Calenda(rio) fittissimo: 9 ospitate in sei giorni per il leader di Azione

Calenda onnipresente in tv. Da domenica scorsa a venerdì collezionate 9 ospitate. E di riflesso ne beneficiano anche i rivali

Se Carlo Calenda è tutto concentrato sul rispetto dell’Agenda Draghi, noi abbiamo deciso di dedicarci alla sua. Fittissima negli ultimi giorni, soprattutto sul fronte degli impegni televisivi.

Il leader di Azione è stato il dominatore assoluto di questa settimana a livello mediatico. Non che in precedenza fosse sfuggito ai radar. Ma dal 7 agosto l’ex ministro dello sviluppo economico è stato praticamente onnipresente sul piccolo schermo.

La maratona è cominciata domenica scorsa a Mezz’ora in più. Calenda ha scelto Lucia Annunziata per annunciare il sofferto divorzio dal Pd, dopo l’accordo siglato appena quattro giorni prima. Lunedì è stata invece la volta de La Corsa al Voto, su La7, mentre martedì c’è stata la prima doppietta, con l’europarlamentare in onda sia a Morning News al mattino su Canale 5 che a Filorosso in prima serata su Rai 3.

Mercoledì sveglia presto per garantire la partecipazione ad Omnibus La7, seguita prima di cena dall’apparizione al Tg4. Ancora Rete 4 giovedì, con l’intervista rilasciata a Zona Bianca e ‘capatina’ improvvisata qualche ora dopo a In Onda, con l’inviato Luca Sappino che lo ha intercettato in strada. Venerdì, infine, tappa ad Agorà Estate.

Il conteggio – si badi bene – non considera gli interventi nei canali all-news, nei servizi dei telegiornali e nelle varie radio che spesso godono di una rete dedicata sul digitale terrestre.

Se c’è chi sostiene che sia eccessivo lo spazio concesso al segretario di partito con percentuali limitate, è tuttavia innegabile come Calenda abbia avuto il merito – o perlomeno la capacità – di accendere la discussione politica delle ultime settimane. Divisivo, schietto, senza peli sulla lingua e di forte impatto, Calenda non passa inosservato. O lo ami o lo detesti, senza vie di mezzo.

In un sistema calendacentrico, a beneficiarne sono anche i pianeti che gli ruotano attorno. Nella settimana dello strappo con Sinistra e Verdi, pure i rivali Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli hanno goduto di un posto al sole, accumulando rispettivamente  quattro e sei ospitate.