Il Collegio 4, il trionfo dell'ordine. Simona Ventura sottoutilizzata

Gli interventi della conduttrice di Chivasso al minimo sindacale. Ottimo il cast per un docu-reality che ha ancora molto da dire.

  • 21.23

    Inizia l'anteprima con le aspettative dei partecipanti. Uno dei giovanissimi dice: "Al Collegio ci entro da single". La contaminazione con Temptation Island è servita. In sottofondo Enola Gay, dato che siamo negli anni Ottanta.

  • 21.32

    Dopo una veloce introduzione sugli anni Ottanta da parte della voce fuori campo del programma e poi di Simona Ventura, vengono presentati i partecipanti. Maggy Gioia dice di sapere sei lingue, compreso il latino.

  • 21.36

    I ragazzi vengono fatti entrare a scuola davanti al corpo docente. Prende la parola il preside: "Il 1982 ha segnato una svolta. La nostra Nazionale di calcio ha vinto i Mondiali". Una ragazza poco prima che prendessero la parola: "Ma come mai non parlano? Sono buggati? Error 404?". Battute che sembrano un po' telefonate.

  • 21.38

    Il preside parla di pericoli legati alla droga, definendo tuttavia il collegio "un porto sicuro". I ragazzi saranno sottoposti a una prova di ingresso.

  • 21.39

    I genitori salutano i ragazzi poco prima della prova di ingresso.

  • 21.41

    La prova consiste nel definire due significati della parola fiera, il capoluogo dell'Emilia Romagna, chi ha dipinto la Gioconda, coniugare al passato remoto il verbo cuocere, i mari che bagnano l'Italia, il significato della parola coatto e cosa sia la mafia. Inoltre, definire l'espressione "sbarcare il lunario".

  • 21.43

    Una risposta a "sbarcare il lunario" è stata "atterrare sul suolo lunare". La mafia? "Prendere in giro qualcuno di colore". Prof a dir poco scandalizzati.

  • 21.44

    Il preside davanti ai ragazzi: "Molti dei vostri compiti erano disastrosi".

  • 21.46

    Ales Djordjevic, il possibile piacione del gruppo, non viene ammesso.

  • 21.48

    Gli ammessi si alzano e vanno a salutare i genitori. Gli esclusi sono cinque e non l'hanno presa bene. Il preside comunica l'esclusione dei ragazzi ai genitori, ma decide di dare una seconda possibilità: potranno fare gli uditori per una settimana al termine della quale saranno sottoposti a una seconda prova di ingresso.

  • 21.54

    I sorveglianti comunicano ai ragazzi che sono vietati telefoni, cibi, trucchi, piastre, ecc. La sorvegliante battibecca pesantemente con una ragazza.

  • 21.56

    I ragazzi entrano nelle stanze. Ottima la fotografia anni '80.

  • 21.58

    Gli studenti consegnano gli oggetti proibiti alla sorvegliante. Non si possono tenere nemmeno i deodoranti.

  • 22.05

    Giorgio Ciupilan ha in testa solo le ragazze.

  • 22.08

    La Ventura ogni tanto interviene con alcuni flash sugli anni Ottanta ma è davvero sottoutilizzata. La voce narrante è un'altra.

  • 22.10

    Risotto alla fragola e cervella bollite: il pranzo mette in crisi nera i ragazzi.

  • 22.11

    Una ragazza scoppia a piangere per le pietanze offerte e per la mancanza della mamma. Vorrebbe chiamarla per dirle che le vuole bene. La reazione cinica della sorvegliante: "Non pensa che sua madre sappia già che le vuole bene?". Poi la consola con un atteggiamento più umano.

  • 22.14

    I cinque uditori hanno lezione con il professor Maggi quando gli altri devono andare a dormire.

  • 22.26

    Inizia un'altra giornata: i sorveglianti svegliano tutti con le campanelle.

  • 22.27

    Claudia battibecca con la sorvegliante in quanto si rifiuta di farsi il letto.

  • 22.29

    Altro brevissimo intervento della Ventura, stavolta sulle capigliature anni Ottanta.

  • 22.30

    I ragazzi devono adeguare la loro capigliatura al 1982, ma soprattutto le studentesse non sembrano prenderla benissimo.

  • 22.35

    Il tema della capigliatura diventa ogni minuto sempre più centrale. Una ragazza minaccia di scappare dal collegio. Un'altra: "Per le extension è andato via un mese di stipendio di mia madre e le porto rispetto".

  • 22.39

    Federico Cardamone, la versione baby di Federico Fashion Style, soffre per il taglio del suo ciuffo.

  • 22.42

    Due ragazze si danno alla fuga pur di non farsi tagliare i capelli. Questo porta a duri provvedimenti da parte del preside, che le costringe a farseli tagliare ugualmente e a lavare le scale.

  • 22.51

    Il professor Maggi chiede ai ragazzi il participio passato del verbo porgere ("porto"), poi fa scrivere su tema su benessere e malessere. Alcuni temi vengono letti direttamente dalle voci degli studenti tramite monologo interiore.

  • 22.54

    Claudia non vuole fare il tema per non raccontare episodi brutti del suo passato. Maggi la invita a uscire per schiarirsi le idee. La ragazza al rientro preferisce prendersi un tre.

  • 22.56

    Vincenzo Crispino si rifiuta di leggere il suo tema in quanto il suo papà lo ha abbandonato quando aveva 8 mesi.

  • 22.58

    Complessivamente i ragazzi si dimostrano molto coinvolgenti nella scrittura dei temi. Davvero una bella sorpresa. Si legge e ci si commuove.

  • 23.02

    Adesso è il turno della professoressa Petolicchio di matematica e scienze, che sbatte fuori Asia e poi la fa rientrare chiedendo delle scuse.

  • 23.10

    Claudia Dorelfi finisce dal preside per non aver portato le scarpe in classe. L'uomo la costringe a imparare una poesia di Primo Levi sull'importanza delle scarpe in guerra, da recitare davanti a lui subito dopo la colazione. Bella punizione.

  • 23.15

    Claudia recita perfettamente la poesia davanti al preside e riceve indietro le scarpe. L'uomo: "Sono contento ma lei deve dirozzarsi: è rozza, sembra uscita dalla caverne".

  • 23.17

    Il prof di educazione artistica Alessandro Carnevale è destinato a fare strage di cuori. Il docente parla del celeberrimo slogan degli Jesus Jeans "Chi mi ama mi segua" firmato da Oliviero Toscani.

  • 23.21

    Roberta Zacchero parla del suo passato da anoressica.

  • 23.22

    Il povero Tricca è continuamente bloccato dalla sua ansia. Carnevali: "Lei ha paura di cose che non sono successe. Provi a far tacere quelle voci".

  • 23.25

    Lezione di educazione musicale: i ragazzi devono cantare "Felicità" di Albano e Romina. Intervento nostalgico della Ventura sulla esibizione del duo a Sanremo.

  • 23.26

    La lezione di geografia è questa. Segue educazione fisica.

  • 23.28

    Maggi consegna i voti dei temi e spiega Gabriele D'Annunzio. Una voce scandalizza il prof: "Era un estetista". Un altro, saggiamente: "Faceva parte del Decadentismo". Interventi telefonati per far ridere, e poi a 16 anni nessuno ha mai sentito parlare nemmeno per sbaglio di questa corrente letteraria.

  • 23.33

    Atto di vandalismo in corso. Sapendo che il corpo docenti è severissimo, sembra tutto un po' costruito. Il preside ha una reazione molto severa, elogiando solo Maggy Gioia che non ha partecipato all'atto di vandalismo pur non essendo tra gli uditori. L'uomo invita i colpevoli a togliersi la divisa e a rimettere tutto a posto. Sembra una punizione molto soft.

  • 23.39

    Inizia la lezione di inglese con il professor Callahan.

  • 23.40

    La Ventura passa in rassegna le sottoculture anni Ottanta, dai punk ai rockabilly.

  • 23.52

    Il preside ritorna a farsi sentire con una punizione meno soft rispetto a quella precedente relativa alla bravata. I ragazzi perdono la dignità di collegiali e dovranno rifare la prova di accesso, stavolta senza possibilità di riserva (speriamo non finisca a tarallucci e vino). Infine, Benedetta chiede di uscire dal programma per la mancanza dei genitori e ottiene di abbandonare Il Collegio. La prima più che convincente puntata de Il Collegio finisce qui. Le anticipazioni della seconda prefigurano un tutti contro Mario Tricca, reo di essersi voluto tirare fuori dall'atto di vandalismo.

Prima puntata più che convincente per Il Collegio, il docu-reality di Rai2 giunto alla quarta edizione con una ventina di ragazzi catapultati stavolta nel 1982 per ottenere il diploma di licenza media.

Iniziamo col dire che il contesto storico è sembrato in questo caso un contorno: sarà per il fenomeno Stranger Things, ma questo confezionamento da programma anni Ottanta con effetto VHS e sottofondi musicali del periodo non hanno aggiunto nulla dal punto di vista del racconto, almeno nella scrittura, segno che forse si è scelta un'epoca leggermente abusata.

Molto più intriganti sono invece le dinamiche del Collegio: il casting dei ragazzi si è rivelato ottimo, così come non hanno deluso i due mitici sorveglianti, sempre pronti a bacchettare i giovani quando si comportano da scostumati. Ben assortito ancora una volta il corpo docenti, con il sempreverde professor Maggi in testa.

E proprio con il docente di Lettere si è raggiunto il momento più intenso della serata, quando i ragazzi hanno letto pubblicamente i loro temi su benessere e malessere: nonostante i voti non altissimi, gli studenti - molti dei quali con storie difficili alle spalle - hanno rivelato un'ottima capacità di introspezione che con ogni probabilità deriva dall'utilizzo dei social come confessionale. Insomma, Facebook & co. non sono solo cattivi maestri.

Il Collegio ha ancora molto da dire in quanto possiede una caratteristica che lo allontana dagli altri programmi tv: in una televisione che non conosce il senso del limite, il docu-reality esprime la necessità di ordine nella società. Il telespettatore prova un senso di sollievo quando i ragazzi vengono puniti per le loro bravate, sa che Il Collegio è un luogo di giustizia anche più di Forum.

Davvero un peccato invece il sottoutilizzo di Simona Ventura come voce narrante (il ruolo ufficiale è stato affidato a una voce maschile).

Il Collegio, anticipazioni puntata 22 ottobre 2019


Quarta edizione per Il Collegio, docu-reality che negli anni è diventato un fenomeno di costume presso i giovani e i giovanissimi. Dopo il 1960, il 1961 e il 1968, venti ragazzi (qui il cast di studenti e professori) saranno catapultati direttamente negli anni Ottanta, tra Commodore 64, break dance e Urban Art. TvBlog segue la prima puntata in diretta.

Grande novità di questa quarta edizione è Simona Ventura in qualità di voice over, che arricchirà il racconto con i suoi ricordi riguardo quel decennio particolare. I nuovi collegiali vivranno quindi fra i banchi di scuola del Convitto di Celana di Caprino Bergamasco, i favolosi Anni ‘80, anni in cui molti dei loro genitori con ogni probabilità frequentavano la scuola media. Seguirà ovviamente il consueto esame finale.

Nel kick-off vedremo i 20 ragazzi arrivare al collegio e varcare il cancello che li porterà indietro nel tempo: i sorveglianti li accompagneranno in aula magna dove li attenderà la prima prova, ovvero il test di ingresso. Solo gli studenti più meritevoli avranno diritto alla divisa del Collegio: per qualcuno la gioia di intraprendere questa nuova avventura verrà rovinata dalla paura di restarne escluso. È solo l’inizio di una settimana pregna di emotività in cui non mancheranno i primi segnali di ribellione, per i quali il Preside dovrà  subito a prendere provvedimenti.

Il programma, realizzato in collaborazione con Magnolia - Banijay Group, è basato sul format internazionale “Le Pensionnat – That’ll teach’em” di cui la Rai ha acquisito i diritti.

 

Il Collegio: anticipazioni puntata 22 ottobre 2019: Il Collegio Off


Da mercoledì 16 ottobre è online Il Collegio Off: uno spin-off digital con l’obiettivo di raccontare l’esperienza al Convitto Celana attraverso il punto di vista dei protagonisti della scorsa edizione del programma. Niccolò Bettarini e Valentina Varisco, meglio conosciuta sui social come Valeficent, intervistano, puntata dopo puntata, gli allievi de Il Collegio 1968, per rivivere insieme i momenti più belli della loro avventura, scoprire come è cambiata la loro vita dopo questa esperienza e quali saranno i loro progetti futuri.

 

 

Il Collegio: dove seguirlo


Il Collegio va in onda alle 21.20 su Rai2 ed è disponibile anche in livestreaming su Raiplay.

 

 

Il Collegio: Second Screen


Il Collegio 

dispone dei seguenti canali social:

 

  • shares
  • Mail