Avanti un altro, sabato terminano le puntate inedite. Dal primo maggio via alle repliche

Avanti un altro saluterà sabato con la messa in onda delle puntate inedite pre-covid mai trasmesse. Dal primo maggio via alle repliche

Dopo Avanti un altro c’è ancora Avanti un altro. Terminerà sabato la messa in onda delle puntate inedite del programma, registrate oltre due anni fa, ma mai trasmesse a causa dell’esplosione dell’emergenza coronavirus.

Cinquanta episodi in tutto, mandati dallo scorso 12 marzo, subito dopo il termine dell’undicesima stagione che era cominciata a gennaio.

Gli spettatori si sono pertanto imbattuti per un mese e mezzo in un contesto letteralmente diverso, con studio pieno, pubblico libero da mascherine, abbracci e contatti a valanga, vecchi volti del ‘salottino’ e barriere di plexiglass assenti. Inevitabilmente, è anche accaduto che qualche domanda risultasse anacronistica, o del tutto inopportuna, come l’incolpevole ironia di Paolo Bonolis nei confronti di un ragazzo ucraino a cui chiese di tradurre nella sua lingua il tormentone del game “ricordati che devi morire”. Un rischio elevato quando si tiene congelato un prodotto per un biennio.

Un pericolo che non scomparirà, visto che da domenica primo maggio Canale 5 ripartirà con le repliche di appuntamenti pre-covid, probabilmente legati alla stessa stagione.

Ad oggi non si sa per quanto tempo si protrarrà la programmazione e soprattutto quale sarà la reazione degli appassionati, che hanno garantito in queste ultime settimane una media vicina al 20% di share.

Non è nemmeno da escludere che in vista dell’estate possa andare in scena una staffetta con altre repliche, stavolta di Caduta Libera. Calda stagione che, tra l’altro, garantirà il recupero in prime time delle puntate rimanenti di Avanti un altro…pure di sera che erano state sospese a febbraio.