• Tv

Buongiorno Benessere, una succursale di Unomattina con il Covid come unico indicatore temporale

Senza la pandemia il contenitore condotto da Vira Carbone potrebbe benissimo sembrare un programma anni Novanta (e non solo).

Se non fosse per la pandemia che attanaglia il pianeta da due anni, Buongiorno Benessere potrebbe benissimo sembrare un programma Rai degli anni Novanta. A condurlo il sabato mattina sull’ammiraglia c’è Vira Carbone, che sui social ha avuto il suo momento di popolarità quando Pierluigi Diaco a Io e Te l’aveva rimproverata per il cellulare acceso, per giunta mentre in studio si parlava della dipendenza dai cellulari.

La trasmissione naturalmente è stata molto incentrata sul Covid, con la conduttrice che si è anche sottoposta a un tampone salivare. In apertura di puntata sono stati dati con esperti in collegamento i dati del contagio, per poi lasciare spazio al sottotema del long Covid, del quale effettivamente si parla poco (si tratta degli eventuali effetti a lungo termine della malattia).

E qui sono partiti alcuni degli stilemi tipici di un programma che si occupa di salute: l’immancabile intervista al medico mentre visita un paziente non giovanissimo, irsuto anche sulle spalle e sulla schiena. La scelta di riprendere un soggetto del genere al posto di un paziente glabro è sicuramente l’intenzione di aderire il più possibile alla realtà. Si tratta di uno stilema caro anche a Medicina 33, ma molto meno comune in altri contesti televisivi e cinematografici (pensiamo agli attori delle fiction, per ovvi motivi molto più curati).

Dopo il servizio, la Carbone, che nel frattempo si era sottoposta anche a un tampone salivare, ha parlato con due esperti del Long Covid: scontati ma sempre utili gli elenchi esplicativi con le caratteristiche dello “spin-off” della malattia.

Inoltre, settembre non può che rappresentare il mese della ripartenza, anche dal punto di vista dell’alimentazione. In studio Vira Carbone ha ospitato una nutrizionista per fornire al pubblico a casa qualche consiglio, tra i quali mangiare almeno due volte a settimana il pesce e cenare con poco la sera. Immancabile in tale circostanza il tavolino ricolmo di frutta e verdura davanti all’esperta, senza il quale probabilmente il discorso della nutrizionista avrebbe avuto meno impatto. Peraltro, viene lecito chiedersi, che fine fa tutta quella roba?

Il filone del mangiar sano si è mantenuto con Marco Bianchi, che dopo un’estate da titolare con Lineaverde Estate torna in studio a cucinare la patata viola, mentre ancora una volta il maestro di danza Samuel Peron di Ballando con Le Stelle si conferma titolare della rubrica su corpo e movimento. Insomma, Buongiorno Benessere è una succursale di Unomattina nel palinsesto del sabato mattina di Rai1 con il Covid come unico marcatore temporale.