Good Girls cancellata dopo 4 stagioni, Netflix non salva la serie e le protagoniste reagiscono con ironia

La serie tv è in Italia (e nel resto del mondo) in streaming su Netlfix che però non ha salvato la serie

Il canale americano in chiaro NBC lo scorso maggio durante la presentazione del proprio palinsesto aveva evitato di svelare il destino di quattro serie tv: Debris, Lo straordinario Mondo di Zoey, Good Girls e Manifest, sostenendo che per tutte il futuro non fosse già scritto e che i fan potevano ancora sperare. Alla fine però tutte e quattro sono state cancellate con la rete che ha così fatto spazio ai nuovi progetti ordinati e soprattutto all’obiettivo di conquistare gli spettatori con la forza dei franchise e dei marchi conosciuti.

Nel 2021/22 la rete “del pavone” di proprietà Comcast-Universal avrà così una serata interamente dedicata a Chicago Fire, Chicago Med e Chicago P.D. e una con tre serie tv di Law & Order tra Special Victims Units, la recente Organized Crime e l’ultima novità For the Defense che sposterà la prospettiva dai procuratori agli avvocati della difesa.

La “morte” dei salvataggi

Le cancellazioni delle ultime settimane hanno evidenziato come il salvataggio di una serie tv da parte di un altro canale o di una piattaforma di streaming sia diventato sempre più raro e complicato. Negli ultimi anni i media americani hanno ripetuto come le serie tv dei canali broadcaster, quelli in chiaro e gratuiti, che stanno assistendo a un progressivo declino negli ascolti live con conseguenti ricadute sulla raccolta pubblicitaria, godessero di una “seconda vita” sulle piattaforme di streaming, aiutando così la sopravvivenza di queste serie e spesso il loro “salvataggio” da parte di altri operatori.

Quelli di Lucifer recuperato da Netflix o della comedy A.P. Bio transitata da NBC allo streaming Peacock sono alcuni degli ultimi casi, ma l’incrocio di fattori utili a far si che una serie tv possa essere salvata da un altro operatore e una concorrenza sempre più accesa stanno complicando questi salvataggi. Al di là di Debris, cancellata dopo una prima stagione, le cancellazioni sia de La vita straordinaria di Zoey, che di Manifest sono state accompagnate dal tentativo dei produttori di salvare la serie. Tentativi che poi sono però falliti soprattutto perchè in entrambi i casi prodotti da studi indipendenti.

Zoey’s è infatti una produzione Lionsgate che non è riuscita a trovare un accordo con Peacock la piattaforma di streaming NBC-Universal che ha distribuito (con ottimi riscontri stando ai media americani) le prime due stagioni in parallelo alla messa in onda tv. Manifest, venduta come un progetto su 6 stagioni, è realizzata da Warner Bros che ha provato a convincere Netflix a realizzare la stessa operazione fatta con Lucifer. Nonostante la serie, proprio in coincidenza con la cancellazione, sia sbarcata sul Netflix USA con le prime due stagioni entrando subito in top ten, la piattaforma di streraming ha deciso di non investire sulla serie. Perchè distribuirla e ottenerne benefici in termini di visualizzazioni ha naturalmente un costo diverso che produrre una serie tv.

Allo stesso modo Good Girls sembrava potesse essere sicura di un rinnovo visto che negli ultimi 3 anni era sempre stata ordinata per nuove stagioni nonostante i bassi ascolti tv e grazie all’accordo di distribuzione (anche internazionale quindi in Italia) con Netflix. Tra l’altro gli ultimi 5 episodi della serie devono ancora essere trasmessi da NBC e finiranno probabilmente a luglio.

La serie era interamente prodotta da NBCUniversal, era la seconda serie tv di NBC nei numeri streaming e aveva un accordo, firmato al momento del pilot, di co-produzione e distribuzione con Netflix. La produzione aveva anche presentato due budget diversi sia in caso di rinnovo con NBC che solo con Netlfix ma entrambe le società hanno rigettato la proposta segnando così la fine del dramedy creato da Jenna Bans con Christina Hendricks, Retta e Mae Whitman.

La reazione delle protagoniste di Good Girls

Le tre protagoniste di Good Girls hanno reagito con ironia sui social una volta scoperta la cancellazione della serie tv. Christina Hendricks ha ringraziato i fan con un meme, ripostato anche da Mae Whitman. Mentre Matthw Lillard che nella serie era il marito di Christina Hendricks ha semplicemente scritto “Molto. Molto. Triste”.