• Tv

Nino Frassica, quanto funziona la sua comicità ad Amici 2022? Il rischio della spalla imperfetta è dietro l’angolo

Il comico siciliano appare più a suo agio nel salotto di Fabio Fazio a Che tempo che fa.

Ti trovo in ottimo stato di conservazione“. Così ha detto Nino Frassica a Maria De Filippi, che ospita di frequente il comico siciliano all’interno di Amici, arrivato quest’anno alla sua ventunesima stagione. Stavolta l’attore ha preso di mira Stash, uno dei giurati del programma, chiamandolo “Dash” (gli altri sono Stefano De Martino ed Emanuele Filiberto di Savoia).

Lo schema adottato è stato quello del botta e risposta, un canovaccio ormai collaudato nella sua comicità e sfoggiato in tante altre occasioni, su tutte il Festival di Sanremo. “Sei italiano?“; “Di Napoli“, ha risposto il diretto interessato. “Italo-napoletano“, ha chiosato il Bravo Presentatore, uno dei suoi personaggi storici dai tempi al fianco di Renzo Arbore. Qui conduce il fantomatico Amici Senior.

Dopo aver passato in rassegna le sue competenze musicali, Nino Frassica passa alle domande concernenti la vita privata: “Hai mai fatto l’amore?“. Stash, palesemente tra il divertito e l’imbarazzato. “Due volte“, ribatte il cantante dei Kolors, che qui se la cava bene ma riesce a stento a trattenere le risate. L’intervistato crolla successivamente anche davanti a una  domanda come “Tu hai iniziato prestissimo. A che ora?“.

Ma è tempo di cominciare con una nuova puntata di Amici Senior, ovvero il finto talent show del Bravo Presentatore. Fa il suo ingresso il concorrente Gianfranco Batta, interpretato da Francesco Scali, lo storico sagrestano della canonica di Don Matteo, fiction nella quale tra l’altro Terence Hill ha ceduto il suo testimone a Raoul Bova.

Premesso che la bravura di Nino Frassica non si discute, va detto che la sua presenza in Amici 2022 sembra più un riempitivo per arrivare per questioni di share fino all’una. Il comico siciliano appare molto più a suo agio all’interno del salotto di Fabio Fazio a Che tempo che fa, anche se l’idea di confinarlo alla fine del programma appare ingiusta.