Elisa Isoardi in arrivo nella domenica pomeriggio di Rai2 (Retroscena TvBlog)

Dopo tanto parlarne arriva per l’ex conduttrice della Prova del cuoco il ritorno alla conduzione di un programma in Rai, vediamo di cosa si tratta

di Hit,

Si riparte dalla strada, ma intanto si riparte. Niente studio televisivo per ora, ma un viaggio nel territorio (ormai è diventata una moda questa nella tv di oggi, dalle “Linee” in poi) alla ricerca di modi e situazioni nelle varie regioni d’Italia. Lei è Elisa Isoardi che torna alla conduzione di un programma televisivo, come spifferato da Dagospia, dopo la chiusura definitiva della Prova del cuoco, sostituita dal varietà della Stand by meE’ sempre mezzogiorno” condotto dalla rediviva Antonella Clerici.

E proprio dalla Prova del cuoco questo nuovo programma condotto da Elisa Isoardi erediterà la società di produzione che si occuperà della sua realizzazione. Si tratta infatti della storica ed immortale Endemol Shine Italy che dal suo parco format ha tirato fuori questa nuova trasmissione in cui dovremmo vedere la bella e brava Elisa  fare degli incontri a casa degli italiani, un modo questo per entrare più dentro il nostro territorio, mostrando gli italiani all’interno delle loro dimore.

Il programma si inserirà nella nuova programmazione domenicale della Rete 2 che partirà alle ore 14 con il già rodato “Provinciale” di Federico Quaranta, per poi passare la staffetta proprio ad Elisa Isoardi alle ore 15 con questo nuovo programma made in Endemol Shine Italy e poi alle ore 16 la linea passerà al nuovo programma della domenica pomeriggio di Rai Sport condotto da Paola Ferrari, con la collaborazione di altri personaggi ancora da definire.

Bentornata alla conduzione dunque ad Elisa Isoardi che dopo le partecipazioni a Ballando con le stelle e all’Isola dei famosi torna in televisione con un programma tutto suo e lo farà tutte le domeniche pomeriggio dalle ore 15 su Rai2 dal prossimo autunno con questo nuovo programma in diretta dal territorio.

Ultime notizie su Elisa Isoardi

Tutto su Elisa Isoardi →