Rai.tv verso la compatibilità multipiattaforma

Il nuovo portale Rai.tv
Il recentissimo restyling del portale Rai.tv, sul quale è possibile reperire su internet i contenuti video della nostra tv di stato, aveva scatenato non poche polemiche.

Alla grafica accattivante del nuovo Rai.tv si era accompagnata infatti una più decisa implementazione della tecnologia Active X che di fatto rendeva il sito compatibile esclusivamente per gli utenti Windows utilizzatori di Internet Explorer. Una scelta che tagliava fuori non solo tutte le piattaforme alternative (Mac e Linux), ma anche i tanti utenti Windows che preferiscono Firefox ad IE.

Un vero peccato visto che, dopo un'attenta navigazione, la nuova versione dello "YouTube della Rai" appariva decisamente più funzionale del passato, ancora con qualche difficoltà a rispondere correttamente alle ricerche "testuali", ma con un efficace sistema di catalogazione dei contenuti trasmissione per trasmissione.

Se la scelta di soluzioni grafiche innovative, molto vicine agli stili di Mac Os X, Windows Vista e del cosiddetto Web 2.0, era il passo con i tempi, non lo era certo la scelta della tecnologia. Il tutto in palese violazione del Decreto Stanca del 2004 che imponeva di eliminare gli ostacoli di compatibilità fra le diverse piattaforme.

Per una volta le proteste non sono passate inosservate e ieri, come riportato dai nostri colleghi di MelaBlog, i più sensibili alla vicenda, la Rai ha fornito una risposta che ha l'obiettivo di risolvere questo genere di problemi:


Prendendo spunto dalle segnalazioni e proteste di tutti voi utenti Internet relativamente alla accessibilità dei contenuti audio/video sul portale Rai.Tv , comunichiamo che l’ultima versione di prodotto già disponibile on line all’indirizzo www.rai.tv , ha introdotto alcune variazioni tecniche:

1. L’uso di ActiveX viene limitato (tramite riconoscimento di userAgent) alle pagine web presentate agli utenti su piattaforma Windows/Explorer (per i quali non ci risultano problematiche relative alla fruizione)
In tutti gli altri casi la gestione tramite ActiveX è stata eliminata, consentendo la fruizione dei video attraverso i player WindowsMedia, RealOne e FlashVideo.
E’ opportuno segnalare che questa gestione comporterà alcune modeste limitazioni, e cioè:
- le pagine di fruizione dei video utilizzeranno una barra dei comandi non omogenea rispetto ai differenti player
- nelle pagine di fruizione relative ai canali definiti come “WebTv” (Tric&Trac, Zoom, Stracult, ecc.), non viene gestita la riproduzione in sequenza automatica della playlist proposta. Quindi al termine della esecuzione di ogni video, si dovrà selezionare la prossima ‘traccia’ e richiederne il play.

2. Per ridurre la necessità di upgrade del Flash Player, sono stati modificati alcuni programmi ActionScript (flash) in modo da avere una compatibilità del codice con versioni di Flash Player a partire dalla 9.0.28 (precedentemente il sistema richiedeva la 9.0.45) .

3. Rispetto alla disponibilità di contenuti video nei vari formati di codifica, su Rai.Tv sono attualmente pubblicati contenuti digitalizzati in WindowsMedia o RealOne o FlashVideo. Si stanno al momento valutando tutte le opzioni tecnologiche per estendere il numero di possibili fruitori.

Concludiamo dicendo che siamo attentissimi alle segnalazioni di tutti gli utenti web, e che gli interventi descritti rappresentano solo il primo passo di un percorso che vorremmo sempre più condiviso con voi utenti stessi

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: