Domenica In, Mara Venier condurrà l’edizione 2022-2023

Lo annuncia la stessa Mara Venier in diretta: “Farò Domenica In anche l’anno prossimo”. Auto-smentite le dichiarazioni di alcuni mesi fa.

Per il quinto anno consecutivo nella stagione televisiva 2022-2023 Mara Venier condurrà Domenica In, programma del quale è tornata al timone dalla stagione 2018-2019. A dare l’annuncio è stata la stessa conduttrice all’interno della puntata odierna della trasmissione in onda tutte le domeniche nel primo pomeriggio di Rai1. Durante la lunga intervista a Jovanotti, la presentatrice ha invitato l’artista a tornare ospite del programma nel corso della prossima edizione:

Allora vieni qua perché io farò Domenica In anche l’anno prossimo, così l’ho detto pubblicamente.

Mara Venier è tornata così ad auto-smentire le dichiarazioni fatte da lei stessa nelle settimane che precedevano la partenza di questa edizione di Domenica In. Se in un incontro dello scorso agosto dedicato alla presentazione del suo libro aveva dichiarato che quello che sarebbe partito il mese seguente sarebbe stato l’ultimo anno alla guida del programma domenicale di punta di Rai1, anche nelle settimane seguenti la Venier aveva confermata tale decisione, comunicando all’interno di un’intervista rilasciata al Corriere della Sera che sarebbe stata la sua ultima edizione di Domenica In ( “Lo so, non ci crede nessuno, ma penso davvero che questa sarà la mia ultima Domenica In”).

La conduttrice, che rappresenta ormai per intero il programma, ancora per un anno resterà quindi impegnata settimanalmente con la conduzione domenicale, alla quale nella prossima stagione, come abbiamo avuto modo di confermarvi, si dovrebbe aggiungere un impegno con alcune prime serate realizzate e pensate con l’amico Ferzan Ozpetek. La conclusione invece dell’attuale edizione di Domenica In è fissata per domenica 5 giugno e sarà preceduta da un appuntamento speciale in prima serata previsto per venerdì 27 maggio.

Ultime notizie su Mara Venier

Mara Venier la signora della domenica

Tutto su Mara Venier →