The Serpent Queen su STARZPLAY: Caterina de’Medici la “Frank Underwood” del 1500

Samantha Morton interpreta la protagonista, nel cast anche Charles Dance nei panni del Papa. In tutto 8 episodi con rilascio settimanale

Debutta oggi The Serpent Queen un classico period drama che racconta in una chiave più moderna e dinamica, la storia di Caterina de’ Medici, una donna che ha segnato un’epoca cambiando la corte di Francia, lottando costantemente contro l’avversione degli altri nei suoi confronti in quanto donna, italiana e figlia di mercanti. Ma proprio per questo capace di conquistare il potere: Regina Consorte, reggente per ben due volte, Regina madre di tre regnanti. The Serpent Queen è il titolo proposto da oggi domenica 11 settembre su STARZ negli USA e in contemporanea su STARZPLAY in Italia, con rilascio settimanale degli otto episodi.

The Serpent Queen la trama

La Regina Caterina de’ Medici prende sotto la sua ala protettiva una giovane serva e le racconta il suo passato, dandole quelle lezioni che ha imparato nel corso di una vita complessa e stratificata. A 14 anni Caterina è un’orfana che viene presa sotto l’ala protettiva dello zio Clemente VII e mandata in Francia per sposare Enrico, secondo figlio del Re. Un modo per cementare gli accordi politici in Italia, accompagnato da una buona dote, un’alleanza geopolitica e l’aspettativa di molti eredi.

Caterina scopre subito, però, che il suo giovane marito è sedotto e soggiogato da una donna che ha il doppio dei suoi anni, Diane de Poitiers, lontana cugina della stessa Caterina. L’influenza di Diane su Enrico e successivamente anche sui suoi figli, sarà il tormento di sempre di Caterina. Quando muore Clemente VII la posizione di Caterina è sempre più in bilico: non riesce a rimanere incinta, la dote è stata bloccata dal nuovo Papa, la sua funzione è diventata superflua. Eppure la sua intelligenza colpirà il Re che continuerà a proteggerla. Dopo la morte del delfino Francesco affetto da una malattia congenita, trasformerà Enrico nell’erede al trono e Caterina in quello di futura Regina consorte. Al racconto del passato e delle mosse di Caterina per mantenere il suo ruolo di moglie, fa da contraltare il presente, in cui continua dovrà gestire Maria Stuart moglie del suo primo figlio, fervente cattolica, decisa a cambiare la Francia.

The Serpent Queen la recensione

Sgombriamo subito il campo da una questione che tormenta sempre i period drama: The Serpent Queen non è un documentario, non è nemmeno una serie biografica. The Serpent Queen è un’opera di fiction che rilegge la storia di Caterina de’ Medici seguendo quella parte di storiografia che la rendeva più interessante da un punto di vista narrativo, quella che la descrive come un’abile manipolatrice, magari anche con delle influenze magiche e superstiziose. La serie si concentra su questi aspetti rendendo Caterina una sorta di Frank Underwood (il Kevin Spacey di House of Cards) del 1500, non solo per la frequente rottura della quarta parente per spiegare allo spettatore le sue vere ragioni sottintese a quello che dichiara, quanto nella costruzione della strategia per la conquista del potere. Caterina (come Frank) è quasi sempre un passo avanti a tutti e quando non lo è, trova una soluzione all’ultimo istante.

La sagacia, l’intelligenza politica, la cultura di Caterina si apprezzano più nello sviluppo complessivo dell’opera che grazie a specifici particolari. L’uso dell’inglese come lingua comune di tutti i personaggi, fa ovviamente perdere le differenze linguistiche dell’epoca. Soprattutto non si apprezza una giovane Caterina che arrivò a corte già sapendo il francese per cercare di inserirsi al meglio, consapevole che la bellezza non fosse il suo punto di forza. Tutte qualità che la fecero apprezzare al Re, padre di Enrico, al punto che prima di morire le affida di fatto il figlio e la Francia. La serie è costruita su due piani temporali: da un lato c’è il presente in cui Caterina dopo la morte del suo primo figlio lotta con la nuora Maria Stuart per il ruolo nel regno, dall’altro il passato con l’adolescenza e poi la fase adulta di Caterina. E qui va sottolineata un’interessante scelta narrativa. Infatti dopo il primo parto Caterina passa dall’essere bambina all’essere donna, diventando una “macchina da figli” e qui avviene il salto da Liv Hill che la interpreta da giovane a Samantha Morton che è Caterina donna adulta.

La serie, pur mantenendo un costante tono sarcastico, non calca mai la mano sull’ironia come in The Great, preferendo una via più seriosa e politicamente impostata. La tanto decantata modernità dell’approccio obiettivamente sfugge ed è possibile ritrovarla nel riff che accompagna la sigla e in alcune scelte visivamente poco eleganti e quindi poco tipiche dei period drama. Soprattutto la serie sembra funzionare meglio quando descrive le dinamiche di corte, ancor più di quando forza alcune svolte narrative e strategiche di Caterina. Tutti i personaggi hanno una conformazione più macchiettistica che reale, fin troppo esagerata, ad esempio, la trattazione di Maria Stuart al punto di risultare fastidiosa. Sicuramente l’obiettivo era questo, però il risultato vive a cavallo tra il serio e il caricaturale non trovando un vero equilibrio. La storia di Caterina è però talmente appassionante da far superare i difetti della serie tv, rendendo The Serpent Queen un piacevole prodotto sia per gli amanti dei period drama sia per chi segue con piacere i political drama fatti di sotterfugi e trattative segrete.

The Serpent Queen il cast

Samantha Morton e Liv Hill si dividono in modo egregio il ruolo di Caterina. Morton la interpreta ormai adulta, quando narra alla sua giovane serva Rahima (Sennia Nanua) la sua storia, insegnandole quello che ha imparato nel corso della sua vita: mai fidarsi di nessuno. Hill è la giovane e furba Caterina, una ragazza intelligente che si ritrova in una corte che la considera un’estranea, che commette un errore imperdonabile: innamorarsi del marito. Perchè in quelle corti i matrimoni erano accordi politici più che patti d’amore.

Samantha Morton/Liv Hill è Caterina
Amrita Acharia è Aabis, serva di Caterina
Enzo Cilenti è Cosimo Ruggieri, astrologo, consigliere di Caterina
Barry Atsma è Montmorency, soldato e consigliere del regno
Sennia Nanua è Rahima
George Jacques è Francesco II
Antonia Clarke è Maria Stuart
Ludivine Sagnier è Diana de Poitiers
Charles Dance è Papa Clemente VII
Nicholas Burns è Antoine de Bourbon, il reggente del regno, Re di Navarra, parte della cerchia ristretta del Re
Danny Kirrane è Louis de Bourbon
Alex Heaht è il giovane Henri
Colm Meaney è Re Francis
Raza Jaffrey è Francois de Guise
Ray Pahthaki è Charles de Guise
Louis Landau è il delfino Francesco

The Serpent Queen tra storia e finzione

La serie è scritta da Justin Haythe usando come fonte d’ispirazione il libro Catherine de Medici: Renaissance Queen of France di Leonie Frieda. Come detto anche in precedenza non si tratta di un documentario e molte scelte, battute, schemi sono state costruite ad arte per la serie tv. Si privilegia l’aurea malvagia che accompagna il personaggio nella storiografia dell’800, intrisa probabilmente anche di sano maschilismo, rispetto a quella moderna che vedeva in Caterina una sovrana moderna, tollerante e capace di cercare una forma di convivenza tra cattolici e protestanti. Ma in fondo come spesso si dimentica guardando queste opere, sarebbe assurdo pensarle come dei manuali di storia.

The Serpent Queen quanti episodi sono?

La prima stagione di The Serpent Queen è composta da 8 episodi che saranno rilasciati settimanalmente a partire da domenica 11 settembre su STARZPLAY in contemporanea con STARZ.

The Serpent Queen 2 ci sarà?

Guardando gli 8 episodi di The Serpent Queen l’impressione è di trovarsi davanti a una storia conclusa, soprattutto per come si è sviluppata la narrazione. Senza fare spoiler se non relativi alla realtà, la serie si conclude con l’incoronazione del suo secondogenito Carlo IX, di cui è reggente fino alla maggiore età. Il regno di Caterina de’Medici è quindi ancora molto lungo ma per sviluppare successive stagioni sarebbe necessario un profondo cambio nella costruzione narrativa, basata sui flashback e sul racconto della stessa Caterina.

The Serpent Queen come vedere la serie in streaming

Per vedere The Serpent Queen bisogna avere un abbonamento attivo a STARZPLAY. La piattaforma di streaming è presente in Italia al costo mensile di 4,99€, ed è disponibile in Italia via app per smartphone, tablet e su Fire Stick Tv, oltre che via browser.

STARZPLAY è inoltre un “canale” in abbonamento all’interno di Apple Tv, Amazon Prime Video, Rakuten Tv, MediasetInfinity e Vodafone Tv,  ciascuna sottoscrizione non ha legame con l’altra quindi gli stessi dati inseriti per l’abbonamento su un canale non possono essere usati su un altro o sull’app indipendente. Fino al 18 settembre Mediaset Infinity propone un’offerta con Infinity+, STARZPLAY e Midnight Factory a 9.99 € al mese per 12 mesi.