La7, manovre di palinsesto in corso: il futuro di Giletti, Santoro e Purgatori. E intanto Mentana…

A La7 si discute delle possibili variazioni di palinsesto, in attesa del ritorno di Michele Santoro. Intanto Mentana si espone sulle ospitate tv dei no-vax

Manovre in corso a La7. Negli scorsi giorni su TvBlog ci siamo occupati del nuovo progetto televisivo preannunciato via social da Enrico Mentana e che coinvolge Michele Santoro. In quella circostanza abbiamo dato conto dell’ipotesi della messa in onda al mercoledì sera, al posto di Non è l’Arena, che sembrerebbe destinato a tornare nella collocazione della domenica sera.

La situazione dalle parti di La7 in realtà sarebbe ancora non definita, nel senso che l’intenzione della direzione di rete, nella persona di Andrea Salerno, di riportare il programma di Massimo Giletti alla domenica potrebbe non andare in porto, almeno non in tempi brevi, almeno non prima della fine della stagione. E allora se Giletti rimanesse al mercoledì, quando andrebbe in onda l’evento Santoro-Mentana? Il lunedì sera, dove attualmente è collocata la serie tv Grey’s anatomy.

In tutto ciò, Atlantide di Andrea Purgatori resterebbe alla domenica sera, dove fa registrare ascolti molto bassi (domenica scorsa poco sopra il 2% di share).

Le dinamiche fin qui descritte rispecchiano una certa vivacità dialettica (eufemismo) che caratterizza sempre più in maniera accesa la rete.

Non stupisce, in questo senso, il post pubblicato ieri sui social da Enrico Mentana. Il direttore del telegiornale di La7, infatti, si è vantato di non aver mai ospitato nel tg alcun esponente dei no-vax, arrivando a dire che “mettere a confronto uno scienziato e uno stregone, sul Covid come su qualsiasi altra materia che riguardi la salute collettiva, non è informazione“. Nessun riferimento esplicito ai colleghi di rete che invece lo hanno fatto, ma è una evidenza che molti programmi di La7 abbiano dato spazio in questi mesi anche a no-vax, da Non è l’Arena a L’aria che tira, passando per Piazzapulita e DiMartedì , giustificando tale scelta con la volontà di rispettare nel racconto televisivo la pluralità di voci e la rappresentanza di tutte le posizioni.

Un punto di vista a cui Antonello Piroso (il giornalista che fu sostituito proprio da Mentana alla direzione del TgLa7) ha risposto su Twitter ricordando quando nel 2006 a Matrix su Canale 5 il giornalista ospitò Giulietto Chiesa, il quale era convinto che la versione ufficiale sugli attentati dell’11 settembre fosse “falsa” (qui una analisi del blogger Paolo Attivissimo)