• Tv

C’era una volta… Azzurro, il festival della musica nato per gli ‘Azzurri’ di Bearzot (VIDEO)

Dal 1982 al 1992 (su Rai 2 prima e Italia 1 poi) Azzurro è stata una delle manifestazioni che ha tenuto alta la bandiera della musica in tv.

Troppo facile parlare di Festivalbar, soprattutto in questi giorni che segnano l’inizio ufficiale dell’estate (calendario alla mano). La manifestazione musicale nata nel 1964 e durata fino al 2007 ha nel suo grembo uno spin-off che pochi conoscono, ma che vale la pena assolutamente ricordare. Si tratta di Azzurro, una kermesse parallela e simile per tanti aspetti al Festivalbar, ma con una differenza sostanziale, i cantanti e le loro hit si sfidano come in una vera gara che si rispetti.

Nacque esattamente 40 anni fa, nel 1982, da un’idea di Vittorio Salvetti che sviluppò l’appuntamento curandolo nei minimi particolari e cercando di tenerlo ben distante per molti aspetti dal celebre evento estivo.

Dietro la sua idea ci fu un onorevole pretesto, fate ben attenzione al suo titolo: Azzurro, a cosa vi fa pensare?

La manifestazione fu voluta perché portasse fortuna alla Nazionale Italiana di Calcio guidata da Enzo Bearzot in vista dei Mondiali di Calcio 1982 in Spagna. Beh, la storia evidentemente dette ragione al pretesto dato il risultato ottenuto poco tempo dopo. Ma gli obiettivi di Azzurro la dicono ancora più lunga.

Questo programma voleva fare di più, avvicinarsi il più possibile a una versione aggiornata di Canzonissima promuovendo sì, la nostra musica, ma evidenziando l’elemento della sana competizione.

Come si poteva realizzare ciò? radunando il meglio del panorama musicale italiano e internazionale del periodo tra solisti e gruppi. Gli artisti, raggruppati in delle squadre dai nomi piuttosto buffi che rappresentavano animali, colori o altri temi, davano sfoggio ai loro successi cercando di portare il maggior numero di voti alle rispettive squadre.

In ogni edizione e fino al 1990, veniva decretata una squadra vincitrice.

Nel 1982, anno della prima edizione condotta da Daniela Poggi, Beppe Viola e l’ideatore Vittorio Salvetti, vinse la squadra dei New Romantic (nome derivante da uno stile musicale) in cui gareggiavano nomi come Gianni Morandi, Riccardo Cocciante, Renato Zero e altri artisti.

Nel 1983 fu la squadra della farfalla rosa a portarsi a casa la vittoria, capeggiata dalle cantautrici Alice e Nada e sostenuta anche da altri cantanti come Franco Battiato, Peter Tosh, Kenny Rogers e Sheena Easton.

Dopo le prime due edizioni trasmesse da Rai 2 con Radio Rai, il testimone venne ceduto a Fininvest e Italia 1 che proseguì la tradizione dal 1984 e fino al 1992.

Anno 1984, la squadra vincente è quella del colore Rosa dentro la quale troviamo anche un’Amanda Lear sulla cresta dell’onda e che bissa la vittoria anche nel 1985 con il Corallo rosso insieme ad una debuttante Alba Parietti canterina e Fiorella Mannoia.

Dal 1986 in poi prendono piede gli ospiti internazionali tra cui i Mental As Anything, Sandy Marton, Tracy Spencer. Nel 1987 Bob Geldof, i The Cure e nell’88 Afrika Bambaataa e Guesch Patti.

Tra i conduttori delle edizioni targate Italia 1 ricordiamo: Eleonora Brigliadori, Fabrizia Carminati, Gabriella G0lia (1984), Milly e Gabriella Carlucci, Licia Colò e Susanna Messaggio (1985); Ramona dell’Abate, Marta Flavi, Linda Lorenzi, Paola Perego (1986).

Per le ultime edizioni ci fu l’approdo di Gerry Scotti (1988-1989 e 1991-1992) ma pian piano Azzurro inizia a farsi sempre più da parte per lasciare lo spazio alla manifestazione ‘padre’, appunto il Festivalbar. L’ultima stagione di Azzurro infatti è stata trasmessa nella primavera del 1992 dall’allora TeatroTeam di Bari.