Rai: Gubitosi conferma la fiducia a Daniel Toaff (Anteprima TvBlog)

Dopo tutto il clamore dei giorni scorsi rispetto alla vicenda che ha riguardato la bestemmia durante la diretta di Rai1 di domenica scorsa del matrimonio di Valeria Marini ed il presunto allontanamento da Rai1 del vicedirettore Daniel Toaff, arriva oggi una novità dal settimo piano di viale Mazzini

di

Sembrava che il matrimonio di Valeria Marini avesse decretato il “de profundis” dell’uomo d’oro del pomeriggio di Rai1 Daniel Toaff, ma oggi arriva una novità dal settimo piano di viale Mazzini. Il direttore generale della Rai Luigi Gubitosi, secondo quanto apprendiamo, ha confermato la fiducia a Daniel Toaff fino al termine dell’attuale stagione televisiva. Le voci per cui Toaff sarebbe stato punito per quella vicenda e allontanato immediatamente si sono rivelate quindi infondate. Come infondate si sono rivelate le voci per cui la Rai avrebbe denunciato Valeria Marini per le mancate riprese del suo matrimonio all’interno della chiesa, in quanto non c’era nessun contratto firmato fra l’azienda pubblica e la bionda neo-sposa. Ma torniamo alla vicenda che riguarda direttamente il vice direttore del primo canale della Rai, in particolare alle motivazioni per la sua eventuale punizione relativa al fatto di domenica scorsa.

Era praticamente impossibile per il dirigente responsabile del programma impedire ad una persona collegata in diretta da un luogo pubblico, di bestemmiare. Forse la motivazione sarebbe stata più comprensibile se la causa di questa “eventuale” cacciata, fosse stata nella scelta editoriale di trasmettere nella televisione pubblica quell’evento mondano. Con un nuovo direttore generale, un nuovo direttore di rete sarebbe anche giusto ci sia anche una nuova linea editoriale, anche se ci risulta che la scelta di fare un collegamento in diretta con il matrimonio di Valeria Marini era stata avallata anche dal direttore di rete. Ma in realtà forse i motivi erano ben altri.

Forse, si starebbe cercando, disperatamente, di trovare una motivazione per allontanare un dirigente che, volenti o nolenti, porta a casa ascolti di oltre il 20% nei pomeriggi del primo canale, evidentemente scegliendo temi, argomenti e impaginazione del rotocalco, graditi al pubblico televisivo, visto anche, per esempio, il risultato di ascolti portato a casa da Così è la vita domenica scorsa. Toaff per qualcuno, sia per autorevolezza che per risultati guadagnati sul campo da moltissimi anni, potrebbe essere diventato una presenza scomoda, una specie di colonnello che riscuote più gradimento nella truppa rispetto al generale al comando. Che alla direzione generale della Rai inoltre, si stia lavorando per svecchiare il parco dipendenti è ormai cosa ben nota. Nei mesi scorsi era partita una campagna di prepensionamenti, per cui il dipendente che, vicino alla pensione, avesse volontariamente deciso di lasciare prima, avrebbe avuto un incentivo dall’azienda.

Non tutti però hanno deciso volontariamente di lasciare prima e forse fra questi avrebbe potuto esserci anche lo stesso Toaff (64 anni) almeno nei desideri di qualcuno ai piani alti di viale Mazzini.Ma questo è un altro discorso che verrà affrontato fra la Rai e Toaff in separata sede, a fine stagione. Per il futuro potrebbe esserci l’arrivo di Maria Pia Ammirati che in attesa di avere Rai5 potrebbe sovrintendere anche la fascia del pomeriggio dopo avere in mano quella della mattina. Si parla anche di un cambio quasi totale del parco autori per la prossima edizione di Vita in diretta, che quindi potrebbe avere uno stampo molto “mattutino”.

Ma, in realtà, non tutto è così semplice, intanto la notizia di oggi è la conferma della fiducia di Gubitosi verso Toaff per questo ultimo scampolo stagionale, poi si parlerà dell’eventuale prepensionamento dell’attuale capo della Vita in diretta e da lì vedremo gli eventuali nuovi scenari che si apriranno.

I Video di Blogo

Maria De Filippi ospite a Domenica In con Mara Venier

Ultime notizie su Luigi Gubitosi

Luigi Gubitosi, indicato da Mario Monti come nuovo direttore generale della Rai.

Tutto su Luigi Gubitosi →