Premio Campiello 2022, alla conduzione Francesca Fialdini con Lodo Guenzi

Francesca Fialdini, accompagnata da Lodo Guenzi, arriva alla conduzione della premiazione finale dell’edizione sessanta del Premio Campiello.

Il Premio Campiello giunge alla sua sessantesima edizione e torna dopo due anni di assenza al Teatro La Fenice di Venezia. Cambia invece ancora una volta la conduzione della serata di premiazione finale: arriva quest’anno per la prima volta a condurre l’evento Francesca Fialdini. Con lei ci sarà il cantante e musicista, componente dello Stato Sociale, Lodo Guenzi, che aveva già partecipato al Campiello lo scorso anno, affiancando però Andrea Delogu, che era ritornata alla conduzione del Premio, dopo averlo già condotto nel 2019.

Proprio nel 2019 Francesca Fialdini è stata impegnata con la conduzione di Tutti a scuola, l’evento in onda dal Quirinale che apre ufficialmente l’anno scolastico e che viene trasmesso regolarmente su Rai1. Dall’anno successivo è stata la stessa Andrea Delogu a ereditare il suo posto al fianco di Flavio Insinna: si completerà così un altro passaggio di testimone tra le due conduttrici Rai.

Per quanto riguarda il Premio, venerdì 27 maggio verrà scelta dalla Giuria dei Letterati presso l’Aula Magna Galileo Galilei di Palazzo del Bo’, sede dell’Università di Padova, la cinquina finalista per il Campiello 2022 e nella stessa occasione verrà annunciato il Premio Campiello – Opera Prima. La Giuria dei Letterati  è composta da Pierluigi Battista, Federico Bertoni, Daniela Brogi, Silvia Calandrelli, Edoardo Camurri, Chiara Fenoglio, Daria Galateria, Luigi Matt, Lorenzo Tomasin, Roberto Vecchioni, Emanuele Zinato ed è presieduta da Walter Veltroni.

A decretare invece chi sarà il vincitore del sessantesimo Premio Campiello sarà come sempre la Giuria dei Trecento Lettori, che potrà esprimere il proprio voto fino alle 12:00 di sabato 3 settembre, giorno in cui si terrà la finale del Premio, che sarà trasmessa in diretta dalle 20:45 su Rai5.

Ultime notizie su Francesca Fialdini

Tutto su Francesca Fialdini →