• Tv

Stop al Canone Rai nella bolletta della luce

Il pagamento del Canone Rai non sarà più inserito nelle bollette dell’energia elettrica: il Governo Draghi lo ha ‘promesso’ all’UE nel PNRR.

Il Canone Rai non sarà più inserito nella bolletta per i consumi di energia elettrica: questa la decisione che il Governo Draghi sta per formalizzare sulla scia delle richieste arrivate dall’Europa.
Come ricostruisce il Corriere della Sera, la Comunità Europea ha più volte chiesto all’Italia di scorporare il costo del canone Rai (i cui 90 euro di costo a ‘famiglia’ viene al momento spalmato su 10 mensilità) da quelli dei consumi per l’energia per motivazioni legate alla necessità di trasparenza e di rispetto della concorrenza; quegli “oneri impropri” finiscono per confondere e così a breve saranno espunti dalle fatture emesse per i servizi di energia. La cancellazione del pagamento diretto del canone Rai in bollette ‘altre’ è contenuta nel disegno di legge sulla concorrenza contenuto nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) legato al Recovery Fund che si attende dall’Unione Europea.

Va così in soffitta la riforma voluta qualche anno fa dal Governo Renzi e concretizzatasi nel 2015 per sopperire alla cronica evasione del canone per il finanziamento del Servizio Pubblico radiotelevisivo (di cui solo una parte arriva davvero alla Rai). La mossa di Renzi aveva di fatto portato a un abbassamento della quota annuale, passata da 113 a 90 euro, in vista di un recupero di fondi dovuto al rientro (inevitabile) di buona parte della quota evasa.

Ora si ritorna al ‘bollettino individuale’ per il pagamento del canone Rai, che ricordiamo essere una tassa di possesso per l’apparecchio di ricezione radio-tv e non un abbonamento ai contenuti ‘pay’ come per le piattaforme e gli OTT. Vedremo come sarà riformulata, dunque, la modalità di pagamento e se il ‘ritorno al passato’ si tradurrà in un nuovo aumento per i consumatori.