Stranger Things dopo il miliardo di visualizzazioni i Duffer rilanciano tra spinoff e nuove serie tv

Anche uno spettacolo teatrale e l’adattamento de Il Talismano di Stephen King tra i progetti della nuova società dei fratelli Duffer

La quarta stagione di Stranger Things ne ha sancito il successo internazionale, un vero e proprio fenomeno che sia Netflix che i fratelli Duffer, i due creatori, non hanno alcuna intenzione di mollare. Dopo il rilascio venerdì 1 luglio degli ultimi due episodi, la quarta stagione di Stranger Things ha superato il miliardo di ore di visualizzazioni, diventando anche la serie in lingua inglese più vista in una settimana con 335 milioni di ore. Così dopo settimane di indiscrezioni e dichiarazioni è arrivata la conferma dello spinoff di Stranger Things. Ma non solo.

Sull’onda del successo infatti Matt e Ross Duffer hanno deciso di creare Upside Down Pictures affidata a Hilary Leavitt, dirigente con un passato in BBC America e MRC e che tra le altre cose ha aiutato a sviluppare serie come Orphan Black, Ozark, Shining Girls. Come suggerisce il nome scelto, la società sarà imperniata sul mondo di Stranger Things ma naturalmente non sarà l’unico progetto su cui lavoreranno.

Stranger Things tra spinoff e teatro

La società Upside Down Pictures ha naturalmente stretto un accordo con Netflix, piattaforma che ha fatto le fortune dei fratelli Duffer. Tra i primi progetti cui stanno lavorando c’è lo spinoff di Stranger Things, su cui però il duo di autori e creatori non ha anticipato nulla.

Viste le tante voci che si rincorrono Matt e Ross Duffer hanno chiarito che al “1000% sarà qualcosa di diverso” rispetto a quanto abbiamo visto finora. Il legame tra le due serie tv non sarà dato da un personaggio, non sarà quindi uno spinoff su Undici o su Dustin e Steve, tra i personaggi più citati dai fan e nelle indiscrezioni come protagonisti dello spinoff. Bensì il legame sarà definito da una comune sensibilità nella modalità del racconto. I Duffer hanno anche spiegato che sperano di trovare qualcuno adatto a prendere in mano la nuova serie.

Il futuro di Stranger Things non sarà limitato allo spinoff perchè la nuova società dei Duffer sta anche lavorando a uno spettacolo teatrale nel Regno Unito, inserito nell’universo creativo e narrativo della serie, prodotto tra gli altri da Stephen Daldry che ne sarà anche regista e scritto da Kate Trefry.

Oltre Stranger Things: Death Note e Il Talisman

Non si vive di solo Stranger Things. I fratelli Duffer con la loro nuova società stanno lavorando anche ad altri progetti tra cui un adattamento del manga e anime giapponese Death Note, scritto da Tsugumi Ohba e illustrato da Takeshi Obata. La serie racconta la storia di un adolescente che trova un’agenda che gli permette di controllare la vita e la morte: gli basta scrivere un nome per condannarlo a morte. Questo potere corrompe il ragazzo che decide di ripulire il mondo dalle persone giudicate indesiderabili, mentre la polizia prova a fermarlo. Nel 2017 Netflix ne ha realizzato un film ma questa sarà tutta un’altra versione.

Altro progetto è una serie originale creata da Jeffrey Addiss e Will Matthews di cui però non si nulla. Inoltre i Duffer con Paramount Television e Amblin Entertainment di Steven Spielberg, produrranno l’adattamento di Il Talismano, romanzo del 1984 di Stephen King e Peter Straub. La serie sarà scritta da Curtis Gwinn che ha già lavorato con i Duffer a Stranger Things. Al centro la storia di un ragazzo che si sposta tra il New Hampshire e un mondo alternativo chiamato “I Territori” per cercare un artefatto capace di poter salvare la madre.