DiMartedì, Della Vedova ‘blasta’ Di Battista: “Io leggo…”

A DiMartedì, Di Battista confonde “supersonici” con “ipersonici” e Della Vedova lo corregge: le scuse dell’ex deputato 5S sono un boomerang.

Alessandro Di Battista è sempre più protagonista di DiMartedì, o quantomeno è colui che più di altri è capace di accendere l’attenzione social sul programma di Giovanni Floris. Dopo la querelle sul finale de La Vita è Bella di Roberto Benigni, l’ex deputato del M5S si è ‘ritrovato’ in un botta e risposta con il Sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova, già segretario di +Europa e per 30 anni attivo nel Partito Radicale.

Tutto ha inizio con Di Battista – che ha ricoperto anche l’incarico parlamentare di Vicepresidente degli affari esteri e della comunicazione nella III Commissione – che parla di “missili supersonici” usati dai russi contro gli ucraini. Si sente Della Vedova correggerlo, sia pur a bassa voce, con “ipersonici”. Da qui la reazione piccata di Di Battista:

“Mi scuso, ho sbagliato. Non è il mio campo, grazie a Dio sono obiettore di coscienza…”

Altrettanto rapida la reazione del Sottosegretario Della Vedova:

“Anche io (sono obiettore di coscienza, ndr), ma leggo…”.

Lapidario. E il sorriso di Nona Mikhelidze, Responsabile di ricerca all’Istituto Affari Internazionali, è un discreto commento.

Per rivedere l’estratto completo della ‘gaffe’ (se così vogliamo chiamarla) di Alessandro Di Battista vi rimandiamo al sito di DiMartedì. Ci viene quasi da commentare che l’acquisto dell’ex deputato del Movimento 5 Stelle nelle fila degli opinionisti si sta rivelando un ‘buon’ investimento per il programma di La7, vista la capacità di ‘engagement’ social delle sue analisi e i suoi commenti.

Il breve estratto, infatti, ha rapidamente conquistato l’attenzione di Twitter e Facebook. E racconta di noi elettori molto più di quanto dica delle competenze degli opinionisti tv.

Ultime notizie su DiMartedì

DiMartedì è un programma d'approfondimento politico, in onda su La7 dal 16 settembre 2014, condotto da Giovanni Floris.

Tutto su DiMartedì →