I casi della giovane Miss Fisher, su Raidue ecco il sequel di Miss Fisher-Delitti e Misteri

La nipote della protagonista della serie madre, anche lei dotato di fiuto per l’investigazione, si mette ad indagare in un’epoca di grandi novità

Ricordate Miss Fisher-Delitti e misteri, la serie tv australiana che Raiuno ha mandato in onda per tre stagioni estive fino al 2016? Di questa serie esiste un sequel, I casi della giovane Miss Fisher, di cui Raidue propone da oggi, martedì 15 giugno 2021 alle 21:20, i quattro episodi -da 100 minuti ciascuno- della prima stagione.

La nipote di Phyrne Fisher indaga negli Anni ’60

Non fatevi ingannare dal titolo, che potrebbe sembrare quello di un prequel: I casi della giovane Miss Fisher, in realtà, è ambientato circa quarant’anni dopo la fine della terza stagione, spostandosi fino alla metà degli anni Sessanta.

In questo periodo vive Peregrine Fisher (Geraldine Hakewill), giovane nipote di Phyrne (Essie Davis), la tenace ed abile investigatrice misteriosamente scomparsa dopo un incidente aereo. Cresciuta in una cittadina senza particolari aspettative per il futuro, Peregrine si sposta a Melbourne quando decide di reclamare l’eredità della zia.

E’ così che scopre di essere molto più legata a Phyrne di quanto pensasse: da lei ha infatti ereditato la stessa spiccata curiosità e lo stesso talento nel risolvere i casi, che mette subito in pratica nel primo episodio. Aiutata da Birdie Birnside (Catherine McClements), membro del “Club delle Avventuriere” (di cui faceva parte anche sua zia) e dal detective James Steed (Joel Jackson), Peregrine scopre così la sua strada: diventare anche lei un’investigatrice privata e seguire le orme della zia.

I quattro episodi della prima stagione (una seconda è ora in onda in Australia) vedono Peregrine indagare su altrettanti casi: da quello dell’omicidio di una modella a quello di due cantanti (per cui è accusato un suo ex fidanzato), fino alla morte di un impiegato in un laboratorio segreto ed ad un omicidio in una importante scuola di cucina.

La giovane Miss Fisher in un’epoca di cambiamenti

I casi della giovane Miss Fisher Raidue
© Every Cloud Productions and all3media international

Le creatrici del sequel Deb Cox e Fiona Eagger -le stesse della serie madre-, una volta conclusasi l’esperienza con Miss Fisher-Delitti e Misteri hanno cercato varie idee per uno spin-off della serie. A conquistarle, l’idea di un salto temporale.

A differenza della serie tv originale (andata in onda in Australia dal 2012 al 2015 e da cui fu tratto anche un film), I casi della giovane Miss Fisher è infatti ambientato nella Melbourne della metà degli anni Sessanta. Un epoca storica scelta per la quantità di spunti offerti. Anche Kerry Greenwood, l’autrice della saga di Miss Fisher da cui è tratta la serie, ha accolto con entusiasmo l’idea.

“C’erano dei cambiamenti nell’aria”, ha spiegato la Cox. “Erano gli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, ma non si era ancora verificata la Guerra del Vietnam così come altri eventi politici. Era un periodo in cui le donne avevano un’anima emancipata, grazie alle comodità tecnologiche che le liberavano dagli impegni in cucina”. Per la Eagger, inoltre, “era in corso una liberazione sessuale. In quegli anni usciva la pillola anticoncezionale, c’era un incredibile senso di ottimismo: la musica era favolosa, la moda fantastica, le auto meravigliose, ma stavano anche per arrivare grossi cambiamenti sociali”.

I casi della giovane Miss Fisher, streaming

E’ possibile vedere I casi della giovane Miss Fisher in streaming sul sito ufficiale della Rai, e sull’app per smart tv, tablet e smartphone, mentre da domani si potrà vedere in Guida Tv/Replay.