Squid Game 2 ci sarà: la conferma del suo creatore

Hwang Dong-hyuk conferma una notizia più che prevedibile, ma non dice nulla sull’uscita della seconda stagione

E’ la notizia più scontata che potrete leggere oggi (ma anche per tutto il resto della settimana): Squid Game 2 ci sarà. Sebbene Netflix non abbia ancora proferito parola a riguardo, a tranquillizzare tutti i fan che attendono un seguito alla prima stagione di quella che è diventata ormai da tempo la produzione originale più vista di sempre sulla piattaforma è il suo creatore Hwang Dong-hyuk.

In un video postato online da Associated Press Entertainment, il regista ed autore della serie che ha diviso (e divide ancora) l’opinione pubblica ha dichiarato che sì, una seconda stagione di Squid Game ci sarà. “Sento tanta pressione, ma anche tanta richiesta ed affetto nei confronti di una seconda stagione”, ha detto, “mi sembra quasi che non ci lasciate scelta!”.

Su quando e come, però, dovremo ancora aspettare:

“E’ nella mia testa proprio adesso, sono nel processo di pianificazione, ma è troppo presto per dire quando e come sarà disponibile. Ma vi prometto questo: Gi-hun tornerà e fare qualcosa per il mondo”.

Una seconda stagione di Squid Game era inevitabile, per due motivi: il primo è il già citato successo della prima stagione, che ha portato la serie sudcoreana a diventare la più vista su Netflix di sempre, superando anche Bridgerton nel numero di visualizzazioni. Il tutto, nel giro di meno di un mese: uscito il 17 settembre 2021, Squid Game è diventato un fenomeno globale già nelle prime settimane di ottobre, raggiungendo la vetta della Top Ten dei titoli più visti in gran parte dei Paesi in cui il servizio è disponibile.

Il secondo motivo sta nella conclusione della prima stagione: se alcune questioni sono state chiuse, alcune sono rimaste in sospeso, forse proprio in vista di un eventuale seguito.

-Attenzione: spoiler-
Ad esempio, dobbiamo capire cosa farà il protagonista Gi-hun (Lee Jung-jae) una volta che ha deciso di non partire per raggiungere la figlia, ma di restare per smantellare l’organizzazione che gestisce i Giochi. In sospeso anche il destino del poliziotto Jun-ho (Wi Ha-joon), a cui Front Man (Lee Byung-hun) ha sparato ad una spalla, facendolo cadere in mare. E poi, perché Oh Il-nam (Oh Yeong-su), il numero 1 e soprattutto uno dei suoi artefici, ha voluto fingersi un giocatore e rivelare poi la verità al protagonista?

Di carne al fuoco, insomma, potrebbe essercene tanta, ma tanta è anche la preoccupazione che Squid Game finisca nel tritacarne delle logiche commerciali e nasca così una saga che più che seguire una necessità narrativa insegue una necessità commerciale.

Grazie al passaparola intorno a questa serie, gli abbonati a Netflix sono incrementati, e quindi i suoi ricavi sono notevolmente saliti. Insomma, Squid Game e tutto il merchandising che vi gira e potrebbe girare intorno ingolosiscono: speriamo solo il… gioco valga la candela.