• Tv

Propaganda Live, Diego Bianchi positivo al Covid conduce da casa: “Vorrei dirvi che è una gag e invece…”

Diego Bianchi affronta la CAD (conduzione a distanza) per la ventottesima puntata di Propaganda Live: “Ce l’ho fatta per due anni ma…”

A questo giro m’ha preso in pieno” così Diego Bianchi, positivo al Covid, in apertura di Propaganda Live del 22 aprile 2022. Il conduttore del programma de La7 compare prima in un cartonato al centro dello studio come introduzione alla ventottesima puntata, poi eccolo nel videowall dello studio dopo la performance live di Tony Hadley (sì, non uno preso a caso ma Tony Hadley, quello vero).

Per Bianchi stavolta niente abbigliamento casual, così come siamo abituati a vederlo, per la prima parte della serata l’abito d’ordinanza è stato un’inedito giacca e cravatta, un particolare quasi più impattante rispetto a tutto il resto (solo nella seconda parte le vesti ritornano più ‘riconoscibili’).

Fatto il giro delle presentazioni degli ospiti e del cast fisso di Propaganda, Diego prende la parola e con stile ironico gioca sulla sua positività al Covid:

Ma chi ce lo doveva dì (in studio ridono, ndr) eh? io non so proprio come andare avanti vabbè. E’ tutto triste e al tempo stesso divertente, a modo suo. Vorrei dirvi che adesso vengo lì e che questa è tutta una gag che ci siamo inventati, invece no! Sono più o meno al nono/decimo giorno di positività ormai non me lo ricordo più. Niente, ce l’ho fatta per due anni ma a questo giro mi ha preso in pieno. Ma andiamo avanti, sarà un’altra pagina storica di tv.

Twitter, casa delle interazioni di Propaganda Live, letteralmente esplode alla notizia del conduttore risultato positivo: “Accidenti diego mi spiace, pronta guarigione!” scrive una spettatrice, “Ci voleva il covid per vederti in giacca e cravatta e non in t-shirt?” scherza un altro.

Diego Bianchi ride, in studio c’è il sostegno a furia di applausi, ma sa bene che la conduzione a distanza non è mai come bere un bicchiere d’acqua. I richiami alle difficoltà del collegamento sono ricorrenti, dal “Qui c’ho un sacco di cavi” al “Posso vedere twitter, posso distrarmi in mille modi diversi e voi no” per non parlare dei ritardi nel segnale del collegamento che combina il più classico degli inciampi in queste condizioni: i tanti accavallamenti tra una voce e l’altra.

Nonostante tutto, Propaganda Live va avanti per la sua mission: raccontare i fatti, farlo con un sorriso in più senza scordare la riflessione.