• Tv

Movimento Cinque Stelle torna in Rai. Conte: “Accelerato il percorso che porta a una proposta di riforma”

Gli esponenti del Movimento Cinque Stelle potranno tornare ad essere ospitati in Rai. Finisce lo stop stabilito il 17 novembre 2021.

Finisce lo stop stabilito lo scorso 17 novembre da Giuseppe Conte per i deputati e i senatori del Movimento Cinque Stelle: gli esponenti del partito guidato dall’ex Presidente del Consiglio potranno tornare ad essere ospiti nelle trasmissioni Rai. La decisione era stata presa nel giorno che precedette il consiglio d’amministrazione nel quale l’ad Carlo Fuortes portò le nomine dei nuovi direttori del Tg1, Tg2, Tg3, TgR, Rai News 24, Rai Sport e Giornale Radio.

Il Movimento Cinque Stelle rimase infatti escluso da quella tornata di nomine e non vide nominato nessun direttore che si potesse considerare in aria Cinque Stelle, mentre Giuseppe Carboni, direttore uscente del Tg1, non venne riconfermato e neppure spostato alla guida di un’altra direzione (cosa non avvenuta anche in seguito alla nomine per le nuove direzioni orizzontali).

Ecco le parole con le quali Giuseppe Conte ha annunciato tale scelta:

In queste settimane il Movimento 5 Stelle ha accelerato il percorso che porta a una proposta di riforma della Rai. In primo luogo con l’attività e le audizioni a livello parlamentare, il confronto con gli esperti e lo studio delle recenti riforme del sistema radiotelevisivo attuate in altri Paesi europei. Abbiamo anche programmato un evento attraverso il quale, nei prossimi giorni, illustreremo i capisaldi di questo progetto, aprendo un dialogo nel Paese per superare le attuali dinamiche, consunte e dannose, dell’attuale assetto della Rai. Crediamo che sia questo il momento decisivo per proporre una riforma che declini al futuro l’azione della Rai, rendendola appetibile e al passo con le sfide tecnologiche e culturali che i tempi ci impongono. Per queste stesse ragioni, abbiamo deciso di sospendere l’assenza simbolica dalle testate del servizio pubblico radiotelevisivo sulla quale avevamo collegialmente convenuto lo scorso 17 novembre.

Il presidente del Movimento Cinque Stelle ribadisce l’importanza di “metterci la faccia e avere un filo diretto con gli italiani” per spiegare le decisione politiche prese “in uno dei momenti più delicati e difficili di questa pandemia”. Ovviamente il fatto che fra due settimane inizi l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica è solo una casualità…