Eurovision Song Contest, quando Raffaella riportò l’attenzione sull’evento nel 2008 (VIDEO)

Durante l’ultima edizione di Carramba! Che fortuna, Raffaella riaccese i riflettori sull’Eurovision Song Contest credendo nel suo ritorno.

Avete presente il detto “un cerchio che si chiude“? L’esempio più vicino al suo significato è quello che si può citare quando parliamo di Raffaella Carrà e dell’Eurovision Song Contest. Lo sappiamo, oggi è il giorno della prima semifinale, la sera in cui inizieranno le danze di uno degli eventi musicali più attesi di questo 2022. Ma quest’anno il sapore è particolare, non solo perché noi – grandi patriottici – siamo fieri di poter ospitare la grande manifestazione, ma perché c’è un filo che ci lega a Raffaella. Come mai?

Ben prima del 2011 (esattamente nel 2006) Rai ed EBU (European Broadcasting Union) lavorarono nuovamente per tentare di riportare al più presto l’Italia all’Eurovision per il 2007, cioè 10 anni esatti dopo l’ultima partecipazione. La fumata fu nera, si dovette attendere altri anni prima di poter mandare in porto il progetto.

Nel 2008 però accade qualcosa di inaspettato, all’interno di quella che è stata l’ultima edizione di Carramba! Che fortuna, Raffaella volle fortemente riaccendere i riflettori sul concorso, come? ospitando nel suo programma un cantante o un gruppo che ha preso parte all’Eurovision Song Contest 2008 per poter rimettere in primo piano l’attenzione sull’evento e magari riuscire ad aumentare l’interesse.

Così alla prima puntata in onda il 17 settembre 2008 venne ospitato il russo Dima Bilan, vincitore dell’ESC 14 anni fa con il brano Believe.

Le parole di elogio all’Eurovision da parte di Raffa (che ospitò più partecipanti dell’ESC 2008) non passarono inosservate. Certo, da quel momento dovettero passare altri 2 anni prima che Rai decidesse di riabbracciare l’evento inviando la domanda di partecipazione, ma meglio tardi che mai.

Con la riammissione per l’Eurovision Song Contest 2011, per poter mandare il giusto rappresentante Rai puntò sul primo Sanremo di Gianni Morandi. Raphael Gualazzi, vincitore delle nuove proposte del Festival quell’anno, fu il concorrente scelto per riaprire le porte all’evento europeo in Italia dopo anni di silenzio.

Qui Raffaella è la prescelta a commentare sia la semifinale di quella edizione nonché la conduttrice della finale, trasmessa allora su Rai 2 guarda caso Sabato 14 maggio, data che il destino ha voluto tornasse quest’anno, a poco meno di un anno dalla sua scomparsa. Quello che vi mostriamo è il promo di presentazione, quasi perfetto se venisse mandato in onda al posto degli attuali.

Sempre a lei toccò il compito di collegarsi con Düsseldorf (Germania), città in cui si è svolta la manifestazione quell’anno.

All’annuncio della conduttrice Anke Engelke “Buonasera Raffaella Carrà” l’Esprit Arena accolse la star con un vero e proprio boato, evidenziando quanto affetto si prova nei confronti di Raffaella non solo dal nostro, ma da una moltitudine infinita di Paesi, Germania compresa: “Siamo veramente contenti di essere tornati e vi diciamo grazie per la bellezza del vostro spettacolo” disse sorridendo prima di annunciare i punti più alti assegnati dall’Italia ai paesi partecipanti.

Ricordiamo il momento tratto dall’edizione di Eurovision Song Contest 2011:

Il cerchio si chiuderà con l’omaggio confezionato per Raffaella in scena questa sera nella prima semifinale dell’ESC 2022 dal Pala Olimpico di Torino e ufficializzato ieri durante la conferenza stampa dei conduttori Mika, Alessandro Cattelan e Laura Pausini, colei che ha proposto il ricordo per l’icona.