Queens – Regine dell’Hip Hop la serie tv su Disney+, essere Nasty Girl a 40 anni

E se le Lollipop tornassero oggi insieme? Una girl band alla riscossa nella serie tv Disney+ Star

Debutta oggi mercoledì 19 gennaio su Disney+ la prima stagione di Queens- Regine dell’Hip Hop serie tv creata da Zahir McGhee (Scandal) prodotta da ABC Signature per ABC e diretta da Tim Story. Al centro la storia di 4 donne di circa quarant’anni che anni prima avevano avuto successo con una girl band e ora cercano di recuperare il centro della scena superando rivalità e gelosie e rimettendo insieme la band. Un po’ come se le Lollipop in Italia decidessero di tornare insieme.

Queens – Regine dell’Hip Hop la trama

La trama di Queens – Regine dell’Hip Hop racconta la storia di un gruppo di donne che a fine anni ’90 avevano ottenuto successo con un gruppo hip-hop chiamato Nasty Bitches. Ma come spesso capita la fama è dura da mantenere e tra liti, rivalità e gelosie il gruppo si spacca e le ragazze si perdono di vista.

Anni dopo, ormai quarantenni, si ritrovano per caso quando la loro hit Nasty Girl torna in auge, con una rapper che vorrebbe riportarle sul palco. La fama torna a bussare alla porta delle Nasty Bitches, sarà la volta buona per ottenere il successo tanto agognato?

Queens – Regine dell’Hip Hop, il commento

Guardando i primi episodi di Queens resi disponibili da Disney appare evidente come l’obiettivo sia stato perfettamente centrato. La serie tv è una drama-soap-musicale da prima serata moderna e contemporanea, perfettamente in linea con lo stile del canale americano che la manda in onda, ABC. Prodotta da ABC Signature parte del gruppo Disney, in Italia fino a un paio d’anni fa sarebbe finita su Fox Life, giusto per inquadrare al meglio la serie tv.

Le Regine dell’Hip Hop sono 4 donne di quarant’anni, che hanno una vita, una famiglia, una carriera, che riempie le loro giornate ma non le soddisfa a pieno. Il ricordo della gloria ottenuta a fine anni ’90 poco più che maggiorenni è ancora forte e quando la possibilità di tornare sotto i riflettori si palesa, supereranno diffidenze e rivalità per avere una seconda occasione nella vita. Profondamente immerso nella cultura pop americana, Queens potrebbe risultare difficile per il pubblico italiano allo stesso modo di Empire, entrambi esempi di uno spaccato di un mondo musicale, culturale spesso lontano dai gusti mainstream europei.

Superando questo aspetto, la serie tratta temi profondamente universali come la voglia di riscatto, il desiderio di ottenere la fama, l’emancipazione femminile in settori a prevalenza maschile.

Queens

Mentre i giovanissimi sono troppo concentrati sui propri smartphone tra tiktok e reels, la serialità sembra volersi rivolgere a un pubblico maturo e che spesso ha dovuto mettere da parte i propri sogni giovanili scontrandosi con la realtà. Se con Glee ci raccontavano come gli adolescenti possono realizzare i propri sogni, oggi la tv racconta quegli ex giovani che non hanno raggiunto i loro sogni ma non per questo devono smettere di sognare, anzi devono abbracciare le seconde opportunità che si presentano. Queens, ma prima ancora The Big Leap, Girl5Eva, ci invitano a credere ancora nei sogni e sperare in una nuova possibilità della vita.

La premessa di Queens è praticamente identica a quella di Girl5Eva (comedy Peacock inedita in Italia) raccontando la storia di una “girl band” riscoperta da un rapper contemporaneo, a differenziarle è lo stile e l’approccio ai personaggi. Il pilot di Queens si apre con il videoclip di Nasty Girl in pieno stile anni ’90 tra extra lusso e sfarzo, ciascuna delle 4 protagoniste mette in luce il proprio talento cantando una strofa del brano e raccontando se stesse. E la direzione che la vita di ciascuno prende lontano dai riflettori è coerente con l’anima del brano.

Queens e il suo creatore Zahir McGhee che arriva dal racconto di un’altra donna forte come l’Olivia Pope di Scandal, sanno a chi si vogliono rivolgere e il pubblico che vogliono intercettare. E anche questa è una importante caratteristica per una serie tv.

Queens – Regine dell’Hip Hop il cast

Parte fondamentale della serie tv Queens in partenza il 19 gennaio su Disney+ è il cast, a partire dalle 4 protagoniste. La rapper Eve è Brianna “professor Sex” Robinson, Brandy Norwood è Naomi “Xplicit”, Naturi Naughton è Jill “Da Thrill”  e Nadine Velazquez è Valeria “Butter Pecan” Mendez. Nel cast anche Taylor Sele nei panni di Eric Jones il manager del gruppo mentre Pepi Sonuga è Lauren “Lil Muffin” Rice.

Queens

Mentre la serie tv era in onda e le riprese in corso, Eve ha annunciato di essere incinta, ma, pur volendosi prendere un periodo di maternità, questo non influirà sulla serie tv. Come rivelato dal creatore della serie tv Zahir McGhee, la produzione si è adeguata alle esigenze di Eve e l’attrice sarà presente nella maggior parte degli episodi della prima stagione che dovrebbe essere composta da 13 episodi. Questo nonostante le riprese si svolgano ad Atlanta ed Eve viva a Londra con la sua famiglia.

Queens – Regine dell’Hip Hop la programmazione

Come per tutte le sue serie tv, anche Queens Regine dell’Hip Hop su Disney+ avrà un rilascio settimanale degli episodi a partire da mercoledì 19 gennaio. Negli Stati Uniti martedì 18 è andato in onda l’episodio 11 su 13 da cui dovrebbe essere composta la stagione.

Queens Le Vere Regine dell’Hip Hop

Su Disney+ è disponibile The Real Queens of Hip-Hop: The Women Who Changed the Game, uno speciale che vuole raccontare l’impatto nella cultura pop delle donne rapper e MC. Guidato da Salt del gruppo Salt-N-Pepa il programma ha raccolto le testimonianze di artiste di oggi come le City Girls e di ieri come MC Sha-Rock, Da Brat, Eve, Trina, Yo-Yo.

All’interno anche un incontro inter-generazionale tra Angie Martinez con Lakeyah, Lil Mama e Roxanne Shantè in cui raccontano le loro esperienze in questo settore così dominato dagli uomini e in cui il corpo delle donne è spesso messo al centro e usato per una certa narrazione dominante.

Queens – Regine dell’Hip Hop, ci sarà una seconda stagione?

Difficile capire oggi se ci sarà una seconda stagione. ABC notoriamente prende decisioni per i rinnovi soltanto a stagione conclusa. Queens ha ricevuto ottimi riconoscimenti da parte della critica, avendo anche un 100% su Rotten Tomatoes (per quanto questi parametri abbiano importanza).

Gli ascolti, come ormai spesso capita nella tv generalista, sono bassi nel dato live non ha mai superato i 2 milioni di spettatori e tra il pubblico della fascia d’età 18-49 il rating si aggira tra lo 0.2 e lo 0.3. Anche solo 5 anni fa questi dati avrebbero portato a una rimozione immediata dal palinsesto. Oggi entrano in gioco altri fattori come lo streaming e per questo una valutazione complessiva sarà probabilmente fatta a maggio da ABC.

Foto Disney – ABC