Le tre rose di Eva 4, Anna Favella a Blogo: “Vi presento Cristina Rontal” (VIDEO)

Guarda la video intervista di Blogo all’attrice new entry della serie di Canale 5 in onda da domenica 5 novembre 2017

Domenica 5 novembre – ma dal 9 si sposta al giovedì – parte su Canale 5 la quarta stagione di Le tre rose di Eva, serie prodotta da Endemol Shine Italy e diretta da Raffaele Mertes. Dieci le serate previste. Nel cast, tra gli altri, Anna Safroncik (video intervista), Roberto Farnesi (video intervista), Giorgia Wurth (video intervista), Fabio Fulco, Luca Capuano (video intervista), Euridice Axen, Karin Proia (video intervista), Licia Nunez, Riccardo Polizzy Carbonelli, Daniela Poggi, Gloria Radulescu e Anna Favella.

Blogo ha incontrato Anna Favella, che nei prossimi mesi sarà impegnata in una nuova produzione internazionale top secret firmata Netflix.

Una donna di potere, determinata, affascinante e molto ambigua. È un personaggio che mi ha regalato tante soddisfazioni. Ha un look e un abbigliamento particolari; mi hanno fatto una tinta scurissima e sono vestita sempre di bianco; è un personaggio glaciale ma allo stesso tempo sensuale.

In apertura di post il video integrale dell’intervista.

Le tre rose di Eva | Anna Favella è Cristina Rontal

Sensuale pianista, abilissima nell’uso dei pugnali e spietata affarista. Questa è Cristina Rontal. È a capo di una potente organizzazione d’affari che ha deciso di radere al suolo Villalba e per farlo usa ogni mezzo. La sua azione incombe in maniera sempre più pressante e minacciosa: dapprima sono i suoi emissari ad agire, ma presto sarà lei stessa a scendere direttamente in campo, sempre più vicina all’uomo che è diventato la sua ossessione. Cristina, infatti, è da sempre innamorata di Alessandro, quasi tormentata da ciò che prova per lui ed è in questo sentimento che va ricercata l’origine del suo personaggio e della sua azione spietata, in un forte legame tra passato e presente.

Ultime notizie su Le tre rose di Eva

Le tre rose di Eva è una fiction prodotta da R.

Tutto su Le tre rose di Eva →