Amazon Prime aumenta il costo dell’abbonamento: come si comportano gli utenti?

Listini ritoccati al rialzo per l’abbonamento ad Amazon Prime dal 15/9. Tra polemiche e dubbi sui social ecco i nuovi costi per fare chiarezza.

Amazon Prime torna a far parlare di sé a pochi giorni dalla presentazione dei palinsesti di Prime Video seguiti anche da TvBlog. Dall’esaltazione per i prodotti che metterà in campo la piattaforma nella sua prossima stagione 2022/23, si passa a qualche sorriso in meno. La causa è una e da qualche ora è già chiara agli abbonati: Amazon Prime aumenta il prezzo dell’abbonamento a partire dal 15 settembre.

La comunicazione è arrivata nella giornata di oggi, martedì 26 luglio 2022. Si tratta di un fulmine a ciel sereno? Per certi aspetti sì dato che recentemente non c’è stata avvisaglia su imminenti cambi di passo, per altri tratti no se pensiamo che gli aumenti di questi ultimi periodi stanno colpendo molte aziende per causa dell’inflazione, tant’è che è proprio questa la motivazione legata all’aumento.

Amazon Prime, quanto costerà l’abbonamento dal 15 settembre 2022

La crescita del prezzo dell’abbonamento sarà applicato a tutte le tariffe, sia mensili che annuali, sia ai classici abbonamenti Prime che a quelli Prime Student e sarà così composto:

  • l’abbonamento annuale Prime passerà da 36 euro a 49,90 euro
  • l’abbonamento mensile Prime da 3,99 euro a 4,99 euro
  • l’abbonamento annuale Prime Student da 18 euro a 24,95 euro
  • l’abbonamento mensile Prime Student da 1,99 euro a 2,49 euro

Per chi intende abbonarsi prima del 15 settembre ed usufruire di tutti i servizi Amazon (Prime Video incluso), è chiaro il costo sarà ancora quello attuale (36€ se sceglie l’abbonamento annuale, 3,99 se mensile), dopo di che l’utente sarà inevitabilmente coinvolto nei nuovi costi.

Amazon Prime, l’annuncio dell’aumento dei costi

Agli abbonati di Amazon Prime è stata inviata la comunicazione delle nuove tariffe tramite un’email che dice:

Gentile cliente Prime,

Grazie per essere iscritto ad Amazon Prime.

Ti contattiamo per informarti di una modifica futura al prezzo del tuo abbonamento.

A partire dal 15 settembre 2022, il prezzo dell’abbonamento Prime mensile aumenterà da 3,99€ a 4,99€ al mese e il prezzo dell’abbonamento Prime annuale aumenterà da 36,00€ a 49,90€ all’anno. La nuova tariffa si applicherà ai rinnovi a partire dal 15 settembre 2022 incluso. Puoi verificare la tua prossima data di rinnovo, modificare o cancellare il tuo abbonamento visitando il tuo account.

Questa modifica è realizzata sulla base di, e in conformità con, la Clausola 5 dei Termini e Condizioni Amazon Prime. Le ragioni di questa modifica sono relative a un aumento generale e sostanziale dei costi complessivi dovuti all’inflazione, che incide sui costi specifici del servizio Amazon Prime in Italia e si basano su circostanze esterne, fuori dal nostro controllo.

Continuiamo ad impegnarci per migliorare il servizio di Amazon Prime per i nostri clienti. È la prima volta che modifichiamo il prezzo di Prime in Italia dal 2018. Nel frattempo, abbiamo ampliato la selezione di prodotti disponibili con consegna Prime veloce illimitata, senza costi aggiuntivi; abbiamo attivato e migliorato la consegna di generi alimentari con Amazon Fresh; e abbiamo aggiunto sempre più intrattenimento digitale di qualità, come serie TV, film, musica, giochi e libri. In particolare, Prime Video ha ampliato la raccolta di serie e film Amazon Originals e ha attivato l’accesso allo sport dal vivo, come la UEFA Champions League.

Cordiali saluti,
Il tuo team Amazon Prime

Amazon Prime, i prezzi negli altri paesi

Se da noi le polemiche sono esplose pochi minuti dopo l’annuncio ufficiale (tanto da mandare Amazon in vetta ai trending topic di Twitter) bisogna anche evidenziare che la ‘novità’ non investe solo il nostro paese. “Tutto il mondo è paese“, e anche fuori dall’Italia non si scherza dato che anche Francia, Germania, Spagna e Regno Unito hanno ritoccato il listino dei prezzi, alzandoli a loro volta.

Ad esempio in Francia l’abbonamento a Prime fino ad ora è costato 49 euro annui, ma sarà innalzato a 69,90. In Spagna (come accaduto da noi) si passa dagli attuali 36 euro ai 49.90 euro. In Germania addirittura dagli attuali 69 euro si passa a pagare ben 89,90 euro e nel Regno Unito da 79 sterline si arriverà a sborsarne 95.

Tornando a guardare nel nostro orticello, in Italia come si muoverà il numero degli utenti dopo l’annuncio dell’imminente balzo dei costi? Ci sarà una contrazione oppure il bacino degli abbonati rimarrà ben saldo? Nei prossimi mesi i numeri diranno la loro.