Stasera c’è Cattelan su Rai 2: il gobbo pasticcione è l’unica trovata geniale (ma non originale) della stagione tv

Il personaggio dell’autore maldestro diventa il protagonista dei momenti più trash del piccolo schermo.

Amadeus contro Pedro, il pittore urlante di Linea Verde, il meteorologo di Uno Mattina che si vanta di avere due lauree, il dermatologo dello stesso programma che fa finta di improvvisare un numero musicale: piccoli grandi momenti di televisione che sul web hanno spopolato grazie a pagine come Trash Italiano, Intrashtenimento, ecc., ma grazie a Stasera c’è Cattelan su Rai 2 sono risorti sul piccolo schermo con il personaggio del gobbo pasticcione.

Il gobbo pasticcione è diventato in poche settimane il cult del late night show di Rai 2: il conduttore, inserito in un  veste i panni di un autore che regge dei cartelli che sembrerebbero suggerire le reazioni ai personaggi interessati (“E adesso tiratela“, scrive al meteorologo bilaureato).

Il gobbo pasticcione si potrebbe definire comodamente l’unica trovata geniale di questa stagione televisiva. Il risultato è davvero esilarante, soprattutto per quella fascia di pubblico abituale frequentatrice dei social e delle pagine sulla tv trash. C’è comunque un ma.

Il nostro Massimo Falcioni ha segnalato su Twitter che la gag ricorda molto uno sketch inserito all’interno di Tetris, programma di approfondimento politico di La7 andato in onda negli anni Duemila. In questa clip per esempio si prendeva in giro l’inglese di Francesco Rutelli.

Tuttavia in televisione vale il principio di Lavoisier: nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma. Non è assolutamente detto ovviamente che questa idea sia stata presa da Tetris, ma anche se fosse così, applicata al contesto della tv trash si rivelerebbe comunque vincente.

Il gobbo pasticcione rappresenta un momento imperdibile di Stasera c’è Cattelan su Rai 2, alla pari delle canzoni travisate del Trio Medusa in Quelli che il calcio e i trailer di Mai dire con Maccio Capatonda.

Ci sentiamo a questo punto di spezzare una lancia a favore dello show: Stasera c’è Cattelan su Rai 2  sarà pure il copia e incolla di E poi c’è Cattelan di Sky Uno, ma almeno costituisce una boccata d’ossigeno all’insegna della leggerezza in un palinsesto con programmi che si prendono troppo sul serio o che non fanno ridere nonostante il dichiarato intento comico.

Il pubblico non lo sta premiando – lo share si aggira sul 2-3% di share – ma molto dipende dal traino del prime time, che quest’anno nonostante la rivoluzione di rete non si sta rivelando particolarmente produttivo. Alla critica in generale piace, anche se Aldo Vitali, il direttore di Tv, Sorrisi e Canzoni questa settimana nella sua posta con i lettori lo ha giudicato di nicchia.