Speciale

Name That Tune

Name that tune: guida al game show

Format ()

In ogni puntata due squadre, composte da quattro personaggi del mondo dello musica, dello spettacolo e dello sport  (nella prima edizione miste, nella seconda una composta da maschi, l’altra composta da femmine), si sfidano in una serie di giochi a tema musicale con l’obiettivo di vincere più jolly da utilizzare nell’ultimo gioco, quello che decreta il team campione e che dà diritto al vincitore di tornare in gara la settimana successiva per difendere il titolo.

Giochi ()

  • Playlist: canzoni a tema che i concorrenti devono indovinare prima della squadra avversaria per aggiudicarsi il jolly.
  • Cuffie: tre componenti di ciascuna squadra devono mimare il titolo della canzone da far indovinare al compagno.
  • Lip Sync Duel: un concorrente deve muore le labbra in sincrono con il video originale della canzone.
  • Cantanti misteriosi: le due squadre devono indovinare l’identità di alcuni cantanti che appaiono uno alla volta dietro uno schermo che permette di vedere solo le loro sagome.
  • La canzone sbagliata: le squadre devono correggere il verso di una canzone sbagliata cantata al piano da Enrico Papi (travestito dall’interprete originale del brano).
  • L’Asta Musicale: le due squadre devono indovinare con meno note possibili, anche una sola, la canzone che si cela dietro un indizio fornito dal conduttore.
  • Sette per trenta: il gioco finale consiste in sette brani da indovinare in 30 secondi totali. Grazie ai jolly guadagnati nelle sfide precedenti, il rappresentante della squadra può chiedere aiuto ai suoi compagni.

Curiosità ()

  • Il programma è scritto da Enrico Papi, Pasquale Romano, Gianluca Giorgi, Pietro Gorini, Paolo Cucco, Marco Elia e Simone Di Rosa.
  • La regia è curata da Alessio Pollacci.
  • Il programma ha un media partner radiofonico, Radio Italia.