione da realizzare in 70 minuti. La peggiore è Rita, seconda eliminata della serata.

Quinta puntata, 13 gennaio 2022

Una puntata in gran parte all’insegna dei ricordi e delle evocazioni. Nella Mistery Box gli aspiranti Masterchef devono mettersi alla prova preparando dei piatti all’altezza dei giudici con ingredienti semplici come cipolle, patate e pane, nella box, e una dispensa di soli scarti, ma dovranno anche riuscire a raccontare le proprie origini. All’assaggio vanno l’arancina di Pietro, il minestrone ben impiattato di Andrea e la ‘Dignità’ – questo il nome del piatto – di Tracy, che si commuove e commuove. E vince la prova.

L’Invention Test sarà invece un viaggio nell’infanzia dei tre giudici, ciascuno dei quali propone un piatto della memoria: un uovo poché con ragù napoletano per Cannavacciuolo, un gratin di tagliatelle e uovo barzotto per Barbieri, un merluzzo con lenticchie e salsa di prezzemolo per Locatelli. In quanto migliore della Mystery Box, Tracy deve assegnare i tre piatti a tre gruppi: sceglie per sé quello di Locatelli per sé e lo assegna anche a Dalia, Polone, Andrea e Christian; dà il piatto di Cannavacciuolo a Tina, Elena, Nicky, Mime, Lia e Bruno; il piatto di Barbieri lo dà Carmine, Pietro, Anna, Nicholas, Federico e Mery, che ci resta malissimo visto che è la preparazione più complessa di tutte. La rabbia le offusca la mente. Altro vantaggio di Tracy è poter avere l’aiuto di Locatelli per un minuto. Ciascun gruppo viene seguito, senza suggerimenti diciamo, dai giudici autori del piatto da replicare in 30’.  La migliore della prova è Lia, che diventa Capitano di Brigata nell’esterna successiva. I peggiori sono Andrea, Bruno e Mery. Ed è proprio Andrea, il maitre, a essere eliminato.

La prova in esterna porta invece i concorrenti in Val di Sole, in Trentino,  per una prova a squadre a base di fieno. Lia può scegliere che tipo di uso fare, se per la cottura o come ingrediente, il colore del Grembiule, il capitano della Brigata avversaria e il primo membro della sua brigata. Lia sceglie il fieno come cottura, il Grembiule Rosso, Mery come capo della Brigata Blu e come primo membro Christian, grande amico di Mery. Si apre così una ‘guerra’ per rubare al rivale gli amici. Lia alla fine sceglie Christian, Carmine, Tracy, Nicky, Mime, Bruno e Polone, mentre Mery risponde con Federico (molto legato a Lia), Dalia, Tina, Elena, Pietro, Anna, Nicholas. Un altro vantaggio per Lia è quello di potersi liberare di un peso morto all’inizio del servizio, da consegnare alla Brigata rivale,  prendendone un altro in cambio, a propria scelta. Lia ne approfitta e spedisce Polone ai Blu (e lui se la prende tantissimo), prendendosi Pietro. Alla fine Lia e i Rossi vincono per 23 voti a 1.

Al Pressure Test va dunque la Brigata Blu, ovvero Federico, Dalia, Tina, Elena, Polone, Anna, Nicholas. Polone continua a protestare per il giudizio a suo avviso ingiusto da parte di Lia, ma Locatelli lo zittisce dando ragione a Lia: è stato un peso morto per la squadra. Una prova a base di omelette creativa da fare in 20 minuti. L’omelette con la mozzarella frullata e insaporita con la soia presentata da Nicholas non viene perdonata: Nicholas viene eliminato.

Sesta puntata, 20 gennaio 2022

Puntata all’insegna del Medioriente e della cucina senza confini.

Mystery Box con 10 ingredienti “migranti”, importati in Italia e ormai integrati nella nostra cucina: si va dal couve manteiga brasiliano alla melanzana thailandese, dai fiori di banano all’ipomea acquatica o spinacio d’acqua asiatico, passando per le arachidi, il bisonte, il maxixe brasiliano, il luppolo, la papaja, il maiale di razza mangalica. L’obiettivo è preparare un piatto dal sapore italiano ma con almeno 5 ingredienti migranti. All’assaggio vanno Tina, Lia e Carmine, che usa ben 8 dei 10 ingredienti migranti e vince la prova.

Invention Test a base di cultura islamica con la scrittrice Anissa Helou e di pane, declinato in tre versioni: il Non uzbeko, decorato con motivi floreali realizzati grazie a un timbro tradizionale, il sottilissimo Yufka turco e il Rgaïf marocchino, a strati. I concorrenti devono realizzare uno dei pani, scelti per loro da Carmine, e un companatico che lo esalti. Carmine ha inoltre potuto togliere lo strumento centrale della preparazione del pane a un concorrente per ciascun gruppo: sottrae lo strumento ad Anna, Polone e Dalia. Il piatto migliore è quello di Tracy, tra i peggiori Christian, Polone e Anna, quest’ultima eliminata.

Prova in Esterna a Trieste a base di cucina di confine nella cornice del Castello di Miramare. Tracy, capobrigata, sceglie per sé il menu Blu (con primo e dolce) e una squadra composta da Tina, Dalia, Pietro, Carmine, Elena e Nicky Brian; gli altri concorrenti, Rossi, devono preparare un antipasto e il secondo e scelgono come capitano Federico. Ulteriore difficoltà: uno per ciascuna brigata deve andare a recuperare gli ingredienti principali direttamente dai produttori, che danno ai concorrenti indicazioni per la loro preparazione nella propria lingua. Tracy sceglie di andare di persona e può scegliere l’emissario anche per gli avversari: e manda Polone. L’assaggio da parte dei produttori e di esperti di piatti di confine vede vincere i Blu con 12 voti su 20. I giudici concedono a Federico la possibilità di salvare qualcuno: lui salva se stesso. Tutti gli altri vanno al Pressure test.

Pressure test al Castello: non si torna a Milano, ma si procede subito con la prova eliminatoria. I 6 concorrenti devono preparare il Pedocio de Trieste, piatto a base di cozze. I giudici hanno diviso la prova in quattro step: pulire le cozze, cuocerle e filtrare il liquido, sbriciolare il pane e tagliare il prezzemolo, appassire l’aglio in olio evo e aggiungere le cozze con liquido di cottura, pane e prezzemolo alla fine. Il primo concorrente a terminare ciascun passaggio deve suonare un campanello, costringendo così gli altri a passare allo step successivo senza terminare il lavoro precedente. I peggiori della prova sono Bruno e Christian, ma il verdetto per l’eliminazione è rimandato alla prossima puntata.

Settima puntata, 27 gennaio 2022

Il nuovo doppio appuntamento di MasterChef Itali, il cooking show di Sky prodotto da Endemol Shine Italy in onda ogni giovedì alle 21.15 su Sky Uno (sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go e in streaming su NOW), inizia col verdetto rimasto in sospeso la scorsa settimana: uno tra Bruno e Christian deve lasciare la MasterClass dopo il Pressure Test a Trieste. E l’eliminato è Bruno.

Con un concorrente in meno, la gara riparte dalla Golden Mystery Box, la seconda della stagione: al suo interno due anime opposte da equilibrare con capacità e strategia. Da equilibrare ci sono sapori forti con ingredienti come l’aringa salata, la carne di pecora, il jalapeno, il peperone rosso e il formaggio francese e quelli delicati del carosello, del cottage cheese, dei lamponi, dell’ombrina e della salicornia. I migliori vanno direttamente in Balconata. Il tema della puntata è Opposti e si vede già nella Golden Mystery Box: i concorrenti devono usare tutti gli ingredienti di una determinata ‘parte’, quella dei sapori forti o dei delicati. La scelta, però, è condizionata: ogni concorrente sceglierà un compagno e deciderà con quale gruppo di ingredienti dovrà cucinare. La prima a scegliere è Elena, che dà i forti a Dalia, che dà i delicati a Christian, che dà i delicati a Carmine, che dà i delicati a Mime, che dà i forti a Nicky Brian, che dà i deboli a Federico, che dà i delicati a Pietro, che dà i delicati a Polone, che dà i forti a Tina, che dà i forti a Tracy, che dà i forti a Lia che dà i delicati a Elena, che dà i forti a Mery. Hanno 45’ per preparare un piatto. All’assaggio vanno Pietro, Lia, Federico, Mime, Tracy, Polone. Vanno tutti in Balconata, meno Pietro che affronta l’Invention Test da ‘migliore’.

Per l’Invention Test arriva Lele Usai, lo chef marinaio esperto di trasformazione del pesce, con una Stella Michelin al suo ristorante Il Tino a Fiumicino di cui bisognerà replicare le creazioni. Pietro si trova di fronte alla frollatura del pesce, spiegata a lui solo da Lele Usai che gli presenta due sue creazioni e gliele illustra: quella ‘facile’ è il Nautilus, quellq difficile è il Pesce di Roccia. Prende per sé il primo e lo dà anche a Carmine, Elena e Nicky Brian, mentre dà il secondo a Dalia,  Tina, Mery e Christian. La migliore dell’Invention è Dalia, mentre tra peggiori ci sono Pietro e Mery. L’eliminata è Mery.

La seconda puntata della serata ospita il secondo Skill Test di stagione con tre prove tecniche dedicate ai prodotti di origine animale. In quanto vincitrice dell’Invention, Dalia va direttamente in balconata: allo Skill Test vanno tutti gli altri, anche chi prima era in balconata. Prova a base di carne e prodotti di origine animale, all’insegna degli allevamenti sostenibili. Primo livello: tartare. Che deve essere perfetta e fatta in 20’. Vanno in balconata Carmine, Tracy, Federico, Pietro, Elena, Mime. Secondo step: filetto alla Wellington, in 50’: passano Polone (con un filetto ottimo), Lia e Christian. Nicky, troppo sicuro di sé, lo sbaglia e va al terzo step con Tina: devono replicare la millefoglie di lingua con animelle di Cannavacciuolo. Eliminata Tina.

Ottava puntata, 3 febbraio 2022

Si parte come sempre dalla Mystery Box, questa settimana a base di tuberi con zenzero, pastinaca, rafano, loto, manioca, rapa bianca, scorza nera, rutabaga, taro (conosciuto solo da Tracy) e topinambur. Possono scegliere tutti i tuberi che vogliono, ma devono essere i protagonisti. E devono cucinare in 45’. All’assaggio vanno Christian, con grandi complimenti da Cannavacciuolo, Carmine, con grandi lodi per il suo pre-dessert, e Mime. Ma il migliore è Christian, che tra tutti ha fatto più miglioramenti in queste settimane.

Per l’Invention Test arriva il ‘giardiniere culinario’ Enrico Costanza. Porta una selezione di piante, erbe e preparazioni. Sono 11 e le spiega tutte, dalla più facile alla più difficile, e Christian deve assegnarle ai concorrenti. Ovviamente dà i più difficili a quelli che vuole mettere in difficoltà e può anche decidere se la preparazione deve essere dolce o salata. Prova, e assegnazione, durissima. Per sé sceglie la più semplice per un piatto salato. Migliore Mime, peggiori Carmine, Pietro, Tracy. Fuori Pietro. E non era tra gli obiettivi di Christian.

Per l’Esterna i concorrenti di MasterChef Italia devono cucinare per la troupe di Blocco 181, la nuova serie Sky Original, la prima in-house Sky Studios, realizzata con TapelessFilm e Red Joint Film, ambientata tra le comunità multietniche della Milano di periferia, prossimamente su Sky e in streaming su NOW. I concorrenti dovranno cucinare per gli attori, tra cui i protagonisti Laura Osma, Alessandro Piavani e Andrea Dodero, Alessio Praticò, le comparse e tutto il cast tecnico e artistico sul set. In tutto sono 35 persone che hanno solo un’ora per mangiare, mentre i concorrenti hanno 90′ per preparare tutto su un food truck con griglia. Mime sceglie il menu carne, ovvero il grembiule Blu lasciando a Christian, capitano scelto da lei per i Rossi, il menu di pesce. Vincono i Blu di Nime e i Rossi vanno al Pressure.

La Brigata perdente deve sottporsi al Pressure Test con la Chef Elide Mollo del ristorante “Il Centro” di Priocca (Cuneo). Il tema è il fritto alla piemontese, in una manche a tre step che mette alla prova le capacità dei concorrenti in una delle cotture più popolari, ma anche più difficile. Eliminata Dalia che fa una prova disastrosa visto che non ha mai fritto e che non mangia fritto.

Nona puntata, 10 febbraio 2022

Per la nona puntata arriva il Maestro dei Maestri Pasticceri italiani, e terrore del programma, Iginio Massari. Una puntata a tutta tecnica.

Mystery Box a base di acqua di mare: i 9 concorrenti reduci devono creare un piatto tecnicamente ineccepibile usando proprio questa acqua, che dovrà rappresentare un valore aggiunto per la ricetta. All’assaggio vanno Carmine, Mime, Federico, ma vince Carmine, con un piatto che Cannavacciuolo non esita a definire stellato.

Invention test con Iginio Massari con una prova ad altissima difficoltà tecnica a base di glassa a specchio da versare su quattro tortine monoporzione. Diversa difficoltà a seconda della superficie delle tortine. Tocca a Carmine Gorrasi, che ha vinto la Mystery Box, assegnare ai concorrenti le diverse difficoltà: Carmine scegli la preparazione più semplice per sé, Elena e Mime, quella media a Federico, Nicky e Lia, e quella difficile a Christian, Tracy e Polone. Il tutto in 90′. Alla fine della prova, il migliore è Nicky Brian, mentre i peggiori sono Federico e Polone: ed è proprio lui a uscire. Federico, insieme a Elena, ricevono una penalizzazione per il successivo Skill Test: entrano solo al secondo step.

Quindi si va di Skill Test con lo chef Terry Giacomello che accompagna i concorrenti attraverso tre prove impossibili a base di cucina ‘scientifica’ che ha al centro la trasformazione degli ingredienti. Nel primo livello riguardante la liofilizzazione, l’ospite ha mostrato Mangiando ossa, un cuore di palma con salsa di osso buco e un osso liofilizzato, che viene dato ai concorrenti e che deve essere il centro di una loro preparazione. Nicky Brian, vincitore dell’Invention Test, può fermare per 3′ un concorrente e sceglie di fermare Tracy. Alla fine del primo step vanno in balconata Nicky Brian, Lia e Carmine.

Il secondo step, nel quale entrano in gioco anche Elena e Federico, è sull’osmosi: passano Christian e Tracy. Il terzo e ultimo step è dedicato alla denaturalizzazione della fibra e chef Giacomello ha mostrato Omaggio a Cattelan, dove ha reso edibile una buccia di banana grazie a particolari enzimi: salvi Elena e Federico. Eliminata Mime.

Decima puntata, 17 febbraio 2022

Si inizia a sentire profumo di finale e tornano in MasterClass anche ex allievi, vincitori e non, dello scorso anno. A sostenere – e bacchettare – i nuovi concorrenti ci sono Aquila, Irene e Antonio. Ma andiamo nel dettaglio.

Golden Mystery Box per i 7 concorrenti reduci con Valerio Massimo Visintin, storico critico gastronomico del Corriere della Sera, che ovviamente non mostrerà il suo volto. I cuochi amatoriali dovranno tradurre una recensione del temuto critico gastronomico in un piatto il più possibile somigliante alla ricetta originale: i migliori andranno direttamente in balconata. Una prova magnifica, nella quale si distinguono Tracy, Carmine e Lia, l’unica però a salire in balconata.

Per gli altri c’è l’Invention Test con Irene Volpe, Antonio ColasantoFrancesco Aquila, rispettivamente finalisti e vincitore della scorsa edizione: i concorrenti dovranno replicare fedelmente le tre ricette proposte. Irene propone Il risveglio della natura (ravioli con all’interno una cagliata di bevanda vegetale alla mandorla e polvere di lamponi, con un brodo di caffè), Antonio ha presentato Caciucco in spaghetto (con pesci cotti separatamente e salsa a base di prezzemolo) e Aquila ha portato Nippo murgiano (raviolo tostato ripieno di tartare di gamberi, ricci di mare, finocchietto selvatico, con cremina di mandorle, aglio e olio aromatizzato al lime e pomodoro confit). A decidere chi fa cosa è stata Lia, che ha determinato coppie in sfida diretta tra loro: il piatto di Francesco, il più complicato, va a Carmine e Tracy, quello di Irene a Christian e Nicky Brian e infine il piatto di Antonio mette in sfida Federico ed Elena. I piatti di Federico, Christian e Tracy sono i migliori e alla fine l’eliminata è Elena.

Esterna di alto profilo al Museo del Novecento, a Milano, con un omaggio a tre Maestri del secolo scorso e ai loro piatti iconici cui i concorrenti dovranno ispirarsi per essere assaggiati da dieci giovani chef stellati (Isabella Potì, Michele Lazzarini, Solaika Marrocco, Paolo Griffa, Arianna Gatti, Andrea Casali, Michela Previtali, Emanuele Lecce, Marta Passaseo e Alessandro Rossi). I piatti originali sono l’Aragosta con salsa buillon di Eugènie Brazier del 1920 come antipasto, il Raviolo aperto di Gualtiero Marchesi del 1982 come primo piatto e la Minestra di verdure con diverse consistenze di Ferran Adrià del 1994. I tre migliori della prova precedente possono mettersi d’accordo per chi è il primo a scegliere il piatto e chi il concorrente con cui realizzare il piatto. Tracy sceglie Nicky Brian, Federico sceglie Carmine e Christian si ritrova Lia: i piatti da preparare sono rispettivamente l’antipasto, il raviolo e la minestra. I 10 giudici assegnano da 1 a 3 punti a idea, gusto, estetica e tecnica e con 75 punti decretano la vittoria di Tracy e Nicky Brian, che evitanoil Pressure Test. Carmine e Federico si sono fermati a 53 punti, mentre Lia e Christian ne hanno totalizzati 69.

Il Pressure Test ha visto sfidarsi Carmine, Federico, Lia e Christian in una prova lampo all’insegna del numero 14, ovvero i minuti necessari per cuocere la pasta e preparare, quindi, un primo. Delude il piatto di Federico, eliminato.

Undicesima puntata, 24 febbraio 2022 – Semifinale

Sono rimasti in cinque a contendersi l’accesso in finale: Carmine, studente 18enne di Montecorvino Pugliano (SA) all’ultimo anno del liceo scientifico; Christian, 20 anni di Bosconero (TO), studente di ingegneria chimica alimentare affetto dalla sindrome di Asperger; Lia, bancaria 30enne di Costermano sul Garda (VE), sempre “molto, molto, molto, molto” determinata; Nicky Brian, 28enne romano la cui famiglia è originaria dello Sri Lanka e che ora fa il designer a Brighton (UK) dove vive con la fidanzata Andrea Letizia, anche lei concorrente in questa stagione di MasterChef Italia; Tracy, 31enne nata in Nigeria e da 15 anni a Vallese di Oppeano (VE) dove fa la cameriera di sala.

La Mystery Box prevede la possibilità di riscattarsi degli errori compiuti da ogni concorrente nel corso dell’edizione: ognuno deve rifare un piatto in cui è andato ‘a sbattere’ pper dimostrare di essere cresciuto. All’assaggio vanno Nicky Brian, Carmine e Lia che vince la prova.

L’Invention Test è tra i più duri che siano stati organizzati. Ogni giudice prepara un piatto che i concorrenti devono replicare cucinando con loro, ma di spalle: chi replica cosa lo decide Lia. I concorrenti non hanno ricette e non vedono quel che fa il proprio chef, che si limita ogni tanto a dare qualche indicazione: l’obiettivo è vedere quanto i concorrenti riescano a pensare e ad agire come uno chef . La migliore è Lia, ma per i peggiori non c’è eliminazione.

Tutti, quindi, vanno in Esterna nella cucina tristellata del ristorante Da Vittorio della famiglia Cerea, tre Stelle Michelin e tempio della cucina italiana, a Brusaporto (BG), dove potranno testare il lavoro dei veri chef e dimostrare la propria crescita ai giudici. Ospite il campione del tennis italiano Matteo Berrettini in un ruolo inedito, quello di assaggiatore.

E infine si va al Pressure Test che determina l’eliminazione di Nicky Brian. I finalisti di MCI 11 sono Carmine, Christian, Lia e Tracy.

Dodicesima ed ultima puntata, 3 marzo 2022

La finale di Masterchef 2022 i finalisti Carmine, Christian, Lia e Tracy devono affrontare l’ultima speciale Mystery Box, una prova che sarà condotta da Enrico Crippa, chef tristellato di Piazza Duomo ad Alba (Cuneo) e l’Invention Test, guidato dall’ospite speciale Andreas Caminada, chef del ristorante Schloss Schauenstein, in Svizzera, anch’esso con tre Stelle Michelin.

In una MasterClass tutta bianca per l’occasione, si inizia con una Mystery Box tristellata, decisamente fuori dall’ordinario, a partire dalla box in sé. Una box ‘riflettente’ e trasparente, che deve per l’appunto riflettere quello che sono diventati e se sono degni di arrivare alla finalissima. Il mentore speciale della Mystery è Enrico Crippa, detto anche “Il maestro dei vegetali”. Il suo consiglio? “Non smettete mai di sbagliare, di sognare e di essere curiosi”. La Mystery non poteva che essere a base prevalente di verdure e devono realizzare un piatto che mostri ai giudici quanto vogliono volare in alto: la difficoltà, però, è che chef Crippa può intervenire quando vuole e modificare il loro piatto, costringendoli a cambiare i propri piatti. Una prova per niente facile, per la quale hanno solo 45’: in palio la prima delle tre casacche per la finalissima. E il primo finalista è Carmine.

Invention Test  anch’esso tristellato con Andreas Caminada: i concorrenti devono scrivere i loro cinque ingredienti preferiti e Andreas assegnerà a ciascuno uno dei suoi piatti, da replicare in 45’. La prova va a Tracy, che conquista così la seconda casacca a disposizione. Fuori Lia a un passo dalla finalissima: il suo filetto di trota era troppo cotto. Terza casacca quindi a Christian. E la consegna della casacca da parte di Cannavacciuolo, che aveva creduto in lui fin dal primo momento resterà nelle Teche di MCI.

Sfida finale, con i tre finalisti che presentano i propri menu degustazione ai giudici, con gli ex concorrenti a fare il tifo e le famiglie a chiedere scusa – a Christian e Carmine – per essersi messi di traverso.

Menù di Christian: La mia storia è quella della cucina con tanto di omaggio a Marco Pierre White. Come antipasto, Primo giorno di festa, un carpaccio di cervo con crema di rapa bianca, pane di farro al miele e birra rossa, salicornia, insalata riccia e basilico; a seguire La scoperta del pomodoro, ravioli con ripieno liquido di brodo di pomodori, cagliata di capra, olio alle erbe e buccia di pomodoro essiccata; come secondo, Marco Pierre White, un carré di agnello in crepinette di salsiccia di Bra, ratatouille scomposta e crema di zucchine e basilico per «raccontare il momento storico in cui la cucina è passata dall’essere la semplice preparazione di alimenti al diventare simbolo della cultura di un popolo». Infine, come dessert, Gioco, un tramezzino dolce con mousse al cioccolato, gel di menta e crema pasticciera al cardamomo servito accompagnato da un cocktail arancia e rhum bianco, per portare in tavola il «senso stesso che io do alla cucina, ovvero la gioia, la felicità, più in generale il divertimento».

Menu di Tracy: L’abbraccio (come i tanti che ha avuto in questa esperienza e non ne ha mai avuti tanti nella vita). Antipasto con La gondola e il Niger, un baccalà mantecato alle spezie, maionese all’aglio nero, spugna di prezzemolo e cialda alla curcuma; come primo Ravioli di capra, un raviolo semitrasparente ripieno di battuto di capra su salsa di coriandolo e sfere di yogurt greco speziato; quindi Pluma iberica di maiale con salsa di burro e chips di platano fritto, con platano al vapore come da tradizione nigeriana; infine una Mousse ai tre cioccolati con crumble di frolla e salsa di mango.

Menu di Carmine: La Promessa, che si apre con un Kaiseki Partenopeo, una tempura di fiori di zucca, gunkan di melanzana fritta e crudo di baccalà in crosta di alga nori; come primo Dove tutto ebbe inizio, dei gyoza al tè matcha ripieni di genovese di polpo, carpaccio di capesante, caviale, consommé di cipolle e tè affumicato; il secondo era un omaggio ai suoi nonni: Sapori di casa, e non, un petto di piccione affumicato al fieno, bonbon di parmigiana, friggitiello ripieno di ricotta di bufala e peperone crusco; infine, il dessert era Battipaglia total white, un semifreddo di bufala e cocco, neve di yogurt e cioccolato bianco, crema al cedro, shortbread alle arachidi e gelato alla bufala.

Tra le lacrime di Locatelli che non ha trattenuto la commozione, la vittoria è andata a Tracy. Ma hanno vinto davvero tutti, dalla produzione ai concorrenti.

MasterChef Italia 2021 giudici

I giudici di MasterChef Italia 11 sono Giorgio Locatelli, Antonino Cannavacciuolo e Bruno Barbieri, l’unico in servizio fin dalla prima stagione. La composizione a tre, e con questi nomi, si è rivelata vincente dopo una serie di cambiamenti che hanno portato nel tempo all’addio di Carlo Cracco prima e di Joe Bastianich poi e all’inserimento di una giuria a quattro che ha visto tra i suoi volti anche quello di Antonia Klugmann. Ma la triade Berbieri – Cannavacciuolo – Locatelli è la migliore finora vista.

MasterChef Italia 2021, promo

Il promo di MasterChef Italia 11 gioca su tutti i tormentoni linguistici del cooking show: dal ‘mappazzone’ di Bruno Barbieri al “Foooorza!” (accompagnato spesso da generose pacche sulle spalle) di Antonino “Addìos” Cannavacciuolo, per arrivare al sornione “Come on!” di Giorgio Locatelli. Ma gli affezionati del programma hanno ancora nelle orecchie quel “Velòòòòsceeeee” di Carlo Cracco, diventato famoso anche grazie alle parodie che lo hanno accompagnato. “Parla come MasterChef!” è il titolo dato alla campagna, realizzata da Sky Creative Agency.

MasterChef Italia 2021 concorrenti

La MasterClass 2021 si è composta alla fine delle prime due serate, con la messa in onda delle prime quattro puntate, dopo la selezione fatta con la preparazione dei piatti al cospetto dei giudici e le Prove di Abilità. Ecco i 20 concorrenti di MasterChef Italia 11.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Andrea

MasterChef Italia 11 Andrea

Andrea ha 41 anni, è nato a Novara, ma vive a Milano dove ha lavorato per 20 anni come maître di sala e chef de rang, girando il mondo anche per chef stellati come Pascal Barbot o Gualtiero Marchesi da cui ebbe anche una proposta di collaborazione. La crisi ha colpito anche lui: ritrovatosi disoccupato ha incominciato a lavorare in un supermercato come direttore per mantenere la famiglia, ma non ha abbandonato il sogno di aprire un ristorante tutto suo. Si definisce “fashionista”, nel senso che ci tiene molto allo stile e all’eleganza, e anche uno stratega: partecipa per vincere. Ama sperimentare piatti internazionali come la bouillabasse, il cous cous e il sushi.

MasterChef Italia 11, concorrenti: AndreaLetizia

MasterChef Italia 11 AndreaLetizia

Ha 25 anni, è disoccupata, è nata a Reggio Emilia, ma vive a Brighton (UK) e partecipa con il compagno Nicky Brian, anche lui entrato nella MasterClass 2021. AndreaLetizia vive a Brighton da quando aveva 19 anni e qui ha studiato fotografia: anche lei ha perso il lavoro nello studio di postproduzione fotografica con cui collaborava e si è data alla cucina.  A proposito di cucina, lì la sua personalità e quella del fidanzato si scontrano: lui interviene su come fare le cose, mentre lei, anche se infastidita, non ha ansia da prestazione. Ha imparato a cucinare dal padre e, una volta trasferitasi in Inghilterra, ha iniziato ad approfondire anche ricette e tecniche più particolari ed esotiche. Il suo sogno è quello di aprire un agriturismo gourmet in Italia.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Anna

MasterChef Italia 11 Anna

Anna ha 30 anni, è farmacista e nutrizionista e vive a Codigoro (Ferrara). Il suo sogno è coniugare la sua passione per il cibo col fitness e la corretta alimentazione. Ambiziosa e determinata, vorrebbe un locale tutto suo, ispirato alla sua filosofia, fatta di piatti leggeri e gourmet, “magari anche con la tabella dei valori nutrizionali nel menù“. Grande appassionata di sport, pratica anche la caccia. Di sé dice che tende ad essere un leader e a dare ordini e si definisce impaziente, tanto da non sopportare i lenti: sarà interessante vederla nelle Esterne.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Bruno

MasterChef Italia 11 Bruno

Bruno ha 64 anni, è nato a Londra da genitori emigrati dopo la guerra, si è trasferito in Italia da 40 anni, ora vive a Parma ed è un agente di commercio per due aziende che si occupano di abbigliamento e strumentazione per il golf. Partecipa a MasterChef Italia perché sogna di rilevare il ristorante in cui suonava e renderlo un punto di riferimento per il cibo e la musica, mentre dedicherebbe il libro di cucina alla madre Rose.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Carmine

MasterChef Italia 11 Carmine

Carmine ha 18 anni, è all’ultimo anno di liceo scientifico ed è di Montecorvino Pugliano (SA): ha colpito subito sin dal cooking delle selezioni per la sua maturità, la sua bravura e la sua passione per la cucina. Si è avvicinato alla cucina a 12 anni per caso e senza nonni o zie che lo avviassero ai fornelli: la passione è nata guardando programmi tv e ora sperimenta tutte le possibili forme di cottura. Avrebbe voluto fare l’alberghiero ma i suoi genitori non hanno voluto: la partecipazione a MasterChef è anche un modo per dimostrare loro che questa è la sua strada. In famiglia sono 5 figli, ci dui 2 maschi e 3 femmine e con loro vivono il nonno, la zia e la bisnonna. Se vincesse, vorrebbe garantire ai fratelli un’istruzione alta sgravando i genitori di questo peso.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Christian

MasterChef Italia 11 Christian

Christian ha 20 anni, studia Ingegneria chimica ed è di Bosconero (TO). Anche lui ha emozionato alle selezioni: affetto dalla sindrome di Asperger, la partecipazione a MasterChef è un’altra delle sfide che ha deciso di affrontare. La passione è nata con gli scout quando si è cimentato nella cucina trappeur. Quando ha visto MasterChef per la prima volta ha capito che sarebbe stato il luogo perfetto per lui data la possibilità di poter creare mettendosi alla prova, di entrare in competizione con gli altri e far assaggiare le sue creazioni agli chef. Crede che la sua attitudine a non darsi mai per vinto unita alla sua capacità di improvvisazione possano rivelarsi degli ottimi assi nella manica: «Se ce la faccio io, possono farcela tutti!» dice con un pizzico di orgoglio.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Dalia

MasterChef Italia 11 Dalia

Dalia ha 30 anni, è di Torino ed una manager, ma è anche figlia d’arte: suo padre è uno dei primi chef stellati di Torino, ma è mancato quando lei aveva solo 17 anni. Lei  conserva ancora i suoi ricettari e MasterChef Italia per lei è una sfida, principalmente con se stessa. Ha vissuto in diverse nazioni e parla cinque lingue: ha vissuto in Canada per due anni dove faceva chinesiologia sportiva, quindi per sei anni in Francia. Ha un fratello minore e due sorellastre con le quali non ha nessun rapporto dal funerale del padre.Le sue paure sono la noia e la monotonia. Ha giocato a calcio per 15 anni come capitano, poi si è dedicata al tennis agonistico: il suo punto di forza, dice, è la lucidità.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Elena

MasterChef Italia 11 Elena

Casalinga di 54 anni, Elena è nata a Milano, ma vive a Ravenna. Intelligente, estrosa, disinvolta, Elena ha vissuto mille vite: fino ai 30 anni, negli ’80 e ’90, ha lavorato come stylist pubblicitaria e PR nella ‘Milano da bere’, ha sposato il suo capo, direttore di un famoso brand di moda, da cui ha avuto un figlio, oggi 25enne, che vive ad Amburgo. Poi 6 anni fa ha divorziato, si è trasferita a Lido Adriano a Ravenna e si è reinventata: il compagno ha un casale in campagna dove producono olio e che vorrebbe trasformare in un home restaurant. La cucina, in fondo, è l’unica costante della sua vita.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Federico

MasterChef Italia 11 Federico

Deejay trentenne, nato a Buenos Aires in una famiglia di ristoratori, Federico ha preferito per anni la bella vita alla fatica della cucina, ma ora vuole crearsi un futuro come cuoco e dj a Milano, dove vive da 5 anni per stare accanto al figlio, avuto da una donna con la quale si è lasciato 3 anni fa. Sua mamma è chef ma il suo stile di cucina è diverso: ama la cucina etnica e sperimenta, volendo anche dimostrare ai genitori che anche lui ha talento.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Gabriele (aka Polone)

MasterChef Italia 11 Polone Gabriele

È stato il primo a presentarsi al cospetto dei giudici e il primo a emozionare il pubblico: Gabriele, meglio noto come Polone, entra nella MasterClass. Ha 34 anni, è un addetto alla sicurezza di Anzio, ma è un uomo gentile e appassionato, che ha patito per i bulli quando era ragazzo. Ha la passione per i tatuaggi, i motori e la caccia e sogna di aprire un ristorante di pesce per far divertire e per emozionare la gente. Solo al pensiero di poter partecipare a MasterChef Italia si commuove. La sua principale sostenitrice è la ragazza, Martina, che gli ha trasferito al sua passione per la cucina. Per lui, la cucina “è amore, poesia”.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Giulia

MasterChef Italia 11 Giulia

Giulia ha 29 anni, è una modella di Bologna, ma nonostante il suo catwalk è molto timida e ipersensibile. A 18 anni ha iniziato a frequentare l’università di moda e a lavorare come modella, cominciando ad avere un brutto rapporto con il cibo. Dieci anni fa ha incontrato il suo futuro marito Francesco (si dovrebbero sposare nel 2022): insieme a lui ha ricominciato a cucinare antipasti, pesce, legumi e la pasta. Le piace la cucina tradizionale ma è stimolata di più dalla cucina giapponese. Ha origini nobiliari friulane e suo padre avvocato non l’ha mai appoggiata: vuole aprire un ristorante intimo con un retrobottega per fare corsi di cucina e scrivere un libro di ricette per educare le persone ad una cucina etica e sostenibile.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Lia

MasterChef Italia 11 Lia

Ha 30 anni, è laureata in Scienze Politiche specializzata in Relazioni Internazionali, lavora in banca come gestore di portafogli aziendali e viene da Costermano sul Garda (Verona). I suoi genitori sono separati: il padre veneto gestisce una cantina vinicola sul lago di Garda mentre la madre è originaria della Puglia.S embra buffa e svampita, ma ha un carattere forte e deciso: per lei in cucina sembra tutto facile, anche le ricette più complesse e davanti alle critiche non si tira indietro e risponde a tono. Appare molto critica anche verso gli altri concorrenti. Cucina solo il sabato e la domenica perché tutti gli altri giorni è a dieta. Partecipa a MasterChef Italia perché la sua aspirazione è quella di diventare ambasciatrice della cucina italiana.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Mery

MasterChef Italia 11 Mery

Mery ha 26 anni, fa la personal trainer a Roma, è una persona verace e comunicativa ed è un’altra ‘vittima’ della pandemia: col lockdown ha perso il lavoro di cameriera ma ha saputo reinventarsi come coach di fitness e bodybuilder. La cucina è una sua passione da sempre ed è un sogno che la lega a sua mamma: la famiglia ha sempre avuto problemi economici (ha raccontato usavano i pacchi della Caritas) e da quando i suoi genitori si sono separati, il padre non ha fatto sapere più nulla di sé, mentre la mamma è mancata due anni fa a causa di una grave malattia. Ora Mery convive con il fidanzato Umberto da circa 3 anni. La passione per la cucina è sempre stata una costante nella sua vita e già dopo le scuole medie aveva pensato di fare l’alberghiero. Dopo il diploma è andata a vivere a Londra per imparare la lingua e lavorare, ma proprio a causa dei problemi di salute della madre è stata costretta a lasciare tutto e tornare in Italia per accudirla.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Mime

MasterChef Italia 11 Mime

Nata a Kawasaki, Mime ha 47 anni e vive a Firenze dove lavora come guida turistica/interprete dal 1998. Ironica e originale, Mime si è specializzata in cucina toscana grazie alla suocera che purtroppo è mancata. È venuta in Italia per studiare interior design ma in realtà ha deciso di partire perché era stata lasciata dal fidanzato: ora è sposata con un fiorentino con cui ha 2 figli. Tutta la sua famiglia è molto critica con lei e partecipa a MasterChef Italia perché vuole far vedere ai famigliari che, anche se è giapponese, ne sa di cucina italiana, ma nello stesso tempo vorrebbe insegnare ai giapponesi come fare i veri piatti della tradizione italiana.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Nicholas

MasterChef Italia 11 Nicholas

Nicholas ha 21 anni, è di arezzo e studia radiologia, mentre lavora anche come fattorino per un ristorante. Ha sempre visto la cucina come qualcosa di magico: si ricorda ancora la prima crema pasticciera fatta e bruciata a 12 anni, ha visto tutte le stagioni di MasterChef Italia ma anche le versioni straniere. Non ha fatto l’alberghiero perché ha sempre amato le materie scientifiche ma ora riesce ad immaginare un suo futuro nel food. Ama la cucina tradizionale ma anche quella molecolare  e gli piace sperimentare: ama complicarsi la vita. Secondo lui la parte più difficile era entrare nella Masterclass, ma ora che è entrato pensa che arrivare in finale non sia così difficile.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Nicky Brian

MasterChef Italia 11 Nicky Brian

Designer 28enne, originario dello Sri Lanka ma nato a Roma, ora vive a Brighton (UK) con la fidanzata AndreaLetizia che partecipa anche lei a MasterChef Italia. In famiglia sono in 4: i due genitori (in Italia da 40 anni, innamorati di Roma) sono separati, la sorella è una cantante R&B; a 20 anni è partito da Roma e ha girato varie città inglesi prima di stabilirsi a Brighton. Ha sempre sognato di lavorare come User Experience Designer ma con il tempo si sta rendendo conto di non essere più entusiasta nel farlo. Va detto che è un perfezionista ed è estremamente competitivo: la passione per la cucina l’ha sempre avuta e l’ha ereditata dal padre. Per lui MasterChef Italia è un trampolino di lancio per una carriera nella cucina ed è pronto a gettarsi anima e corpo in questa avventura abbandonando il suo attuale lavoro.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Pietro

MasterChef Italia 11 Pietro

Libero professionista di Palermo, Pietro ha 42 anni e si definisce ossessionato nel calcolo delle calorie, maniaco del controllo e pigro. Ha iniziato gli studi di Giurisprudenza senza però portarli a termine, quindi ha iniziato a lavorare a 20 anni nella concessionaria di famiglia che però è fallita poco dopo la morte del padre, quindi poi si è reinventato facendo altri lavori. Ha giocato a calcio ed ora dirige il CUS, il Centro Universitario Sportivo. Ha iniziato a cucinare rispettando i suoi regimi da sportivo: usa materie prime di qualità, è fissato col biologico ed è un amante della sua Sicilia.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Rita

MasterChef Italia 11 Rita

Rita ha 51 anni, è un’imprenditrice alberghiera di Catania che ha dedicato la sua vita finora alla famiglia e ora vuole fare qualcosa per se stessa. Pronta a superare le sue paure, ha affrontato lo stop della sua attività durante il lockdown sfogandosi in cucina e aprendo un blog e la pagina Instagram “In cucina con Donna Rita”. Partecipa a MasterChef Italia perché vuole dimostrare che ci si può mettere in gioco a qualsiasi età e perché ha finalmente capito cosa vuole fare da grande. Sogna di scrivere un libro di ricette e aprire una boutique restaurant, nonostante la sua sia una cucina tradizionale siciliana.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Tina

MasterChef Italia 11 Tina

Tina ha 39 anni, è nata a Napoli ma vive a Piacenza dove lavora come commessa in un supermercato. Partecipa con una forte voglia di riscatto e di consensi come madre e come cuoca: l’obiettivo più che la vittoria è l’autostima. Si è trasferita a Parma a 15 anni con la famiglia per il lavoro del padre, ma da due anni vive a Piacenza con il nuovo compagno. Ha cambiato vita dopo un matrimonio di 10 anni e 2 figli, che ora non sono con lei ma stanno con l’ex marito: lei li vede solo nel weekend e questo la fa giudicare selvaggiamente dalle altre mamme. Sogna di aprire un agriturismo con stanze per ospiti e preparare il pranzo al sacco per i turisti.

MasterChef Italia 11, concorrenti: Tracy

MasterChef Italia 11 Tracy

Tracy ha 31 anni, è nata  in Nigeria, ma vive a Vallese di Oppeano (Verona) da 15 anni, dove lavora come cameriera di sala. Forte, determinata e competitiva, si è avvicinata al mondo della cucina grazie al lavoro come cameriera, ma soprattutto grazie alla sua curiosità: ha iniziato così a riproporre piatti nigeriani con ingredienti italiani e a studiare, avvicinandosi anche alla cucina molecolare. Il suo compagno è un po’ titubante riguardo quest’esperienza per la lontananza, ma la sostiene; per lei MasterChef Italia sarebbe un nuovo inizio: “Sogno di aprire un’attività diversa dal classico ristorante di brigata, magari un home restaurant di livello”

MasterChef Italia 2021, vincitore

Il vincitore di MasterChef porta a casa un premio di  100.000 € in gettoni d’oro,  la pubblicazione di un proprio libro di ricette con Baldini&Castoldi e un corso di alta formazione presso ALMA, Scuola Internazionale di Cucina Italiana.

MasterChef Italia 2021 ospiti

Diciamo subito che non può mancare il maestro Iginio Massari, ormai giudice onorario del programma. Tra gli ospiti di questa edizione molti chef stellati: Marie Robert, che ha conquistato la sua prima stella Michelin a soli 30 anni, Anissa Helou, tra le principali esperte di cucina mediorientale al mondo, Lele Usai, lo chef marinaio con una stella Michelin, lo chef sperimentatore Terry Giacomello, il re della cucina elvetica Andreas Caminada con le sue 3 stelle Michelin, Enrico Crippa, 3 stelle Michelin e tra i migliori 50 ristoranti al mondo.

Tra le Esterne previste si va in Trentino, dove i concorrenti dovranno cucinare per i lavoratori impiegati nella fienagione, e a Trieste, che ha ospitato sia la prova in esterna che il Pressure nello scenografico castello di Miramare.

MasterChef Italia, il format

MasterChef Italia 2021 è prodotto da Endemol Shine Italy. Il programma è scritto da Paola Papa e da Emiliano Ereddia, Sonia Soldera, Ilaria Barosi, Alessandra Tomaselli, e con Luca Colocucci, Silvia Bizzotto, Francesca Valenti, Francesca Mazzantini, Anna Ferrajoli, Francesco Stefanucci, Maria Chiara Salvi, con la consulenza di Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo, Giorgio Locatelli. Direttore della fotografia Flavio Toffoli, scenografie Francesco Mari, regia di Umberto Spinazzola.

Lo scorso settembre MasterChef è arrivato a 500 edizioni: a oggi, conta 64 versioni locali e più di 10.000 episodi in onda in tutto il mondo.

MasterChef Italia 12 casting

Come partecipare a MasterChef? Basta inviare la propria candidatura riempiendo il form sulla piattaforma Sky: la ricerca di concorrenti per la stagione successiva inizia ancor prima che venga annunciato il vincitore della precedente.

MasterChef Italia streaming

MasterChef è visibile in streaming per gli abbonati NOW e per gli abbonati al servizio SkyGo.

Ultime notizie su MasterChef

MasterChef è un talent culinario nato nel 1990 sulla BBC, ma esploso su scala mondiale dopo il restyling del 2005.

Tutto su MasterChef →