Una buona stagione, Ivano Marescotti candidato alle Europee tagliato dalla fiction: “Una cosa inaudita”

L’attore, candidato per la lista Tsipras, viene “tagliato” per par condicio dalla Rai dalle nuove puntate della fiction. Ma lui non ci sta.

Ieri sera, ai telespettatori più attenti, non sarà sfuggita una strana assenza nella puntata della fiction di Raiuno Una buona stagione. Stiamo parlando di Ivano Marescotti, che nella fiction interpreta Neri Ferrari, padre della protagonista Silvia, apparso fino alla terza puntata e misteriosamente “scomparso” dal video ieri, benché sia stato nominato in più di un’occasione.

Esigenze di trama e di copione? Assolutamente no. Le scene con Marescotti, infatti, sono state tagliate perché l’attore è candidato alle Europee con la lista Tsipras e la Rai ha preferito rispettare in maniera rigida la regola sulla par condicio che impedisce ai candidati di apparire in programmi televisivi durante la campagna elettorale. Marescotti, però, non l’ha presa bene e tramite l’Ansa fa sapere:

Hanno tagliato anche il nome dai titoli, una cosa veramente inedita ed inaudita. Hanno tagliato le scene a spregio del pubblico senza neanche avvisare. Ma io ho fatto 70, 80 film. Venti fiction. Mi hanno detto che dovevo avvisarli, ma dovrei avvisare tutti… Il giorno di Pasqua, sempre su un canale Rai, hanno replicato un’altra fiction in cui ci sono, senza tagli. Una cialtronaggine incredibile.

L’attore contesta apertamente la decisione presa dalla Rai, tirando in ballo pure la questione spinosa della presenza di Matteo Renzi alla Partita del Cuore:

Questa non è par condicio, ma è manipolazione di un’opera dell’intelletto. Danneggia gli altri attori che lavorano con me. La regia, la scrittura, il montaggio e il pubblico che vede una cosa manipolata e censurata. Una cosa che non si può fare. E la Rai, poi, vuole mandare in onda la partita a cui partecipa il presidente del Consiglio.

Marescotti ha spiegato che la Rai, quando ha saputo della sua candidatura, gli ha prima chiesto di ritirarla per poi, davanti al suo rifiuto, chiedergli il nulla osta ad essere tagliato. Lui, ovviamente, non lo ha concesso, ma anche senza il suo consenso le scene sono scomparse:

Cosa c’entro con il palinsesto? Semmai non dovevano trasmetterla ora. Siamo stati i primi a candidarci, lo sapevano benissimo.

Se per la quarta puntata della fiction tutto è sembrato filare liscio, seppur con qualche lacuna, vedremo che cosa accadrà negli ultimi due episodi. E scopriremo se prossimamente, oltre a Marescotti e Renzi, ci saranno altri “censurati” eccellenti prima delle Europee.