• Tv

Twin Peaks, la terza stagione a rischio? David Lynch parla di “complicazioni” sul contratto

David Lynch ha detto che la miniserie di Twin Peaks su Showtime potrebbe essere a rischio, perchè ci sono “complicazioni” con il contratto, ma il network non commenta, lasicando nel dubbio i fan della serie tv

I fan di Twin Peaks sono in attesa di un chiarimento da parte di David Lynch che, nelle scorse ore, aveva dichiarato che il ritorno della serie tv cult con una miniserie da nove episodi su Showtime avrebbe potuto avere dei problemi. Il regista e creatore dello show, di cui il network via cavo aveva annunciato una terza stagione ad ottobre, mentre si trovava in Australia in occasione di una mostra d’arte, ha dato il via ad una serie di voci, che hanno fatto pensare ad alcuni che Twin Peaks non possa andare in onda.

In particolare, Lynch ha spiegato che ci sarebbero “complicazioni” nelle negoziazioni con il network. Sebbene il regista non abbia spiegato che genere di problemi siano, in molti credono che si tratti di questioni che hanno a che fare con i contratti, dal momento che Showtime avrebbe ricevuto tutte le sceneggiature della serie tv.

Nella stessa giornata, ospite dalla trasmissione australiana “The Mix”, Lynch ha chiarito il suo pensiero:

“Non sono ancora ritornato e stiamo ancora lavorando su un contratto. Ma adoro il mondo di Twin Peaks ed i suoi personaggi”.

Sembrerebbe strano che Showtime abbia annunciato la produzione della terza stagione di Twin Peaks per poi ritrattare tutto. Andando su Twitter, la situazione si fa ancora più misteriosa: pare, secondo il regista Will McCrabb, che Lynch sia uscito dal progetto ieri:

“Triste riferire la notizia da un amico che è assistente di Lynch che no, (per ora) non tornerà a Twin Peaks”.

I motivi di questo blocco nel contratto sarebbe, secondo il regista, la richiesta di Lynch di avere una percentuale nella vendita dei dvd della serie:

“Il contratto di Twin Peaks non è semplice. Lynch ha il controllo creativo. Ma vuole un’alta percentuale sui dvd”.

Non possiamo considerare certe queste notizie e Showtime non ha commentato. Entertainment Weekly ha contattato una fonte vicina al network, che ha spiegato che non c’è nulla di strano:

“Non c’è nulla di diverso rispetto a quanto succede di solito con le preproduzioni di David Lynch. Tutti sono entusiasti”.

A cosa si sia riferito il regista quando ha parlato di problemi nei contratti, dunque, non è dato saperlo. Di certo, se Lynch dovesse abbandonare il progetto, Twin Peaks non avrebbe lo stesso fascino con cui si è fatto conoscere dal pubblico. E se è certo che tornerà Kyle MacLachlan, interprete dell’agente Cooper, quello del regista è un mistero degno della serie tv.