Amici 13 su Real Time porterà l’emozione che manca alla rete: parola di Laura Carafoli

“Perché Amici 13 su Real Time? Perché vogliamo portare nelll’offerta tv della rete sempre più ‘l’emozione’. E’ una scelta ambiziosa. Abbiamo iniziato con Bake Off Italia e continueremo con Amici 13”

“Perché Amici 13 su Real Time? Perché vogliamo portare nelll’offerta tv della rete sempre più ‘l’emozione’. E’ una scelta ambiziosa. Abbiamo iniziato con Bake Off Italia e continueremo con Amici 13”

Così il vicedirettore di Discovery Italia, Laura Carafoli, ha spiegato le ragioni della scelta di ‘accogliere’ su Real Time Amici 13, il talent di Maria De Filippi, fiore all’occhiello di Mediaset che da quest’anno lascia il daytime del Biscione per sbarcare sul canale 31 del DTT dal 13 gennaio 2014 dalle 13.50 alle 14.45.

Ospite di Tv Talk insieme a Benedetta Parodi per parlare di Bake Off Italia, la Carafoli non ha potuto esimersi dal rispondere alle domande di Massimo Bernardini, curioso di capire le ‘vere’ ragioni di un ‘matrimonio’ così inatteso come quello tra la Fascino della De Filippi e il gruppo ‘emergente’ (ma decisamente ben avviato) della scena tv italiana.

L’emozione è dunque la parola chiave della ‘nuova’ strategia di posizionamento di Real Time:

“Abbiamo fatto le nostre analisi e le nostre ricerche e abbiamo capito che il mondo del lifestyle, sul quale si è fondato quel che abbiamo fatto finora, mancava del tratto ‘emozione’. Bake Off Italia è un primo esperimento per portare l’emozione nella nostra programmazione e per di più in prima serata”

ha detto la Carafoli, certo contenta per i risultati registrati da questo primo tentativo di ‘concorrenza’ nel prime time, fascia finora ‘estranea’ agli obiettivi della rete, che finora ha puntato per lo più sulla seconda serata per le prime tv e nel daytime.

L’emozione, si diceva: è questo quel che manca ai format ‘docu-reality’, docufictional, tutorial della rete ed è quello che invece possiede a paccate Amici 13, soprattutto nella fase della preparazione, dice il vicedirettore di Discovery.

“Di Amici manderemo in onda la scuola, ovvero il sogno, la fatica, il dietro le quinte, quello che accade nelle sale prove, lontano dai lustrini e dai riflettori del serale. Ed era proprio quello che ci interessava di più portare in onda, raccontare”

al contrario di quel che preme invece a Mediaset, come rivelato dalla De Filippi in una recente intervista. Insomma, perfetta sintonia di contenuti e di interessi tra Real Time / Discovery e la Fascino. Ma la domanda non può che nascere spontanea: perché concedere una striscia prestigiosa come quella del daytime di Amici proprio a Real Time? Perché non girarla a La5 o ad altre reti del gruppo Mediaset? “Mediaset è in crisi  e voi avete offerto di più?”, chiede diretto Bernardini.

Ma la Carafoli non vuole entrare nella trattativa economica e torna sulla corrispondenza di amorosi sensi:

“Evidentemente si è creduto nel fatto che Real Time è una casa molto giusta per quel contenuto”

ribadisce il dirigente Discovery.

Ma Bernardini non molla: “Insomma la De Filippi ha capito che siete il cavallo giusto su cui puntare. L’avete pagato tanto?”

“Questa è una domanda indiscreta”

chiude la Carafoli, trincerandosi dietro una specie di ‘no comment’ che come nota giustamente il conduttore equivale a un ‘silenzio/assenso”.

Maria De Filippi ha lo sguardo lungo, si sa, e sa fare i suoi mestieri: chissà che il trasferimento su Real Time non aiuti a trasformare il daytime di Amici un po’ più in ‘Ginnaste – Vite Parallele’ e un po’ meno in “Uomini e donne”.