Miss Italia 2021, una finale che umilia la storia di ottanta anni di concorso

Finale raggelante per Miss Italia 2021. Un passo indietro rispetto al nuovo corso che Patrizia Mirigliani ha deciso di dare al concorso.

Peggio di così forse la finale di Miss Italia 2021 non poteva andare. Una premessa doverosa da farsi perché quanto visto in più di tre ore e mezza di diretta fatica a rientrare nel concetto di programma televisivo, dato che nel corso della serata numerosi sono stati gli elementi venuti a meno per giudicare tale la trasmissione della serata avvenuta sulla piattaforma Helbiz Live, dove erano già state caricate le puntate che precedevano l’appuntamento conclusivo del concorso.

A posteriori si può giudicare negativamente la scelta di affidare la conduzione della finale ad Alessandro Di Sarno, che, se nelle puntate che hanno raccontato i giorni precedenti la finale si è rivelato una buona voce di supporto, ben men adatto si è rivelato nella gestione di una diretta così complessa e articolata. La presenza di Elettra Lamborghini si è rivelata poco rilevante, almeno a sostenere le incertezze di Di Sarno, mentre più interessante è stato il contributo, seppure assai ridotto, di Carolina Stramare.

I problemi della diretta non sono però attribuibili esclusivamente alla conduzione, ma a numerosi errori tecnici che hanno segnato tutta la serata, a partire da un inconveniente iniziale che ha fatto sì che Alessandro Di Sarno sbagliasse ad annunciare la prima miss a sfilare nell’entrata del casinò di Venezia. Numerose le scelte opinabili e i momenti morti sopravvissuti alle prove, la cui unica conferma che ci siano state arriva dalle stories Instagram.

Una diretta che ha portato Miss Italia 2021 a una dimensione squisitamente da prodotto locale di bassa lega: inquadrature imprecise, luci calibrate male, scarsa chiarezza nel raccontare gli snodi fondamentali della serata, preceduti e intervallati da lunghe attese e da numerose incertezze. Una dimensione che si allontana da quanto Patrizia Mirigliani come patron del concorso aveva voluto scegliere per questa edizione di Miss Italia, puntando su una nuova veste artistica e televisiva.

Con questa finale di Miss Italia si è disonorata non solo una lunga tradizione che forse non avrebbe meritato di giungere a un livello tale di pressapochismo, ma anche la premessa su cui sarebbe dovuto ripartire da questa edizione il cammino del concorso.

Ultime notizie su Miss Italia

Miss Italia è lo storico concorso di bellezza nato nel 1939, prima della seconda guerra mondiale, per geniale intuizione di un pubblicitario lombardo, Dino Villani.

Tutto su Miss Italia →