Anzaldi contro la Rai: “Peggiorata con Dall’Orto. Sul Capodanno doveva pagare Leone. Rai3 flop con Vianello”

Il dem Anzaldi se la prende anche con Garko a Sanremo: “La Rai promuove un divo di Mediaset!”

Continuano i polveroni mediatici sollevati da Michele Anzaldi contro la Rai. Dopo il caso del presunto “licenziamento” di Giannini ordito da lui e dal Pd il membro della commissione di Vigilanza Rai, nonché deputato Pd, se la prende con l’azienda nessuno escluso. Partendo dalla nuova dirigenza:

“Da quando ci sono Antonio Campo Dall’Orto e Monica Maggioni la Rai è peggiorata tantissimo, sia sul piano della comunicazione, sia sul piano della trasparenza. Ogni giorno è sotto accusa per qualcosa e loro non spiegano, non commentano. Niente, zitti, muti… non bisogna disturbare il manovratore. La verità è che si sono rivelati peggiori dei loro precedessori. E dire che li abbiamo messi lì con uno straordinario lavoro di mediazione politica”.

Poi Anzaldi passa a denunciare i singoli casi, incolpando i Direttori di rete:

“Sulla vicenda del Capodanno la Maggioni ha annusato la presenza di fotografi e telecamere ed è venuta a San Macuto a fare il suo spottone personale. Solo che poi l’unico a pagare è stato quel povero disgraziato, mentre Giancarlo Leone è ancora lì, al suo posto. Ed è lui che a caldo cercò di far sembrare una robetta divertente quel penoso inganno grazie al quale milioni di italiani brindarono in anticipo al 2016. La stessa La7 è diventata miracolosamente diretta concorrente di Rai3 grazie alla fallimentare direzione di Andrea Vianello. Che, ovviamente se ne sta pure lì, bello tranquillo al suo posto. I programmi di Rai3 vanno male. Anche il Tg3, non come ascolti ma giornalisticamente. Continua a fare un panino dove mette insieme governo e opposizione, senza dare voce alla maggioranza. Una distorsione inaccettabile. Al contrario, e questi sono giudizi dell’Agcom, il Tg1 e il Tg2 si comportano bene”.

Anzaldi ha una parola buona anche per Franca Leosini:

“Mandano in onda la Leosini… una che io, dopo quello che ha fatto, non capisco come riesca a prendere sonno la notte. Contro il parere del procuratore di Pesaro ha intervistato quello che ha sfregiato Lucia Annibali, un matto condannato a vent’anni di reclusioni nei primi due gradi di giudizio e in attesa del verdetto della Cassazione. E’ servizio pubblico? No, infatti è insorto tutto il Parlamento. Ma Dall’Orto e Maggioni come sempre sono rimasti muti nel loro silenzio, altezzoso e arrogante”.

Quanto al conclamato caso dell’epurazione politica di Giannini, Anzaldi smentisce che lui e il Pd abbiano mai voluto licenziarlo, rincarando la dose sul fronte Auditel:

“Il problema neanche si pone più perché Giannini è stato virtualmente licenziato dagli italiani. Fa ascolti imbarazzanti. Il suo editoriale di martedì scorso è andato in onda tra le 21.05 e le 21.10, esattamente quando Rai3 è crollata all’ultimo posto tra le reti generaliste. Ma siccome Giannini lavora in un’azienda dove ormai tutto è possibile, invece di starsene buono e mortificato, l’altra sera è pure andato a parlare male di chi lo paga, e stendiamo un velo pietoso sulla cifra del suo stipendio a Fuori Onda, su La7”.

Infine, a qualche ora dal debutto del Festival di Sanremo, l’ultima grande polemica:

“E’ normale che la Rai lanci i divi di Mediaset? E’ commerciale? Garko ha pronta un’altra fiction per Canale5, con lui protagonista, che partirà subito dopo il Festival”.

Zan zan.

Ultime notizie su Antonio Campo Dall'Orto

Tutto su Antonio Campo Dall'Orto →