Tg1, Dania Mondini ha denunciato cinque colleghi per stalking

Risale ad un episodio del 2018 la denuncia della giornalista del Tg1 Dania Mondini finita alla procura di Roma. Ecco le ragioni.

Un’assegnazione di stanza non affatto gradita e divenuta causa di stress per i conseguenti demansionamenti sarebbe stata la causa della denuncia effettuata dalla giornalista del Tg1 Dania Mondini nei confronti di cinque colleghi che nel 2018 avevano a vario titolo ruoli di responsabilità nella testata.

Tutto sarebbe partito da delle frizioni presenti fra la giornalista e i suoi superiori, che avrebbero così deciso di mettere Mondini in una stanza della redazione in cui era presente un collega che faticava parecchio a trattenere peti e rutti – no, non è una barzelletta. La giornalista rifiuta l’assegnazione e da quel momento però inizia ad essere oggetto di accesi rimproveri per alcuni errori commessi alla conduzione del telegiornale e le vengono assegnati solo “servizi brevi e banali”, secondo quanto riporta oggi La Repubblica ricostruendo il caso.

Dania Mondini decide così di sporgere denuncia. Il pubblico ministero a cui viene affidata l’indagine ascolta sei giornalisti del Tg1: di questi solo una conferma quanto denunciato da Mondini e dunque il pm chiede l’archiviazione del caso, dato che al massimo potrebbe trattarsi di mobbing, da risolvere eventualmente in sede civile. Con un colpo di scena finale però la procura generale decide di intervenire e avoca a sé l’inchiesta, scegliendo di continuare ad indagare per stalking.

I soggetti denunciati da Dania Mondini, che attualmente continua a condurre i tg della mattina, sono l’allora direttore del Tg1 Andrea Montanari, l’ex vicedirettore del Tg1 Filippo Gaudenzi, l’attuale vicedirettrice Costanza Crescimbeni, il caporedattore centrale per la fascia del mattino, Piero Damosso, il responsabile di quella stessa fascia, Marco Betello.