• La7

Piazzapulita e la tensione narrativa tra estetica e sostanza giornalistica

La prima puntata stagionale del programma di La7 condotto da Corrado Formigli

La prima puntata stagionale di Piazzapulita conferma la capacità del programma di Formigli – unica, rispetto agli altri di talk show attualmente in onda – di creare una tensione narrativa.

Il racconto di Piazzapulita, i cui richiami santoriani restano evidenti, ricomincia dalle impressionanti e crude immagini delle terapie intensive girate da Alessio Lasta in pieno lockdown, a cui segue un servizio sulla rimozione estiva del virus in Sardegna. Al rientro in studio si ripiomba, a schiaffo, nel dramma della primavera scorsa con la testimonianza di Asia, figlia di Sirio, morto a marzo scorso a causa di una polmonite. Quindi si passa al talk, con il professor Zangrillo che ‘regala’ la notizia della serata: Silvio Berlusconi se fosse arrivato in ospedale dieci ore dopo o se si fosse ammalato a marzo o ad aprile, considerata la sua carica virale, probabilmente sarebbe molto.

Il ‘film’ della puntata prosegue con il racconto della piazza (e non solo) dei negazionisti, con l’onorevole Cunial che tenta di baciare Lasta.

La forza – da anni – di Piazzapulita è soprattutto nella qualità estetica e giornalistica delle inchieste e dei servizi, curati nei dettagli. Il segmento più politico (quello con Bonaccini ospite in collegamento) smorza la tensione narrativa, tenuta invece alta dall’ottimo monologo di Massini, le cui parole hanno il merito di essere accessibili a tutti.

Detto che l’ultima parte della trasmissione – pur con ospiti di prestigio e interviste interessanti – serve fondamentalmente ad allungare il brodo (per consentire alla rete di coprire con una sola produzione prima e seconda serata e per alzare lo share), Piazzapulita va in controtendenza nella scelta di non prevedere spazi di alleggerimento (niente Gene Gnocchi, niente Mauro Corona, per intenderci) e nel contenimento numerico degli ospiti (niente a che vedere con la sovrabbondanza di Floris e Del Debbio).

Piazzapulita, puntata in diretta, Zangrillo: “Se Berlusconi fosse arrivato in ospedale 10 ore dopo, sarebbe morto”

Piazzapulita, puntata 10 settembre 2020: ospiti e anticipazioni

Stasera, giovedì 10 settembre 2020, su La7 a partire dalle ore 21.10 andrà in onda la prima puntata stagionale di Piazzapulita, il talk show condotto da Corrado Formigli. TvBlog la seguirà in liveblogging.

Al centro dell’appuntamento i numeri della pandemia in Italia, la corsa al vaccino e il caos sulla riapertura delle scuole. Ci sarà spazio anche per un’inchiesta sui negazionisti del covid.

Tra gli ospiti il professore di Microbiologia all’Università di Padova Andrea Crisanti; l’immunologo e direttore scientifico dell’Humanitas di Milano Alberto Mantovani; il professore di Anestesia e Rianimazione del San Raffaele di Milano Alberto Zangrillo, i giornalisti Mario Calabresi, Riccardo Iacona, Paolo Mieli e Antonio Padellaro; lo psicoanalista Massimo Ammaniti e lo scrittore Sandro Veronesi.
Nel corso della serata, come sempre, un nuovo racconto dello scrittore Stefano Massini.

Piazzapulita è un programma prodotto da Banijay Italia per La7, scritto da Corrado Formigli, Mariano Cirino, Alessandra Frigo, Gemma Montinaro e Vittorio Zincone. Il produttore esecutivo è Giovanna Canosa. Curatore per La7, Francesco Del Gratta.