• Tv

Ballando con le stelle e Grande Fratello Vip: il televoto ai tempi dei social, tra anomalie e account stranieri

Un tempo c’erano i costosi call center, oggi basta una connessione ad internet per provare a manipolare le votazioni nei programmi tv

Un tempo c’erano i call center per tentare di manipolare il televoto (come dimenticare la confessione di Lele Mora su Walter Nudo all’Isola dei famosi?), ora sembra possa bastare una molto più economica connessione internet. Lo si deduce dal caso scoppiato nelle scorse ore a Ballando con le stelle, con l’annullamento dello spareggio tra Antonio Catalani e Costantino Della Gherardesca per alcune “anomalie” riscontrate dalla Datalytcs, società incaricata dalla Rai di raccogliere le votazioni dagli account ufficiali del programma di Milly Carlucci che per questa edizione ha scelto di privarsi del televoto, affidandosi solo alle votazioni via social.

Qualche giorno fa una vicenda simile aveva riguardato il Grande Fratello Vip (dove si può televotare con un sms a pagamento, attraverso il sito, con l’app di Mediaset Play e via smart tv), portando il Codacons (sì quello di Fedez e Chiara Ferragni) a presentare un esposto all’Autorità per le Comunicazioni. In quella circostanza alcuni utenti, infatti, avevano notato come sui social fossero apparsi profili spagnoli che avrebbero avviato una campagna di voti in massa a favore della concorrente Adua Del Vesco (sì, quella di Garko, sì, quella di Tarallo, sì, quella di Morra), facendo sorgere il sospetto che la frase riportata nel regolamento ‘il servizio di televoto è riservato esclusivamente ai clienti residenti sul territorio italiano’ potesse essere stata non rispettata.

Se la Rai ha preso posizione (d’altronde a Viale Mazzini è ben vivo il ricordo della multa da 50 mila euro dell’Antitrust durante Sanremo 2011), Mediaset, che per la gestione del televoto del GF Vip ha previsto una struttura interna con notaio, non si è espressa ufficialmente sulla questione, convalidando il salvataggio della Del Vesco ai danni di Franceska Pepe, eliminata.

Al netto dei casi specifici, appare pacifico che in un contesto confuso come la Rete, la manipolazione delle votazioni digitali rappresenti oggi una possibilità (alla portata di tutti) più che concreta nei meccanismi televisivi e che essa rischi di ingenerare polemiche tra il pubblico, soprattutto quando una parte di questo sceglie (perché di libera scelta si tratta) di spendere dei quattrini.