X Factor Usa, Britney Spears giudice della seconda edizione

Britney Spears sarà giudice nella seconda edizione di X Factor Usa. Il suo compenso sarà di quindici milioni di dollari

Dopo settimane di voci insistenti, nelle scorse ore è arrivata la conferma: Britney Spears sarà tra i giudici della seconda edizione di “X Factor Usa”, in onda sulla Fox la prossima stagione. L’accordo era stato raggiunto tempo fa, ma la cantante ha preferito aspettare prima di confermare la sua partecipazione per migliorare i dettagli del contratto.

Contratto che, stando a quando scrive E!Online, ammonta a quindici milioni di dollari per una sola stagione. “Il contratto è firmato”, ha rivelato una fonte. “C’è stato un tira e molla nelle scorse settimane per negoziare i piccoli dettagli della sua partecipazione, ma è confermata. E’ tutto a posto e lei è più che entusiasta”.

“E’ pronta”, ha poi rivelato la fonte. “Non vede l’ora di sedersi vicino a Simon (Cowell, creatore del format e giudice della versione americana, ndr) e dare tutto ciò che può. E’ entusiasta di poter mostrare al mondo di saperlo fare, e bene. E’ il passo avanti perfetto nella sua carriera.”

L’entrata della Spears nel cast del talent show è una scelta strategica: la prima stagione della versione americana del programma, infatti, non ha brillato in ascolti o, almeno, non tanto quanto sperava il network, che puntata ad avere un altro talent che catturasse pubblico come “American Idol”.

Da qui, la decisione di Cowell di licenziare due dei quatto giudici, ovvero Paula Abdul e Nicole Scherzinger, ed il conduttore Steve Jones (confermato L.A. Reid). L’attenzione adesso è focalizzata sul quarto giudice. La produzione punta ad avvicinare i più giovani, motivo per cui, pare, tra i personaggi contattati ci sarebbero Demi Lovato e Miley Cyrus.

[Foto | © TM News]

Ultime notizie su X Factor

X Factor è un talent show, in onda su Sky Uno. Il programma va in onda dal 2008: le prime quattro sono andate in onda su Rai 2 mentre le restanti sono trasmesse da Sky.

Tutto su X Factor →