Skam Italia 6 si farà? La “rigenerazione” firmata Netflix lo rende più possibile

Dopo una quinta stagione profondamente rinnovata ma fedele alla tradizione, Skam Italia potrebbe proseguire

La corsa di Skam Italia 5 è ufficialmente iniziata: da oggi, 1° settembre 2022, la quinta stagione è finalmente disponibile su Netflix dove, va ricordato, si possono trovare anche le altre quattro, prodotte fino alla terza da TimVision e poi in co-produzione.

A giudicare dalla quantità di articoli e commenti che sono piovuti sul web solo nei giorni scorsi, ovvero a seguito della conferenza stampa, non possiamo non chiederci cosa succederà ora che i dieci nuovi episodi sono veramente a disposizione di tutti. D’altra parte, la mossa di Netflix e Cross Productions è stata più che azzeccata: far crescere i protagonisti con situazioni che toccano nell’intimo ma che raggiungono un pubblico che può andare ben oltre il semplice target adolescenziale.

Skam Italia, insomma, è diventato un “nuovo” Skam Italia, così come Elia (Francesco Centorame), protagonista di stagione, è di fatto un “nuovo” Elia. Proprio alla luce di questa sorta di “re-incarnazione”, più matura e consapevole della propria forza narrativa ed emotiva, Skam Italia 6 potrebbe essere una realtà certa già da adesso.

Sia chiaro: Netflix non ha ovviamente ancora parlato di rinnovo della serie per una sesta stagione, ma sembra davvero difficile pensare che Skam Italia possa fermarsi, ora che ha dalla sua una maggiore forza di raccontare tematiche di cui, altrove, ci si potrebbe vergognare. Saranno i numeri parlare, così come saranno le reazioni del pubblico. Ma, in breve tempo, non pochi si chiederanno “Skam Italia 6 si farà?”.

Su questo, Ludovico Bessegato, che della serie è stato regista ed ora è sceneggiatore con Alice Urciuolo, non sembra avere tanti dubbi: “Se ci fosse chiesta e se ci fossero ancora idee e storie da raccontare, non vedo ragioni per cui finire una storia che abbiamo iniziato a raccontare quattro anni fa”, ha ammesso durante la conferenza stampa.

È anche vero, ha aggiunto che “c’è una questione anagrafica con il cast: i personaggi [del cast originale] vanno all’Università, ed i titolari del format ci chiedono che la serie sia legata alla vita del liceo. Quindi se si farà Skam 6 è probabile che continueremo con la transizione tra vecchi e nuovi personaggi. Il cast storico, negli altri remake, sono sempre rimasti. Ma quello che conta è la storia che si deve raccontare, poi viene la presenza del cast storico e di nuovi personaggi”.

E l’impressione è che i membri originali del cast non abbiano intenzione di andarsene: al netto di qualche possibile defezione o della necessità di ridurre il proprio impegno sul set a favore di altri progetti, Skam Italia 6 potrebbe riportare sullo schermo tutta la gang originale. Tra questi, anche Pietro Fasano, Rocco Turano e Federico Cesari (quest’ultimo futuro protagonista di Tutto chiede salvezza, sempre su Netflix).

Interpellati da TvBlog, i tre attori si sono detti assolutamente a favore di un loro ritorno per un’eventuale sesta stagione. “Skam è casa, è famiglia”, sono state in particolare le parole di Fasano, “ha rappresentato tanto per tutti noi. Quindi assolutamente sì, senza neanche sapere [di cosa parlerà]”.

L’idea di un luogo sicuro dove poter stare e recitare ma al tempo stesso essere se stessi è emerso spesso durante la conferenza stampa: evidentemente, è uno dei segreti di una serie che si è rigenerata nel tempo pur restando fedele alle sue origini. E se Skam Francia è arrivato quest’anno alla decima stagione, per Skam Italia sembra davvero poterci essere ancora vita lunga.