Paola Perego contro Barbara D'Urso story. Le due non si "parlano" da Buona Domenica (e ora parla "solo" Lucio Presta)

perego urso

UPDATE: L'ultimo incontro in video tra Paola Perego e Barbara D'Urso risale a marzo 2008, in occasione della presentazione de Lo Show dei record e del successo di MattinoCinque. Quello per la presentazione di Uno due tre stalla è precedente.

E' inutile nascondersi dietro un dito: la querelle tra Paola Perego e Barbara D'Urso, che ha sconvolto le cronache televisive odierne, non nasce dall'oggi al domani. Le due conduttrici più in competizione di Canale 5, ree di contendersi il titolo di comprimarie di Maria De Filippi, si tengono a debita distanza da diverse stagioni tv a queste parte, rimarcando con ostilità il proprio territorio. Dopo la fine della sovraesposizione di Maurizio Costanzo era la conduttrice della Talpa, nel 2006, a vivere il suo momento d'oro, dall'ambiziosa eredità di Verissimo - per la prima volta condotto da una non-giornalista - all'approdo all'ambito contenitore domenicale.

La Perego riuscì a imporsi dove il presentatore coi baffi aveva fallito, non fallendo le sue "Missioni" in daytime anche a costo di pompare l'acceleratore su qualche momento trash di troppo. Dopo aver toccato l'apice della sua carriera, Paola ha iniziato pian piano la sua parabola discendente, con un'immagine sempre più forzatamente entusiasta ma in realtà demotivata da un ruolo stantio nell'azienda.

perego urso Mentre la domenica pomeriggio diventava, infatti, una fascia di cui vergognarsi, Barbara D'Urso si redimeva da flop veri come Reality Circus e Uno Due Tre, Stalla, poi da quello dello stesso Fantasia, con la protezione del marchio di garanzia Videonews, diventando così la regina dell'infotainment. Un titolo che non solo la Perego non era riuscita ad ottenere, ma le era stato negato da una redazione del Tg5 ostile agli ibridismi.

In tutti questi anni di militanza sull'ammiraglia la Perego e la D'Urso hanno avuto pochissime occasioni "per incrociarsi". Il primo caso vide la D'Urso ospite a Buona Domenica nella primavera del 2007 per presentare il suo reality in partenza, Uno due tre Stalla.

AlloraL'anno successivo - nella domenica di Pasqua - la Perego, che pure era ancora sulla cresta dell'onda e non aveva motivi per odiarne l'ascesa, le giocò un brutto tiro: approfittare della presenza di Stefano Bettarini in studio, con cui la D'Urso aveva una breve liaison, per tormentarla sul gossip. La conduttrice partenopea non apprezzò il gesto e quella è stata l'ultima occasione che le ha viste nello stesso salotto tv (a seguire il video relativo - purtroppo - solo al primo incontro tra le due sopra citato e non all'increscioso episodio

Non a caso, infatti, Paola Perego non si è mai collegata con Pomeriggio Cinque, mentre in una rara intervista pre-registrata a MattinoCinque ha "scomodato" per l'occasione anche Claudio Brachino. Nell'ultima stagione tv sono girate ulteriori voci di maretta: da una parte la D'Urso invisa alla Perego perché quest'ultima non definiva mai La Talpa il reality di Paola Perego, dall'altra quest'ultima tronfia di una rivincita con La Fattoria, un programma prima condotto dalla D'Urso e da lei scippato approfittando degli impegni di Barbara ne Lo show dei record.

Insomma, comunicati come quello odierno non nascono da un giorno all'altro, ma va detto che la reazione della Perego - da tempo in cerca di conferme dall'azienda - è assolutamente spropositata rispetto alle effettive dichiarazioni della D'Urso.

Quest'ultima, infatti, ha semplicemente espresso la volontà di redimersi dall'etichetta di tv trash della domenica pomeriggio, che pesava persino su un big della tv come Maurizio Costanzo, aggiungendo nell'intervista al Corriere che Paola Perego resta un'ottima professionista. Che il suo sia stato solo un alibi per non subire la conduzione di un reality, La Tribù Missione India, in cui non crede molto dalla prima intervista? Che La Talpa, non confermata quest'anno, resti il suo unico portafortuna per sancirne la conferma in casa Mediaset?

Diciamola tutta: se la Perego non avesse il boss di Bonolis Lucio Presta come compagno e agente, che non a caso ha "dettato" il comunicato stampa al posto suo, avrebbe potuto permettersi un ultimatum a Mediaset? Il ben più titolato Enrico Mentana lo ha fatto e si vede che fine ha fatto...

  • shares
  • Mail
49 commenti Aggiorna
Ordina: