• Tv

Rissa Sgarbi – Mughini, dal Costanzo Show al precedente nell’estate 2019 (VIDEO)

Passano gli anni, ma non le risse: quando il critico d’arte e lo scrittore furono protagonisti di un’altra rissa a Stasera Italia Estate.

Toh! come si rivitalizza immediatamente il dibattito televisivo con due manate, una spinta e un ribaltone! Vittorio Sgarbi e Giampiero Mughini se le sono date di santa ragione – di nuovo – e ormai a meno di 24 ore di distanza dal fattaccio accaduto a mezzanotte e 38 minuti di oggi 5 maggio 2022 è quasi impossibile trovare qualcuno che non sappia cosa è accaduto nella seconda puntata del Maurizio Costanzo Show che, ricordiamo, quest’anno festeggia il suo 40°anno.

Qui i fuochi d’artificio li hanno fatto due ospiti che non sono solo ospiti, piuttosto due capisaldi della storia del talk di Canale 5. A furor di polemiche e di litigi in anni e anni di MCS, Sgarbi e Mughini oltre al loro talento e professionalità hanno indiscutibilmente reso quantomeno più colorite le puntate della trasmissione. Il punto qui è un altro, esula dal Maurizio Costanzo Show e lo abbiamo capito: se in uno stesso palcoscenico mettiamo seduti Vittorio Sgarbi e Giampiero Mughini insieme, appare limpido che qualcosa potrebbe accadere.

Certo, spesso e volentieri i due pur ritrovandosi agli antipodi su idee e opinioni, hanno saputo sopportarsi usando un raffazzonato fair-play sul filo di lana, in altre occasioni decisamente no.

Basta ricordare cosa accadde il 24 luglio 2019 a Stasera Italia Estate, allora il programma era condotto da Giuseppe Brindisi (in questi giorni nella bufera per il discusso intervento del Ministro degli Esteri russo Lavrov) con Veronica Gentili.

Allora non c’era né pandemia, né guerra che campeggiava nei talk d’attualità, si parlava dei presunti fondi russi alla Lega. Mentre Mughini sottolineò la presenza di un’indagine sul caso, il critico d’arte rispose a tono senza mandarle a dire : “E’ un’indagine politica di una magistratura corrotta!“. I toni si alzarono tanto che i due, sopraffatti dalle continue provocazioni, prima si insultarono reciprocamente per poi passare alle vie di fatto dopo oltre un minuto di urla. A dividerli ci pensò un assistente in studio e Brindisi che provò a raffreddare gli animi, decisamente oltre le righe.

Stavolta – sempre oltre le righe – Mughini ci ha messo decisamente molto meno per arrivare alle mani addosso. È bastato che Sgarbi inveisse contro urlando “Calmati tu, imbecille” per partire quasi immediatamente con lo spintone che ha provocato la caduta del critico d’arte con tanto di quadro rovinosamente caduto addosso. Al Bano in un’intervista al Corriere della Sera ha paragonato la rissa come “uno scontro Muhammad Ali – Mike Tyson“.

Rissa Sgarbi – Mughini, i commenti dopo la messa in onda

Nonostante i due abbiano fatto pace come sottolineato da Massimo Galanto in un articolo oggi, gli strascichi sono ancora ben evidenti a quanto traspare dalle parole dei diretti interessati. Mughini intervistato a Radio Globo minimizza l’accaduto:

Non ho intenzione di dire una sola parola. Non è successo nulla di rilevante. Cercate di capire che non è successo niente di niente di niente.

Sgarbi invece cosa ne pensa? Ovviamente l’esatto contrario: enfatizza le sue liti come ‘memorabili’: “Ho inventato un genere televisivo, che ci tengo a precisare non ha mai avuto una sceneggiatura. Nulla di scritto” dice al Corriere della Sera. Raggiunto pure lui da Radio Globo, specificatamente alla rissa con Mughini riaccende la miccia:

Mughini deve solo vergognarsi. Ha voluto risolvere una polemica verbale con uno spintone, nonostante in passato abbia detto di essere contrario all’”Uno contro Tutti” di Carmelo Bene, di Sgarbi, di Pietro Taricone e di Umberto Bossi, spettacoli di cazzeggio con molte parolacce.

Eppure al termine della puntata del Maurizio Costanzo Show, dopo la rissa, Sgarbi pareva metterci una pietra sopra elogiando Mughini.

L’impressione è che questo strano albo pieno di scontri ‘memorabili’ Sgarbi-Mughini sia ancora in fase di scrittura…