Scoglio - La morte in diretta

E' morto il Professor Franco Scoglio, maestro del calcio vecchio stile, un uomo rude, un allenatore globetrotter ma da sempre innamorato del suo Genoa, dal cuore evidentemente troppo fragile. E la sua morte avviene mentre, in diretta tv, sta litigando con Preziosi, presidente del Genoa; quel presidente che ha risollevato la squadra più vecchia d'Italia dalla serie C con manovre e ricorsi legali, l'ha portata in serie A e poi l'ha accompagnata nel baratro, mentre oscure voci e poi certezze di partite comprate si manifestavano.

A volerla fare romantica, si potrebbe parlare del calcio vissuto, vero e sudato contro il calcio dei milioni, dei miliardi, delle combine e dei diritti televisivi. A volerla fare romantica, si dovrebbe constatare che il calcio nobile s'è accasciato da tempo, ormai, piegato alle logiche del mercato. Come s'è accasciato in uno studio televisivo il professor Scoglio.
Ma la vita non è romantica, è vita e basta, e non ci si devono leggere metafore di chissà quale sorta. Sì consuma così, nello studio di una piccola televisione locale di genova, Primo Canale, una tragedia che ha dell'assurdo.

La rete locale ha sospeso le trasmissioni, mentre gli altri media si scatenano e Preziosi stesso telefona a La7 per dire che non si sente colpevole.
Senza che nessuno glie l'abbia chiesto, senza che nessuno fosse così idiota da imputargli la morte di una persona in diretta tv.

  • shares
  • Mail