Giuseppe Fiorello torna (di già) su Raiuno, ma con il suo spettacolo teatrale Penso che un sogno così

Stefano Coletta, direttore di Raiuno, ha anche anticipato che ci saranno altri esperimenti legati al teatro sulla prima rete Rai

Lo abbiamo rivisto in tv il mese scorso come protagonista de Gli Orologi del Diavolo, ma questa volta, per ritrovare Giuseppe Fiorello in tv, non dovremo aspettare tanto. Dopo 450 repliche in tutta Italia, l’attore Re della fiction italiana proporrà sul piccolo schermo -su Raiuno– il suo spettacolo teatrale “Penso che un sogno così”.

La conferma di una notizia che era in realtà già stata annunciata l’estate scorsa arriva da Stefano Coletta, direttore di Raiuno, in risposta ad una domanda durante la conferenza stampa di Natale in casa Cupiello a proposito della possibilità di continuare a portare il teatro sulla prima rete Rai.

Coletta, dopo aver ricordato la partenza avvenuta sabato scorso di Ricomincio da Raitre -dedicato, appunto, al mondo del teatro ora fermo-, ha sottolineato l’intenzione di voler provare ad inserire “nell’intrattenimento pop di Raiuno” uno “storytelling pseudoteatrale”.

Per Coletta, insomma, sarà una “grande serata in cui [Fiorello] racconterà la storia delle sua famiglia evocando la storia di Domenico Modugno. Sarà un modo per impiantare il teatro su Raiuno attraverso un altro genere”. Un tentativo che va sul sicuro, considerato il successo ottenuto al teatro dello spettacolo, “figlio” della miniserie in due parti su Modugno del 2013 interpretata proprio da Fiorello, che sbancò l’Auditel con oltre 11 milioni di telespettatori.

Lo spettacolo teatrale vede Fiorello raccontare al pubblico la vita sua e della sua famiglia attraverso i ricordi suscitati dalle canzoni di Domenico Modugno, fino ad allargare lo sguardo alla Sicilia ed all’Italia di quel tempo. “Attraverso questo viaggio”, dice lo stesso attore nella presentazione dello spettacolo, “invito i protagonisti della mia vita ad uscire dalla memoria e accompagnarmi sul palco, per partecipare insieme ad un avventuroso gioco di specchi”.

La versione tv di Penso che un sogno così si proporrà dunque come un evento tv in onda in un’unica serata, in cui non mancheranno gli ospiti, chiamati non solo ad interagire con il protagonista, ma probabilmente anche ad esibirsi nei brani che comporranno la scaletta della serata.

Penso che un sogno così dovrebbe andare in onda nella prima metà di gennaio: le date al momento papabili sono quelle dell’8 o dell’11 gennaio 2021. Dopo questo evento, assicura Coletta, “ci saranno anche altri tentativi” di portare il teatro su Raiuno, “durante la primavera”.

I Video di TvBlog