• Tv

Concerto Primo Maggio 2021, Fedez pubblica la telefonata con gli organizzatori e attacca su Instagram la vicedirettrice di Rai 3. La Rai la difende con una nota

Sceso dal palco del Primo Maggio, Fedez pubblica la telefonata avuta con gli organizzatori/autori del Concertone e attacca la vicedirettrice di Rai 3

UPDATE (17:15): Alberto Barachini, Presidente della Commissione di Vigilanza Rai, richiede l’audizione del direttore di Rai 3 Franco Di Mare.

Ritengo doveroso e opportuno chiamare urgentemente in audizione il direttore di Rai 3, Franco Di Mare, per avviare un’indagine conoscitiva completa della Vigilanza sull’accaduto.

UPDATE (13:45): Con una nota l’Ad Fabrizio Salini ribadisce quanto già espresso dalla direzione di Rai 3. E aggiunge:

In Rai non esiste e non deve esistere nessun “sistema” e se qualcuno, parlando in modo non appropriato per conto e a nome della Rai, ha usato questa parola mi scuso.

L’amministratore delegato assicura poi che “sarà fatta luce con gli organizzatori del Concerto”.

*****************************

Il caso che si è aperto ieri, con l’esibizione di Fedez al Concerto del Primo Maggio e la presunta censura messa in campo dalla Rai, non è destinato a chiudersi, almeno per ora. Ieri sera, sceso dal palco del Concertone, dal quale aveva già fornito una versione diversa rispetto a quella comunicata dalla tv pubblica con una nota di pochi minuti prima, Fedez ha deciso di pubblicare come video la conversazione telefonica intercorsa tra lui e gli organizzatori/autori della manifestazione, nella quale ad un certo punto interviene anche la vicedirettrice di Rai 3 Ilaria Capitani.

Secondo il FattoQuotidiano.it, nella prima parte della telefonata il rapper avrebbe parlato con il capo autore Massimo Cinque, il quale avrebbe chiesto all’artista di “adeguarsi a un sistema”, spiegando che “tutte le citazioni che lei fa con nomi e cognomi non possono essere citate”. Nel corso della chiamata poi interviene la vicedirettrice di Rai 3, che specifica che per lei è “inopportuno il contesto” in cui Fedez vuole fare il proprio intervento a favore del ddl Zan, chiamando in causa, attraverso loro affermazioni, esponenti della Lega.

Pubblicato il video che mostra parzialmente la telefonata intercorsa (sono evidenti dei tagli), Fedez decide di aggiungere ulteriori stories Instagram, in cui riporta nuovi frammenti dello scambio di battute avute con Ilaria Capitani. La volontà è quella di evitare che la Rai scarichi le colpe “sui poveri organizzatori”, che questa mattina, infatti, vengono chiamati in causa da una nota di viale Mazzini.

Nel comunicato la direzione di Rai 3 conferma di non aver mai richiesto il contenuto dei testi degli artisti, cosa già comunicata ieri con un’altra nota, e quindi di non avere mai esercitato alcuna censura. Il motivo per cui la Rai non avrebbe alcun interesse a conoscere il contenuto dei testi portati sul palco del Primo Maggio lo avrebbe rivelato la vicedirettrice di rete a Fedez, nel corso della telefonata, in uno dei vari passaggi non riportato:

La Rai fa un acquisto di diritti e ripresa, quindi la Rai non è responsabile né della sua presenza, ci mancherebbe altro, né di quello che dirà.

Sarebbe quindi stata la società che produce il Concertone a chiedere il testo del proprio intervento a Fedez. Si concluderà così la vicenda o nelle prossime ore ci saranno ulteriori sviluppi?