Rai 3, Questioni di famiglia è stato sospeso

Il programma di Rai 3 è stato sospeso.

Gli ascolti conquistati con la seconda puntata andata in onda ieri sera, venerdì 28 novembre, hanno parlato chiaro: 386.000 telespettatori, pari ad uno share dell'1,47%, sono un risultato ampiamente insoddisfacente per un programma in onda in prima serata su Rai 3.

Andrea Vianello, direttore della terza rete di Stato, quindi, ha deciso di sospendere la messa in onda di Questioni di famiglia. Questo è il comunicato con il quale Vianello ha voluto ringraziare la giornalista e scrittrice Marida Lombardo Pijola:

Ringrazio tutto il gruppo di lavoro, gli autori e la conduttrice Marida Lombardo Pijola, che si è dimostrata brava, coraggiosa e di grande sensibilità come ci aspettavamo. Purtroppo il programma, in quella collocazione con i temi delicati che affrontava, non è riuscito ad intercettare l'attenzione del pubblico. Quindi fermiamo le macchine e cercheremo di riflettere su come e se proseguire nel progetto di raccontare la famiglia italiana di oggi.

questioni di famiglia conf

Durante la conferenza stampa del programma, Andrea Vianello manifestò la volontà di puntare fortemente sul programma, annunciando anche una serie di puntate nel 2015:

Faremo 4 puntate fino a Natale e arriveremo fino a 12 puntate nel 2015. E' un programma che avrà bisogno di tempo. Ci investiamo con una serialità prolungata. E' il progetto giusto. Volevamo inserire la famiglia nel racconto della realtà. La famiglia era un tassello che mancava, era un'esigenza. Questioni di famiglia è un modo accattivante ma di servizio pubblico per raccontare la famiglia in prime time. Questo programma è l'elemento mancante del nostro puzzle. Il nostro è un investimento significativo. E' un programma positivo.

La buona volontà di Andrea Vianello apparve innegabile e soprattutto apprezzabile ma, al di là di tutti i buoni propositi, è doveroso fare i conti anche con i numeri che, in questo caso, si sono rivelati spietati.

La decisione di sospendere Questioni di famiglia, quindi, è ovviamente più che sensata.

Nonostante abbiamo utilizzato il verbo sospendere, il comunicato di Vianello ("Cercheremo di riflettere su come e se proseguire nel progetto di raccontare la famiglia") non esclude anche la soppressione in toto del programma. La trasmissione, quindi, potrebbe non avere una seconda possibilità nel 2015.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: