Olimpiadi 2020, Rai 2 interrompe la Cerimonia di Chiusura per la pubblicità…

Le Olimpiadi 2020 si chiudono con una cerimonia non propriamente emozionante. Ma se poi si interrompe quel poco con la pubblicità…

Ore 14.13: Rai 2 interrompe la Cerimonia di Chiusura delle Olimpiadi 2020 per mandare la pubblicità. Una scelta a dir poco imcomprensibile, tanto più che cade in uno dei momenti più simbolici della Closing Ceremony, ovvero la premiazione degli atleti che hanno conquistato le medaglie nella Maratona Maschile, l’apice dei Giochi Olimpici.

Giusto il tempo di far ascoltare l’inno nazionale kenyota al pubblico e soprattutto all’atleta che ha conquistato l’oro per la seconda olimpiade consecutiva, Eliud Kipchoge, e via in pubblicità, prima ancora di dare agio al regista giapponese – non il migliore che un’olimpiade abbia avuto – l’opportunità di mostrare in grafica il podio completo.

E dire che proprio alla vigilia della chiusura avevamo notato come la squadra tecnica della Rai avesse fatto uno sforzo micidiale per offrire il più possibile alla fruizione lineare, nonostante le griglie affatto elastiche del Tg2 e dei blocchi pubblicitari. Ma a memoria non ricordiamo un break durante la sia pur lunghissima cerimonia di apertura. Come se l’azienda si sabotasse, come se la ‘burocrazia’ si mettesse di traverso fino all’ultimo allo sforzo produttivo della Rai, volata a Tokyo con strumenti, mezzi, uomini, regia personalizzata, commentatori d’oro, eroi del sonno mancato (Jacopo Volpi) per dare il massimo con diritti al lumicino (e senza streaming).

Certo, un break in una cerimonia olimpica vale, anche in una domenica agostana a quasi 40°, ma il break ha stonato e parecchio. Anche perché ha significato interrompere un’emozione, la prima davvero in una Cerimonia di Chiusura che non ha saputo coinvolgere in presenza e a distanza con una ‘sceneggiatura’ piuttosto fredda. Per le emozioni abbiamo dovuto aspettare i francesi che hanno presentato Parigi 2024 in diretta dal Campo di Marte e dalla Tour Eiffel.

Intanto, Rai 2, non deluderci proprio ora. Non alla fine. Non ci far rimangiare quanto abbiamo detto e scritto di te. Capisco che manderesti in replica le Olimpiadi 2020 tutti i giorni, tutto il giorno visti gli ascolti registrati, ma per adesso dovrai concentrarti sulle Paralimpiadi, dal 24 agosto. Puoi dare il meglio.